La Torre Aragonese, un linguaggio moderno per dialogare
  1. Home
  2. What's On
  3. La Torre Aragonese, un linguaggio moderno per dialogare con la storia

La Torre Aragonese, un linguaggio moderno per dialogare con la storia

MCM Renato Morganti-Gianfranco Cautilli-Mario Morganti

La Torre Aragonese, un linguaggio moderno per dialogare
Scritto da Redazione The Plan -

L’intervento dello studio MCM Renato Morganti-Gianfranco Cautilli-Mario Morganti è un racconto architettonico tra la volontà di conservare un importante documento storico e la necessità di soddisfare le moderne esigenze funzionali.

La Torre Aragonese, che fa parte del complesso della Cattedrale di Sora, è un antico baluardo difensivo risalente al XV sec. caratterizzato da mura molto spesse, in pietra, rastremate fino alla quota della modanatura intermedia. Le caratteristiche morfologiche della Torre denotano esigenze costruttive di altri tempi che hanno richiesto un aggiornamento basato sulle attuali esigenze. In questo caso, è stato necessario inserire un ascensore all’interno dello spessore murario per abbattere le barriere architettoniche e consentire a tutti di visitare l’interno della struttura. Il progetto prevede interventi puntuali e discreti che realizzano nuove modalità d’uso degli spazi. Il volume cavo, ricavato per sottrazione, consente di ospitare il nuovo corpo ascensore, mentre le due passerelle costituiscono una nuova spazialità, permettono di superare i dislivelli tra le differenti quote degli ambienti interni.

Attraverso un progetto che dialoga con l’esistente, lo studio MCM Renato Morganti-Gianfranco Cautilli-Mario Morganti è stato in grado di costruire un vero e proprio racconto materico che accompagna il visitatore dall’interno all’esterno della Torre. La narrazione è affidata ad una diversa gradazione luminosa che caratterizza gli ambienti, i quali sono stati collegati tramite elementi in acciaio corten. Si tratta di eleganti passerelle che favoriscono il superamento delle barriere architettoniche e valorizzano la percezione spaziale dei locali del mastio. Tutto questo è accompagnato da ulteriori interventi misurati e precisi che contribuiscono a sottolineare la dialettica tra nuovo e antico.

L’uso bilanciato della materia permette di mantenere uno squisito equilibrio tra le istanze dell’antico e le modifiche richieste dalle necessità moderne . Ad esempio la nuova porta che conduce al vano inferiore, integrata con l’originale assieme al maniglione in acciaio inox, che rappresenta l’unico elemento di aggettivazione della superficie metallica. Oppure i parapetti in vetro disposti lungo tutto il percorso, che consentono una completa visibilità degli scavi archeologici circostanti.

L’intervento dello studio MCM Renato Morganti-Gianfranco Cautilli-Mario Morganti sulla Torre Aragonese non si limita ad adattare le forme e la materia preesistenti, ma introduce, per contrasto, elementi moderni che aggiornano il linguaggio storico valorizzandone il fascino architettonico. Analogia e contrasto si traducono in soluzioni non univoche ma modulazioni variabili, capaci di adattarsi all’esistente. Nello specifico questo approccio consente alla materia del nuovo di ribadire il contrasto con la tradizione stereotomica.

Location: Sora, Italy
Architect: MCM Renato Morganti-Gianfranco Cautilli-Mario Morganti
Photo courtesy of Prof. Renato Morganti

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Tag
#Italia  #Acciaio corten  #Edificio religioso  #MCM Renato Morganti-Gianfranco Cautilli-Mario Morganti 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054