NUOVI HEADQUARTER PROGETTO CMR
  1. Home
  2. What's On
  3. NUOVI HEADQUARTER PROGETTO CMR

NUOVI HEADQUARTER PROGETTO CMR

7 ottobre 2019

Progetto CMR ha inaugurato la nuova sede, concepita per essere la “Casa Italiana dell’Architettura”, traguardo dei primi 25 anni di attività della società fondata dall’architetto Massimo Roj nel 1994 a Milano e al contempo punto di partenza per i progetti a venire. I nuovi headquarter rappresentano il concretizzarsi dell’esperienza pluridecennale dei professionisti di Progetto CMR, riunendo in un unico luogo il know-how nel settore dello space planning, con particolare riferimento al concetto di smart working, le buone pratiche di sostenibilità e gli arredi e prodotti di design firmati della società.
La nuova sede, in via Russoli 6 a Milano, sorge a sud-est della città, in una zona in forte fermento culturale tra l’Università IULM e il complesso di uffici The Sign, firmato anch’esso da Progetto CMR. In principio appartenenti a una ex area industriale, gli edifici che compongono i nuovi Headquarters hanno subito una totale riqualificazione a livello strutturale e impiantistico. Ne è risultata una struttura di tre piani fuori terra e uno interrato, da un colore e diverse funzioni, una canteen al piano terra, sale riunioni e un’Academy dedicata alla formazione al piano interrato, dove troviamo anche la Library, una suggestiva sala dominata da un ampio tavolo e alle pareti i materiali edili, una ricca emeroteca e i dettagli dei più importanti progetti realizzati dalla società. Pervasivo è il concetto di smart working: anche se i sei semipiani sono pensati per ospitare funzioni e attività diverse, ogni spazio è progettato per mutare in funzione degli obiettivi di lavoro. Esempio di questa flessibilità ricercata sono le postazioni di lavoro ad altezza regolabile, che permettono riunioni in piedi o seduti; le postazioni touch down presenti a tutti i semipiani; le sedute privè insonorizzate e aree di lavoro all’esterno, in un continuo ibridarsi di spazi formali e informali per favorire comfort, dinamismo e creatività a seconda delle esigenze dei professionisti. In quest’ottica, immancabili i locker per lasciare i propri effetti personali e potersi muovere liberamente all’interno della struttura in accordo con le proprie esigenze lavorative.
«Per me è un grande onore inaugurare la nostra nuova sede, risultato di un lavoro durato sette mesi che condensa anni di ricerca e di studio», ha dichiarato Massimo Roj, Amministratore Delegato di Progetto CMR. «Abbiamo fortemente voluto un luogo che ci rappresentasse e che potesse raccontare con immediatezza il nostro modo di lavorare e il nostro pensiero professionale. Siamo orgogliosi di inaugurare quindi non solo la nostra nuova casa, ma la Casa Italiana dell’Architettura, un polo che vogliamo mettere a disposizione del quartiere e di altre realtà connesse con i nostri princìpi e attività, in un’ottica di sempre maggiore condivisione e scambio con il tessuto urbano».
La zona Academy al piano interrato, con una capienza di 60 persone, è stata pensata infatti per la formazione sia interna che esterna e potrà essere messa a disposizione di clienti o terzi per eventi e collaborazioni. Il fil-rouge degli spazi della nuova sede è anche la passione per la musica rock e per i suoi personaggi iconici. In ogni semipiano, infatti, emergono dalle pareti le figure chiave di questo genere musicale, rappresentate in maniera stilizzata dall’artista Sergio D’Antonio, un connubio tra rock e architettura che anticipa il nuovo libro di Massimo Roj, in uscita prossimamente. Alle principali band sono anche dedicate le sale riunioni del piano interrato, mentre quelle dei piani fuoriterra prendono il nome di grandi architetti. Progettata per ottenere la certificazione sulla piattaforma LEED, la nuova sede ha una forte impronta sostenibile espressa dalle seguenti attività:

  • Estensione della vita utile delle strutture attraverso il riuso di edificio esistente in stato di abbandono;
  • Riduzione delle emissioni pari a 110 tonnellate di CO2 l'anno, equivalente alla CO2 assorbita in un anno da circa 3200 alberi ad alto fusto;
  • Nessuna emissione di CO, CO2 e NOx in sito;
  • Riduzione consumi acqua stimati in circa 500 m3 l’anno, pari a 1.000.000 di bottiglie da mezzo litro di acqua;
  • Gestione intelligente degli impianti di ventilazione e condizionamento dell'aria e degli accessi;
  • Illuminazione naturale degli spazi e gestione attraverso sensori di illuminamento della luce artificiale;
  • Riduzione dei fabbisogni energetici attraverso l'integrazione di soluzioni passive (isolamento, vetri ad alte prestazioni, schermature solari);
  • Selezione di materiali con alto contenuto di riciclato e certificazione EPD (Environmental Product Declaration) relativa al basso impatto ambientale;
  • Finiture interne a con basse emissioni di composti organici volatili;
  • Progettazione del verde interno secondo i principi della biophilia per utilizzare le capacità rigenerative della natura per il recupero dallo stress;
  • Installazione di una postazione per la ricarica dei veicoli elettrici;
  • Generazione in-situ di energia elettrica da fonte rinnovabile attraverso l'installazione di pannelli fotovoltaici.
  • Promozione della biodiversità con la piantumazione di piante aromatiche native e alberi da frutto;
  • Aumento della permeabilità delle superfici esterne con la realizzazione di prato armato in luogo dell'asfalto.

Tutti gli arredi presenti nella nuova sede sono disegnati da Progetto CMR e prodotti da fornitori partner, come Ares Line, Artemide, Caimi, Citterio, Cuf, Frezza, Liuni, Manerba, Serralunga.


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054