Progetto Ivory Milano Coima sgr Piuarch
  1. Home
  2. What's On
  3. Ivory Milano, l’ex stabilimento Isotta Fraschini diventa polo direzionale

Ivory Milano, l’ex stabilimento Isotta Fraschini diventa polo direzionale

L’intervento di riqualificazione, promosso da COIMA, trasformerà l’ex fabbrica automobilistica degli anni Cinquanta in un complesso per uffici innovativo e tecnologico

Piuarch

Progetto Ivory Milano Coima sgr Piuarch
Scritto da Redazione The Plan -

Tra San Siro e City Life sorgerà un complesso per uffici innovativo, tecnologicamente sofisticato e altamente sostenibile. È questo il progetto Ivory, la riqualificazione di parte dell’ex stabilimento della fabbrica automobilistica Isotta Fraschini, che viene trasformata in una struttura a destinazione direzionale, destinata a diventare uno dei poli più smart ed efficienti dal punto di vista energetico del capoluogo lombardo.

Leader dell’investimento è COIMA SGR, gruppo che da tempo si occupa attivamente di ridare vita con interventi architettonici e urbanistici, a patrimoni immobiliari desueti e aree da rigenerare. In questo caso, l’ex stabilimento automobilistico di Piazzale Zavattari, risalente agli anni Cinquanta, sarà rinnovato e convertito in edificio per uffici grazie al concept dello studio di architettura milanese Piuarch, cui COIMA ha affidato l’incarico.  

Ivory offrirà uffici dal design innovativo, in una zona delle zone più vibranti e in espansione di Milano, destinato ad attrarre start up, multinazionali e gruppi di investitori che cercano spazi di lavoro diversi, condivisi, preferibilmente in aree a uso misto. L’intervento prevede infatti la riqualificazione di una superficie di 14.000 m2 distribuiti su 12 piani fuori terra destinati a uffici, cui si affiancheranno 1.400 m2 di terrazze panoramiche, spazi polifunzionali e retail.

Ivory Milano - Piuarch Rendering by and courtesy of Piuarch

 

>>> Scopri anche Corso Como Place a Porta Nuova, progetto vincitore del THE PLAN Award 2022 nella categoria Innovation and Design / Completed

 

Ivory Milano: corpi semplici, eleganti e funzionali

Il progetto di Piuarch prevede di rivestire letteralmente l'edificio esistente con una “doppia pelle”: grandi superfici vetrate, incastonate tra elementi metallici e linee verticali, doneranno alla struttura un look contemporaneo, mimetizzando il recupero di alcuni elementi architettonici della struttura originale. A essere mantenuta sarà appunta l’impronta verticale dell’ex stabilimento industriale, ulteriormente slanciato verso l’alto grazie all’integrazione di una seconda maglia di pilastri oltre all’esistente. Questo permetterà l’alternanza di ampie balconate a terrazze ogni due piani, che estenderanno gli spazi di lavoro all’esterno.

La facciata, di diverse altezze, donerà grande dinamicità alla struttura, le cui logge e aperture permetteranno alla luce naturale di entrare direttamente negli ambienti interni, rendendoli vivi e luminosi. Ivory sarà un polo esemplare per la poliedricità e versatilità dei suoi ambienti, un luogo di lavoro creativo e comunitario fatto di open space flessibili che, affiancato alla zona del retail food & beverage, permetterà alle persone di trascorrere la giornata in ambienti stimolanti e insieme rilassanti.

Ivory Milano - Piuarch Rendering by and courtesy of Piuarch

 

>>> Ecco Torre Gioia 22 a Porta Nuova, il più grande edificio NZEB in Italia

 

Un ruolo centrale nel progetto è rivestito dagli spazi all’aperto, che si sviluppano per tutta la verticalità dell'edificio. All’ottavo e al decimo piano, due grandi terrazze si apriranno sullo skyline di Milano, e saranno attentamente progettate, mediante interventi di rinaturalizzazione, per migliorare il microclima dell’area e integrare l’edificio, sin dal piano terra, nel contesto circostante.

«Il disegno di un nuovo fronte urbano che riprende alcuni elementi del progetto originario degli anni Cinquanta, unito all’obiettivo di coniugare natura, comunità, luoghi di lavoro e tecnologia, diventano gli elementi distintivi del progetto, in cui trovano posto spazi chiusi e aperti, uffici, terrazze. Un edificio di nuova generazione, efficiente da un punto di vista energetico e dotato di spazi di qualità a disposizione delle persone: gli ambienti confortevoli e flessibili si aprono all’esterno con affacci privilegiati sulla città e diventano luoghi di socialità e di relazione, particolarmente importanti negli ambienti dedicati al lavoro».
Gino Garbellini, socio dello studio Piuarch

Ivory Milano - Piuarch Rendering by and courtesy of Piuarch
 

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

 

Un edificio sostenibile che sfrutta le fonti rinnovabili

La riqualificazione di Ivory non può che essere un intervento sostenibile e di grande efficienza energetica. L’edificio progettato da Piuarch sarà rivisto in ogni dettaglio per raggiungere i massimi livelli di benessere nel rispetto dei più alti standard ESG, caratteristica che lo candida a ottenere le certificazioni LEED Gold®WELL Gold®WiredScore Gold®. Anche la scelta dei materiali è frutto di un lavoro approfondito di studio e ricerca: laddove possibile, i progettisti hanno optato per prodotti di provenienza locale e sicuri per l’ambiente, certificati Cradle to Cradle®, basati su strategie di economia circolare.

Oltre il 65% del fabbisogno energetico di ivory sarà coperto da fonti rinnovabili. Verranno infatti installati un impianto geotermico per la climatizzazione, un impianto fotovoltaico in copertura e un innovativo sistema di ventilazione per mantenere alta e salubre la qualità dell’aria negli spazi di lavoro. Lo stesso sistema permetterà anche di contenere gli sprechi di acqua, tramite il riutilizzo per fini irrigui e l’adozione di strategie di indoor/outdoor water efficiency.

Ivory Milano - Piuarch Rendering by and courtesy of Piuarch
 

Le aree comuni e gli uffici verranno climatizzati attraverso lo sfruttamento della tecnologia delle travi fredde, che consentono il diffondersi in maniera omogenea dell'aria fredda o calda, eliminando del tutto la necessità di impianti di condizionamento energivori, per implementare il cosiddetto free cooling.

«La riqualificazione di questo edificio in Piazzale Zavattari 12 risponde alla strategia value-added del nostro Fondo Odissea, che mira alla rigenerazione di edifici al fine di realizzare prodotti di nuova generazione che garantiscano i più alti standard di sostenibilità e di comfort per gli utilizzatori. Ivory è un edificio localizzato in un’area altamente connessa alla rete del trasporto pubblico e privato che si avvia a diventare un nodo nevralgico della città di Milano, ed è stato concepito in modo sinergico rispetto ai progetti di riqualificazione presenti in zona. Il progetto conferma la strategia di COIMA finalizzata al riuso edilizio, che negli ultimi 12 mesi ha portato al completamento di progetti per più di 50.000 m2 con investimenti per oltre 400 milioni di euro, e che prevede ulteriori interventi per 140.000 m2 e un valore di investimento di circa un miliardo di euro».
Matteo Ravà, Head of Fund e Asset Management, COIMA

 

>>> Quali sono gli scenari di rigenerazione urbana a Milano per i prossimi anni? Scoprilo nel volume di Politecnica intitolato Next Milano. 2015-2030 urban regeneration, scritto da Riccardo Dell'Osso e Giancarlo Tancredi

Credits

Location: Milan, Italy
Architect: Piuarch
Developer: COIMA SGR
Gross Floor Area: 14000 m2

Rendering by and courtesy of Piuarch


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054