Biennale Architettura, presentata edizione 2023
  1. Home
  2. What's On
  3. Biennale Architettura, presentata l'edizione 2023

Biennale Architettura, presentata l'edizione 2023

"Il laboratorio del futuro" sarà il titolo della kermesse curata da Lesley Lokko

Lesley Lokko

Biennale Architettura, presentata edizione 2023
Scritto da Redazione The Plan -

Il laboratorio del futuro sarà l’Africa, sarà l’architettura; sarà la trasformazione, da immagine a realtà, di una società moderna, diversificata, inclusiva. Il laboratorio del futuro sarà anche il titolo della 18. Mostra Internazionale di Architettura, presentata dal presidente della Biennale di Venezia, Roberto Cicutto, e dalla curatrice, Lesley Lokko, e in programma dal 20 maggio al 26 novembre 2023 (pre-apertura il 18 e il 19 maggio dell’anno prossimo) ai Giardini, all’Arsenale e in vari altri luoghi della città. È a partire dal valore e dal ruolo dell’architettura, dunque, che si proverà a sondare e a conoscere quella doppia coscienza, quel conflitto interno che gli uomini del nostro tempo si stanno trovando ad affrontare: la condizione di subordinazione e di colonizzazione non è più solo di alcuni gruppi di persone, talvolta lontani, ma di tutti, di ogni singolo individuo; perché le nuove tecnologie permettono di avere «scorci non filtrati della vita» in angoli talvolta dall’altra parte del globo, fisicamente mai visitati. Sconosciuti. Eppure la globalizzazione ha portato a un avvicinamento virtuale, che è però anche dell’animo e della coscienza.

 

L’Africa primo laboratorio

18. Mostra Internazionale di Architettura, Accra ©Festus Jackson-Davis, courtesy of La Biennale di Venezia

In Africa tutte le questioni di equità, di risorse, di speranza e di paura nei confronti del domani si condensano; ed è anche per questo che è stata scelta come terra simbolo della prossima kermesse. «A livello antropologico, siamo tutti africani. E ciò che accade in Africa accade a tutti noi». Da questa prospettiva, dunque, si sta portando avanti il percorso che, tra un anno, vedrà il taglio del nastro della prossima edizione.

«L’Africa è il futuro», sono state le prime parole di presentazione della curatrice Lokko, architetto e docente anglo-ghanese, che ha poi aggiunto: «Siamo il continente con il più rapido tasso di urbanizzazione al mondo, con una crescita di quasi il 4% annuo. Questa crescita rapida e in gran parte non pianificata avviene generalmente a spese dell’ambiente e degli ecosistemi locali, il che pone di fronte al cambiamento climatico sia a livello regionale sia planetario. […] Equità e giustizia climatica sono due facce della stessa medaglia. Ma la speranza è una moneta potente. Essere fiduciosi significa essere umani. A livello profondamente personale, devo la mia presenza a questo tavolo (della Biennale di Venezia, ndr) alle instancabili richieste di una società più giusta, più inclusiva e più equa per le quali hanno lottato le generazioni che mi hanno preceduto. La visione di una società moderna, diversificata e inclusiva è seducente e persuasiva, ma finché rimane un’immagine, resta solo un miraggio. È necessario qualcosa di più di una rappresentazione e gli architetti, storicamente, sono attori chiave nel tradurre le immagini in realtà».

 

>>> Scopri la biografia di Lesley Lokko.

 

Quale il contributo degli architetti in un laboratorio del futuro

18. Mostra Internazionale di Architettura, Lesley Lokko ©Jacopo Salvi, courtesy of La Biennale di Venezia

Ed è nella formazione e nello sguardo proprio degli architetti che si può comprendere anche il coraggio di aver posto accanto, nel titolo stesso della rassegna, due parole come “laboratorio” e “futuro”, talvolta abusate ma che in questo contesto le si vuole tornare a riempire del proprio significato originario profondo attraverso un patto. Un patto tra persone indipendentemente dalla loro origine, dalla loro formazione, dalla loro identità di visitatori della Mostra o di veri protagonisti. Un patto promosso dalla stessa curatrice, che è stato sottolineato anche dal presidente Cicutto:

«Una Mostra che, partendo da premesse molto concrete e punti di vista molto precisi, guarderà dritto negli occhi i rappresentanti dei Paesi partecipanti e tutti coloro che popoleranno i Giardini, l’Arsenale e la città di Venezia. Il tutto per parlare al mondo, che è la vera ragione per cui un curatore si assume la responsabilità di fare una Mostra Internazionale della Biennale».

E infatti, come ha chiosato Lokko, spesso si parla di spazi democratici, di spazi pubblici, di energia pulita e di spirito umano in un equilibrio troppo complesso da comprendere. Tuttavia, a suo parere non è così, non deve esserlo: l’architettura e gli architetti hanno le possibilità di svolgere un ruolo determinante di negoziazione.

«Più che gli edifici, le forme, i materiali o le strutture, il dono più prezioso e potente dell’architettura è la capacità di influenzare il modo di vedere il mondo. La lenta e attenta traduzione delle idee in forma materiale e, sempre più spesso, digitale richiede un cambiamento quasi costante della visione, restringendo e allargando contemporaneamente lo sguardo per adattarsi alle differenze di scala, di contesto, di cultura e di aspirazione, nonché alle molteplici altre esigenze che devono essere soddisfatte per portare nel mondo sia gli edifici sia la conoscenza».

 

 

|||   ISCRIVITI A THE PLAN   |||   Ricevi direttamente le più belle storie del mondo dell'architettura e del design, gli ultimi progetti realizzati, classifiche e recensioni, consigli su video, gallery e interviste 

Credits

Location: Venezia, Italy
Date: 20th may-26th november 2023 (pre-opening 18-19 may 2023)
Photography by Jacopo Salvi and Festus Jackson-Davis, courtesy of La Biennale di Venezia

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054