Edible; Or, The Architecture of Metabolism Biennale Architettura di Tallinn
  1. Home
  2. What's On
  3. Può l’architettura produrre risorse, “digerire” i propri rifiuti e autodecomporsi?

Può l’architettura produrre risorse, “digerire” i propri rifiuti e autodecomporsi?

Edible; Or, The Architecture of Metabolism è il tema della Biennale Architettura di Tallinn

Edible; Or, The Architecture of Metabolism Biennale Architettura di Tallinn
Scritto da Redazione The Plan -

Un numero record. Con quasi 3.000 visitatori tra architetti, designer e studenti provenienti da più di 20 diversi Paesi si è chiusa la settimana inaugurale della Biennale Architettura di Tallinn, in calendario fino al 20 novembre 2022 all’Estonian Centre for Architecture e in altre sedi della capitale. Sarà forse anche per la natura del tema proposto, Edible; Or, The Architecture of Metabolism, complesso al pari dei problemi che si pone l’obiettivo di affrontare. Questa sesta edizione, infatti, curata da Lydia Kallipoliti e da Areti Markopoulou, in collaborazione con l’advisor locale Ivan Sergejev e l’assistente curatoriale Sonia Sobrino Ralston, si chiede se sia possibile immaginare un’architettura capace di produrre risorse, “digerire” i propri rifiuti e autodecomporsi. In altre parole, come sarebbe possibile arrivare ad accostare la disciplina alla vita del pianeta, alla crescita dei suoi organismi, al loro sostentamento e alla loro risposta ai cambiamenti dell’ambiente esterno.

«Oggi, in un contesto di crisi globali interconnesse (l’emergenza climatica, quella sanitaria e l’aumento delle disuguaglianze sociali), è fondamentale pensare a un mondo circolare, a un uso circolare delle risorse – hanno sottolineato i curatori Kallipoliti e Markopoulou –. È sempre più importante pensare a come produrre il cibo e alla sua provenienza, a come la sua produzione all’interno delle città e la sua ridistribuzione potrebbero modellare le vite delle persone e le infrastrutture. L’Estonia è uno degli epicentri più sviluppati al mondo dal punto di vista digitale e la mostra curatoriale Edible potrebbe ispirare a guardare ancora più lontano verso soluzioni innovative, capaci di riformare i territori urbani al pari di Tallinn».

Edible; Or, The Architecture of Metabolism, TAB 2022 Edible_Metabolic Home, Everything's on the table ©Tõnu Tunnel

La mostra inaugurale Edible, in particolare, si è posta proprio l’obiettivo di immaginare nuovamente il sistema di produzione e di consumo del cibo attraverso la capacità dell’architettura di dare forma ai processi metabolici. Ecco che i progetti selezionati per questa mostra hanno esplorato i principi di alleanza e interdipendenza tra le specie, la circolarità e la territorialità; progetti suddivisi poi in cinque diverse aree tematiche: Metabolic Home, From Brick to Soil, Food and Geopolitics, The Archaeology of Architecture and Food Systems e Future Food Deal. Quest’ultima, in particolare, si è configurata come una sorta di libreria espositiva di manuali, libri di cucina, disegni a tratti visionari e manifesti su come l’architettura possa rispondere al problema, tra gli altri, dell’approvvigionamento alimentare, in un’epoca di crescente urbanizzazione.

«La speranza è dunque quella di rivelare, attraverso le varie installazioni, come l’architettura costruisca, distribuisca e sfrutti questa potenzialità dell’upcycling dei materiali, delle alleanze tra le specie, della biopolitica», hanno concluso i curatori.

Edible; Or, The Architecture of Metabolism, TAB 2022 Edible_Metabolic Home, Robotic Urban Farmers ©Tõnu Tunnel

Fino alla fine di novembre, tante altre saranno le mostre, le installazioni e i talk, complessivamente incentrati sulla circolarità e su un nuovo modo di concepire il rapporto tra uomo, architettura e natura.

>>> Scopri anche la Biennale dello Stretto. 

 

|||   ISCRIVITI A THE PLAN   |||   Ricevi direttamente le più belle storie del mondo dell'architettura e del design, gli ultimi progetti realizzati, classifiche e recensioni, consigli su video, gallery e interviste

Credits

Location: Tallin, Estonia
Head curators: Lydia Kallipoliti (Greece/USA), Areti Markopoulou (Greece/Spain)
Local Advisor: Ivan Sergejev (Estonia)
Assistant Curator: Sonia Sobrino Ralston (USA)
Date: September 7th – November 20th, 2022

Please refer to the individual images in the gallery to look through the photo credits

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054