Casa Halston nella nuova serie Netflix. Dentro Manhattan (con stile)
  1. Home
  2. What's On
  3. Casa Halston nella nuova serie Netflix. Dentro Manhattan (con stile)

Casa Halston nella nuova serie Netflix. Dentro Manhattan (con stile)

La storia di un uomo che ha progettato ogni suo spazio di vita e lavoro

Casa Halston nella nuova serie Netflix. Dentro Manhattan (con stile)
Scritto da Redazione The Plan -

Adesso vi diciamo perché dovreste guardare la serie tv Halston targata Netflix.

Siamo a Manhattan negli anni ’70 e ’80, lo sfondo è quello della New York dei nostri sogni.

È da questo iconico e nostalgico panorama che entriamo nella nuova miniserie dedicata a Roy Halston Frowick, uno dei primi designer al mondo a fare del suo nome un marchio, interpretato da Ewan McGregor.

La storia, splittata in cinque parti, segue le orme del leggendario designer che inizia la sua pratica nel Midwest e raggiunge i vertici del mondo della moda, dove regna fino alla morte, avvenuta prematuramente all’età di 57 anni. Halston, per dirne una, ha disegnato il famoso cappello a cassetta per Jackie Kennedy e i sinuosi abiti della sua migliore amica Liza Minnelli (che indossava esclusivamente i suoi vestiti).

Ma il motivo per cui guardare questa serie è entrare nelle stanze di quest’uomo, che ha progettato ogni suo spazio di vita e di lavoro per mostrare i suoi modelli e le sue creazioni al meglio. Fresco della sua nomination all'Oscar per Black Bottom di Ma Rainey, è lo scenografo Mark Ricker ad aver creato il “parco giochi” di Halston, inclusa la sua casa nell’Upper East Side, gli esclusivi uffici rosso vermiglio all’Olympic Tower e la famosa sfilata della Battaglia di Versailles del 1973.

“Queste sono ambientazioni iconiche e volevo assicurarmi di averle fatte bene”, dice in un’intervista ad AD.

Per creare il mondo dello stilista, Ricker, candidato all’Oscar e all’Emmy, è stato benedetto con una ricchezza di fotografie ben documentate del periodo di massimo splendore di Halston. Ricker era un bambino in quel periodo, ma ricorda di aver visto le pubblicità del designer JC Penney. Per i primi giorni di Halston come modista al salone di cappelli di Bergdorf Goodman, Ricker ha studiato lo speciale televisivo del 1964 di Barbra Streisand My Name Is Barbra, che è stato girato al Fifth Avenue store. (I devoti di Bergdorf riconosceranno senza dubbio gli interni e le scale mobili).

Gli spettacolari uffici dell’Olympic Tower di Halston sulla Fifth Avenue sono stati progettati quasi per adattarsi ai Broadway Stages di Brooklyn. Con la sua imponente vista al 21 ° piano dello skyline di Manhattan, gli uffici angolari presentavano pareti a specchio, finestre dal pavimento al soffitto e il rosso caratteristico di Halston su tappeti, divani componibili, sedie e mobili laccati.

Ricker ha ricercato anche articoli di riviste per indizi sul designer: apparentemente Halston è stato ispirato da un’abbondanza di orchidee, e gli arredi tipici dell’ufficio come gli schedari erano quasi inesistenti.

Sebbene fossero disponibili poche immagini del primo periodo di Halston come designer emergente, Ricker è stato in grado di replicare i colori usati nei suoi ambienti, i bianchi, le creme e i cashmere del primo ufficio di Halston, e di una prima sfilata per la quale Halston aveva arruolato l’interior designer Angelo Donghia per creare un’oasi di pareti e soffitto rivestiti in tessuto.

“Questo era il nostro set più vivace, addobbato con tessuto batik come una tenda beduina e pieno di enormi spruzzi di orchidee bianche e palme in vaso”, dice lo scenografo.

Trovare i mobili giusti per ricreare lo spazio è diventato “una vera caccia al tesoro” sostiene Ricker

Ricker, con il decoratore del set Cherish M. Hale, ha messo le mani su una foto della prima casa di Halston che mostrava un tappeto zebrato e sedie in corno. Sono entrambi rimasti sorpresi di quanto quella casa differisse dai suoi successivi spazi ultra-minimalisti.

La propensione per il minimalismo si rende infatti evidente nella maestosa casa di città di quattro piani in stile brutalista di Halston, progettata da Paul Rudolph. La casa dell’Upper East Side riceve il trattamento Halston bianco, nero e grigio, con un’iconica scala fluttuante, un soggiorno incassato e un camino frequentato da artisti del calibro di Andy Warhol, Truman Capote, Bianca Jagger e Liza Minnelli. Conosciuta come la Halston House, la casa fu successivamente acquistata dal designer Tom Ford.

Poiché la casa di Ford non era disponibile per le riprese, il team di location ha trovato la casa perfetta con tutte le ossa giuste a Red Hook di Brooklyn. Per il soggiorno incassato, Hale ha rivestito i pezzi della Torre Olimpica e ha aggiunto un tavolino da caffè in marmo.

Ovviamente la serie non sarebbe stata completa senza una o due sfilate. Per l’evento della Battaglia di Versailles del 1973, una competizione in cui i luminari della moda francesi e americani gareggiavano per il diritto di vantarsi, Ricker trovò una villa a Yonkers per rappresentare uno dei castelli più sontuosi e storici del mondo, e una hall del cinema degli anni ‘20 a Jersey City per il teatro dell’opera.

Come i design senza tempo di Halston, i suoi interni sono freschi e moderni oggi come decenni fa.

“La cosa complicata è che gli interni di Halston sono così iconoclastici e senza tempo da sembrare molto contemporanei”, dice Minahan “quindi la nostra strategia era di creare un contrasto tra l’aspetto caotico del mondo esterno della New York degli anni ‘70 e il preciso, interni controllati Il mondo di Halston.”

Ricker è d’accordo, osservando: “Un buon design è un buon design e senza tempo. Trovare quei momenti per tutti i nostri set è stato interessante per noi”.

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Tag
#Design 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054