Il Giardino Storico di “Horti, il segreto di Porta Romana”
  1. Home
  2. What's On
  3. Apre al pubblico il Giardino Storico di “Horti, il segreto di Porta Romana”, nel cuore di Milano

Apre al pubblico il Giardino Storico di “Horti, il segreto di Porta Romana”, nel cuore di Milano

Restituita alla città una parte del parco del complesso residenziale realizzato da BNP Paribas REPD su progetto di Michele De Lucchi

Michele De Lucchi

Il Giardino Storico di “Horti, il segreto di Porta Romana”
Scritto da Redazione The Plan -

Uno spazio verde nel cuore di Milano, rimasto nascosto per lungo tempo, viene finalmente restituito alla città: apre al pubblico il Giardino Storico del complesso residenziale "Horti, il segreto di Porta Romana", un’oasi di pace e tranquillità dove godersi un momento di pausa dalla vivace realtà del capoluogo lombardo. L’intervento è stato realizzato da BNP Paribas Real Estate Property Development Italy su progetto di Michele de Lucchi. Con un investimento di 100 milioni di euro, la società ha riqualificato un’area di 14.600 m2 compresa fra via Orti e via Alfonso Lamarmora, realizzando 74 unità immobiliari, due unità multifunzionali a uso ufficio e un’autorimessa di due piani interrati. Il progetto è immerso in un vasto parco popolato da tigli e cedri libanesi che, dimenticato per decenni, è stato recuperato nel suo impianto originario. All’interno del parco si trova appunto il Giardino Storico, inaugurato martedì dal sindaco di Milano Giuseppe Sala insieme all’assessore alla Rigenerazione Urbana, Giancarlo Tancredi, alla soprintendente Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Milano Antonella Ranaldi, all’architetto Michele De Lucchi e all’amministratore delegato di BNP Paribas Real Estate Property Development Italy, Piero Cocco-Ordini.

 

La nuova vita del Giardino Storico

Horti, il segreto di Porta Romana - Michele De Lucchi Photography by Matteo Deiana, courtesy of BNP Paribas REPD

Dalla prima settimana di giugno, il Giardino Storico è aperto al pubblico dal lunedì al sabato (dalle 9 alle 19 da aprile a ottobre, dalle 9 alle 17 da novembre a marzo). I milanesi e i turisti potranno così scoprire questa oasi verde di 2.000 m2, un tempo adibita alla coltivazione di piante officinali e ispirata all’immagine dell’hortus conclusus, che nel Medioevo era il luogo dove i monaci si dedicavano al ritiro e alla meditazione. Tuttora nel prato trovano posto siepi e aiuole con piante aromatiche come lavanda, salvia, artemisia, calendule e anemoni, a ricordare l’identità storica del posto.

«Abbiamo realizzato un progetto ambizioso che rappresenta un unicum nel centro di Milano e che si integra con il tessuto cittadino circostante non solo da un punto di vista architettonico e urbanistico: con l’apertura al pubblico del Giardino, infatti, “il segreto di Porta Romana” appartiene all’intero quartiere e a tutta la città», ha dichiarato Piero Cocco-Ordini, Amministratore Delegato di BNP Paribas Real Estate PropertyDevelopment Italy.

 

Il progetto di Michele De Lucchi per Horti

Horti, il segreto di Porta Romana - Michele De Lucchi Photography by Matteo Deiana, courtesy of BNP Paribas REPD

Il lotto di terreno su cui sorge il complesso "Horti, il segreto di Porta Romana" ospita edifici realizzati in periodi storici differenti a partire dal 1700 fino a metà del 1900. La proprietà degli immobili è stata acquisita a fine 2017 da BNP Paribas Real Estate Property Development Italy, che ha avviato un’importante intervento di riqualificazione, firmato da Miche De Lucchi e risultato tra i finalisti dei Mipim Awards 2022 nella categoria Best Residential Development.

 

>>> Scopri i vincitori dei Mipim Awards 2022

 

Grazie a questo progetto di restauro e risanamento conservativo, nell’area convivono oggi volumi nuovi ed esistenti. In particolare, è stata ristrutturata la Villa del XIX secolo, ex edificio religioso posto al centro del parco che è stato riportato al suo aspetto originario, e sono stati recuperati due fabbricati storici quali la Lavanderia e il Casello. Inoltre, sono stati realizzati un edificio per appartamenti di nuova costruzione su via Lamarmora, che si affaccia sul parco con ampie terrazze, e sei villette urbane indipendenti su via Orti con i loro giardini privati. Il progetto degli interni è stato affidato a Daniele Fiori - studio DFA Partners, tutti gli appartamenti sono dotati delle più moderne tecnologie impiantistiche e l’intero progetto è certificato LEED GOLD.

BNP Paribas Real Estate Property Development Italy si è occupata infine della riqualificazione stradale e viabilistica di via Orti, con l’obiettivo di creare uno spazio fruibile e di aggregazione sociale. Il progetto – firmato da LAND per il paesaggio e da Alpina per la viabilità – ha portato alla realizzazione di una nuova area a forte vocazione pedonale, inserendo diverse aree verdi e migliorando la situazione dei posteggi di auto, moto e biciclette.

 

>>> C'è tempo fino al 31 luglio per iscriversi al THE PLAN Real Estate Award, un'importante opportunità per raccontare e promuovere le operazioni immobiliari, con visibilità internazionale, nell'ambito del THE PLAN Award, premio internazionale annuale di eccellenza in architettura, interior design e pianificazione urbana con 20 categorie tematiche.

 

|||   ISCRIVITI A THE PLAN   |||   Ricevi direttamente le più belle storie del mondo dell'architettura e del design, gli ultimi progetti realizzati, classifiche e recensioni, consigli su video, gallery e interviste

Credits

Location: Milano
Site Area: 14.600 m2
Real Estate Operator: BNP Paribas Real Estate Property Development Italy
Architect: Michele De Lucchi
Interior Design: Daniele Fiori - studio DFA Partners
Landscape: LAND
Mobility: Alpina

Photography by Matteo Deiana, courtesy of BNP Paribas REPD

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054
ITC Avant Garde Gothic® is a trademark of Monotype ITC Inc. registered in the U.S. Patent and Trademark Office and which may be registered in certain other jurisdictions.