The Forest, padiglione Svezia per EXPO Dubai 2020
  1. Home
  2. What's On
  3. The Forest, il padiglione ecosistema della Svezia per EXPO Dubai 2020

The Forest, il padiglione ecosistema della Svezia per EXPO Dubai 2020

La culla di miti e leggende del Nord arriva nel deserto e mostra la sua idea di sostenibilità

Alessandro Ripellino Arkitekter | Studio Adrien Gardère | Luigi Pardo Architetti

The Forest, padiglione Svezia per EXPO Dubai 2020
Scritto da Redazione The Plan -

La foresta come metafora della creazione. È questo il concetto chiave su cui si basa il padiglione svedese The Forest, situato nel distretto della Sostenibilità di EXPO Dubai 2020 (uno dei tre padiglioni tematici dell'esposizione tra cui segnaliamo “Terra - The Sustainability Pavilion”, architettura futuristica progettata da Grimshaw che trovi su The Plan 134).

La foresta è infatti il "segreto" cui la Svezia si ispira per proporre un'architettura davvero sostenibile e green, e lo stesso padiglione, interamente ligneo, progettato da Alessandro Ripellino Arkitekter, dallo Studio Adrien Gardère e Luigi Pardo Architetti, ha consentito il risparmio di almeno 1.000 tonnellate di anidride carbonica. L'edificio è caratterizzato da una struttura di pilastri in legno proveniente dalle foreste di Dalarna, che richiama alla mente le passeggiate tra le foreste svedesi e si mostra come una sorta di rifugio per un ecosistema in crescita. Interessante l'approccio che coinvolge i visitatori sin da subito, che possono apprezzare in maniera diretta le modalità con le quali la Svezia sta costruendo città intelligenti e sviluppando un’economia bio-circolare. Entriamo nel padiglione, così da approcciare in maniera diretta una delle filosofie costruttive più innovative al mondo.

 

The Forest, il padiglione ecosistema della Svezia per EXPO Dubai 2020

Una fusione di fitti boschi nordici e design geometrico islamico: questa è la prima impressione che si ha camminando nel padiglione svedese per EXPO Dubai 2020, un padiglione che letteralmente unisce due culture. Al piano terra, le aree pubbliche ospitano la mostra e la caffetteria, mentre gli uffici e le sale conferenze sono rialzati – come le case sugli alberi – e formano una copertura su parti del padiglione. Le case sugli alberi sono rivestite con schermi a traliccio in legno, che offrono ombra dal sole. L'impressione e il senso di spazio creato dai tronchi è intensificato da una struttura svettante rivestita di specchi, che divide l'area espositiva. 

>>> Come si presentano invece Francia e Marocco a EXPO Dubai? Con un abito di luce che si chiama Lumiére e un albero di Argan del Sahara

Lo spazio espositivo è ben progettato con un ingresso accogliente e un chiaro percorso che collega i temi dell'esposizione. I tronchi in piedi creano un ambiente speciale, racchiudono e suddividono lo spazio e formano fondali e pilastri. Passeggiando tra i tronchi, come attraverso radure o radure del bosco, i visitatori possono raggiungere spazi e stanze più chiusi, creando la sensazione di essere del tutto all'aperto.

Photography by Jon Wallis, courtesy Expo 2020 Sweden

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Tag
#Dubai  #Emirati Arabi Uniti  #Svezia  #Legno  #Mostra  #Asia  #2020  #Alessandro Ripellino Arkitekter  #Studio Adrien Gardère  #Luigi Pardo Architetti  #What's On 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054