Illuminazione, le novità del Supersalone e Fuorisalone 2021
  1. Home
  2. What's On
  3. Illuminazione, le novità del Supersalone e Fuorisalone 2021

Illuminazione, le novità del Supersalone e Fuorisalone 2021

Tecnologie innovative e design essenziale al servizio dello Human Centric Lighting

Illuminazione, le novità del Supersalone e Fuorisalone 2021
Scritto da Redazione The Plan -

Sostenibilità e benessere, tecnica ed estetica: c’è tutto questo e molto altro nelle novità per l’illuminazione presentate quest’anno al Supersalone, curato dall’architetto Stefano Boeri, e al Fuorisalone. Durante la Milano Design Week, che si è svolta dal 5 al 10 settembre tra i padiglioni di Rho Fiera e le strade della città, le soluzioni illuminotecniche sono state infatti tra le protagoniste dell’atteso ritorno in presenza della manifestazione internazionale. A parete, a soffitto, da terra oppure in appoggio su un elemento di arredo, le lampade per interni (e non solo) sono sempre più caratterizzate da tecnologie innovative abbinate a un design essenziale, tra esperienza artigianale e produzione industriale.

 

Artemide tra rigore geometrico e romanticismo artigianale

Artemide ha presentato una serie di apparecchi luminosi disegnata da BIG (Bjarke Ingels Group), gruppo di architetti e designer con uffici a Copenaghen e New York. Tra questi c’è la lampada da tavolo Vine Light, disegnata con una sezione ininterrotta di soli 16 mm di diametro, che forma la struttura e ospita al suo interno tutti gli elementi tecnici. Questa linea pura e minimale, proposta anche in altre versioni come la piantana e l’applique, raggiunge la massima libertà di movimento con due soli snodi. È pensato invece per percorrere interi ambienti il tubo di luce flessibile La Linea, capace di snodarsi liberamente negli spazi interni ed esterni, con elementi di fissaggio che scompaiono all’interno della sezione. Il minimalismo geometrico lascia il posto al fascino del vetro soffiato nella collezione di lampade a sospensione Stellar Nebula, che interpretano la soffiatura artigianale con tecniche di finitura innovative e sono disponibili in tre diverse dimensioni. Tra i nuovi prodotti ci sono inoltre la lampada portatile Takku di Foster + Partners, il sistema di faretti Funivia di Carlotta de Bevilacqua, Flexia di Mario Cucinella, che unisce luce e controllo acustico e nel design richiama l’arte giapponese degli origami, ed El Porís, moderno chandelier di Herzog & de Meuron, leggero e scenografico.

 

Serena Collection di Codega Light, incentrata sul benessere

Codega Light punta tutto sull’innovativa famiglia di lampade Serena Collection, che offre una vasta gamma di funzioni per il benessere, come la sincronizzazione dell’orologio biologico e la sanificazione di superfici e ambienti. Lampade pensate per l’uomo e dotate di un’anima ultratecnologica, ispirate al design essenziale e funzionale delle prime lampade prodotte in serie nel secondo dopoguerra. Luci da relax, da lavoro o da lettura, studiate da un lato per disinfettare superfici e aria contro diversi tipi di agenti patogeni, grazie all’inserimento di luce ultravioletta, e dall’altro per ricostruire l’equilibrio circadiano, attraverso l’emissione di luce a LED in diverse tonalità di bianco, secondo i principi dello Human Centric Lighting. La collezione Serena include sette diverse tipologie di lampade: la piantana Serena Convivio, disponibile anche nelle versioni XL e XXL, le lampade da tavolo Serena Pisana, a cui si aggiungono, per l’ufficio, i modelli Serena Ministeriale e Ovale Studio, Serena Lavoro Variabile 72 e Serena Lavoro Movibile 50, infine la sospensione Serena Sospesa.

 

Foscarini: il racconto del brand e due nuovi prodotti in anteprima

In questa speciale edizione settembrina del Salone, Foscarini era presente a Rho Fiera con un’installazione focalizzata sul suo ultimo progetto VITE e allo showroom in Corso Monforte a Milano, dove sono state svelate in anteprima due luci, figlie di collaborazioni d’eccezione: Nile, firmata da Rodolfo Dordoni, e Chiaroscura, disegnata da Alberto + Francesco Meda. La prima è una lampada pensata per la zona giorno che nasce dall’incontro di due materiali: presenta infatti una base in marmo su cui si incastra ad angolo un diffusore in vetro. La seconda è invece una lampada da terra costituita da una struttura triangolare formata da estrusi di alluminio dotati di strisce LED, che emette luce d’ambiente ai lati e una luce diretta a soffitto. Foscarini celebra inoltre i vent’anni del Compasso d’Oro assegnato nel 2001 alla lampada da terra Mite di Marc Sadler, con la presentazione della nuova versione Mite Anniversario. Tornando invece a Rho, il progetto VITE, realizzato con il fotografo, artista e regista Gianluca Vassallo e con lo scrittore Flavio Soriga. Un racconto per immagini, video e parole, allestito da Ferruccio Laviani e incentrato sul punto di vista più di chi utilizza le lampade che di chi le disegna; una narrazione del brand e della sua visione che avviene sullo sfondo di case vissute nel quotidiano, che raccontano da vicino le storie delle persone che le abitano.

 

Da Luceplan tante nuove famiglie di lampade decorative

Luceplan ha partecipato alla Milano Design Week presentando nuove lampade decorative per interni nate dalla collaborazione con importanti progettisti, a cui si aggiungono anche le collezioni di lampade outdoor lanciate la scorsa primavera attraverso i canali digitali. Sono cinque le nuove famiglie di prodotti, accomunate da sostenibilità, ricerca materica e di nuovi effetti luminosi: Levante di Marco Spatti, Koinè di Mandalaki Studio, Doi di Meneghello Paolelli Associati, Malamata di Studio Shulab e Zile di Archirivolto Design. Levante è uno chandelier, disponibile in due diverse dimensioni, caratterizzato da un’immagine eterea, che nasce dall’intersezione di tre grandi ventagli, realizzati in un materiale inedito nel settore design, lavabile, resistente e riciclabile. Eleganza e purezza formale caratterizzano le lampade a sospensione Koinè, che offrono un’estrema versatilità, grazie alla geometria del prodotto, oltre a un elevato comfort luminoso, che deriva da un attento orientamento della luce. Doi si compone di due elementi, uno circolare e uno lineare, che interagiscono determinando estetica, posizione e funzionalità del prodotto: il disco, fissato a soffitto da una fune d’acciaio, e il faretto, un estruso di alluminio alimentato da un sottile cavo elettrico. La famiglia di lampade Malamata è caratterizzata dalla possibilità di modificare la posizione del diffusore in vetro soffiato opale, attraverso l’impiego di un contrappeso. Sono disponibili le versioni a sospensione, a parete e a terra; per le strutture i colori sono ottone spazzolato e nero opaco. La linea Zile, infine, composta di modelli da terra, da tavolo e sospensione, è una lampada green che proviene all’80% da fonti rinnovabili.

 

COMET, la lampada totemica di Paolo Castelli Spa

Paolo Castelli Spa ha partecipato al Supersalone con lo speciale progetto Supermoodboard, che esprime la ricerca da cui ogni prodotto del marchio prende vita, basata sull’utilizzo di materiali naturali, ma anche innovativi, sempre dall'anima ecologica e sulla cura dei dettagli artigianali che contraddistingue l’azienda emiliana. Tra le novità presentate a Milano c’è la lampada totemica COMET, una vera e propria scultura luminosa, elegante ed evocativa, composta da una base in ceramica artigianale di Vietri a smaltatura cristallina e un paralume ad anello in tessuto naturale color avorio, proposta nelle due versioni da terra e da tavolo. Le creazioni luminose di Paolo Castelli Spa includono anche: la lampada a sospensione Golden Disc, disponibile anche nel modello a parete, caratterizzata da un elemento luminoso in vetro di Murano e foglia d’oro; l’installazione luminosa Labilis, composta da anelli di diverso diametro in metallo nero con diffusore di luce Led in policarbonato opalino bianco; il corpo illuminante da parete Fair Light, raffinato ed essenziale, costituito da un doppio binario di tubolari in metallo nero opaco con diffusore in policarbonato opalino; la collezione di lampade da terra Icone Luminose, con struttura in metallo finitura oro satinato ed elementi in vetro soffiato di Murano.

 

Photos are courtesy of Artemide, Codega Light, Foscarini, Luceplan, Paolo Castelli Spa

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Tag
#Illuminazione  #Codega Light  #Artemide  #Luceplan  #Paolo Castelli Spa  #Foscarini  #Milano  #Design  #2021  #What's On 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054