Progettare un wellness sostenibile
  1. Home
  2. What's On
  3. Progettare un wellness sostenibile

Progettare un wellness sostenibile

Tecnologia, domotica e conoscenza della struttura per spa a minor impatto ambientale

Progettare un wellness sostenibile
Scritto da Redazione The Plan -
Ha partecipato al progetto Starpool

«Una spa dovrebbe essere come un albero: non crescere troppo, ma individuare il giusto equilibrio di forme e proporzioni in base al contesto ambientale».

È da questo principio base che Starpool ha iniziato già da tempo a impegnarsi in una ridefinizione del concetto di wellness, sostenibile e privo di eccessivi consumi energetici, che nell’attuale contesto economico e geopolitico assume un’ulteriore rilevanza. Una progettazione consapevole di nuove spa non può non tenere conto di come tali strutture siano di per sé energivore e, allo stesso tempo, non può prescindere dalla conoscenza delle strutture e dalle modalità di fruizione: progettazione consapevole, dunque, vuol dire «scelte ponderate che riguardano il business model, il risparmio energetico e la sostenibilità», ha sottolineato Paolo Tranquillini, spa consultant di Starpool, così da realizzare spa rispondenti alle reali necessità e alle risorse della struttura. Tra i primi passi indicati da Starpool, in questo contesto, un’approfondita analisi preliminare che consideri l’andamento del mercato turistico, i competitor, il posizionamento, l’identità e il concept per poi andare a definire aree wellness con business model coerenti con l’identità della struttura ricettiva, con il suo mercato di riferimento, con gli spazi adeguatamente progettati, con le risorse disponibili.

Il settore dei business hotel potrebbe essere in tal senso un esempio emblematico: in virtù della sua clientela, in struttura perlopiù a fine giornata lavorativa, potrebbe essere una valida soluzione – più che una spa tradizionale – una cosiddetta dry spa, caratterizzata da soluzioni e trattamenti wellness non troppo lunghi ma parimenti rilassanti e utili a riequilibrare eventuali effetti del jet-lag.

 

Cos’è la dry spa

Starpool, Zerobody Courtesy of Starpool

La dry spa è una soluzione wellness a basso consumo energetico (soprattutto se paragonata a una tradizionale), compatibile con numerosissime aree relax di alberghi, palestre, edifici corporate: la sua tecnologia e le sue peculiarità si incentrano sulla dry float therapy che, come suggerisce il nome, permette una forma di terapia asciutta basata sul galleggiamento sopra oltre 400 litri di acqua calda. L’elemento essenziale, nel caso di Starpool, è Zerobody, il sistema concreto in grado di offrire i benefici della riduzione di gravità. È un’innovazione tecnologica a servizio del benessere rigenerativo, che produce effetti positivi su stress, dolori muscolari e articolari, sonno, concentrazione, recupero psicofisico.

>>> Come valorizzare il potere benefico dell'acqua.

 

Il risparmio energetico

Starpool ©Germano Borrelli, courtesy of Starpool

La dry spa è solo una delle soluzioni che rientrano sotto l’ombrello della sostenibilità e della riduzione dei consumi di energia: l’impegno di Starpool riguarda anche lo studio e la realizzazione di cabine high tech dotate di sistemi di connettività e di tecnologie intelligenti; o, ancora, software in grado di ridurre i consumi energetici e di migliorare il funzionamento e l’automatizzazione delle procedure applicate. Tra i software più recenti vi è Green Pack, il quale è in grado di ridurre i consumi attraverso l’azione di rilevatori intelligenti che evitano fuoriuscite di vapore, controllano il calore e l’umidità dell’ambiente e mantengono la temperatura costante attraverso la gestione del carico energetico. È dunque un sistema avanzato che permette un risparmio energetico medio del 20%.

Un’altra soluzione è Eco-spa Technology che, grazie alla domotica, permette di gestire la spa da device – attivando l’accensione, lo spegnimento, la programmazione –, garantisce teleassistenza e gestione dei picchi.

Un ultimo esempio potrebbe poi essere quello di Sim 4.0, un software che misura costantemente i parametri essenziali delle attrezzature, rileva ogni eventuale calo di performance, monitora l’utilizzo dei prodotti, la rilevazione di anomalie e allarmi e controlla il carico energetico: il tutto in tempo reale sia da parte del cliente che dalla control room Starpool. Nasce così l’opportunità di eseguire una manutenzione predittiva, intervenendo prima che il problema si verifichi. 

>>> Per maggiori info: www.starpool.com

 

|||   ISCRIVITI A THE PLAN   |||   Ricevi direttamente le più belle storie del mondo dell'architettura e del design, gli ultimi progetti realizzati, classifiche e recensioni, consigli su video, gallery e interviste

Credits

Individual photo credits are included in each gallery image

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054