Angela Brooks e Lawrence Scarpa: architettura, sostenibilità e impegno nel sociale
  1. Home
  2. What's On
  3. Angela Brooks e Lawrence Scarpa: un tandem di eccellenza in architettura, attenzione alla sostenibilità e impegno nel sociale

Angela Brooks e Lawrence Scarpa: un tandem di eccellenza in architettura, attenzione alla sostenibilità e impegno nel sociale

Vincitori della 2022 AIA Gold Medal, i due progettisti verranno festeggiati il 23 giugno all’Illinois Institute of Technology Campus nel corso di una serata a inviti

Brooks+Scarpa

Angela Brooks e Lawrence Scarpa: architettura, sostenibilità e impegno nel sociale
Scritto da Redazione The Plan -

Si terrà giovedì 23 giugno, nella Crown Hall dell’Illinois Institute of Technology Campus a Chicago, la celebrazione dei vincitori dell’AIA Gold Medal nel 2022: Angela Brooks e Lawrence Scarpa, fondatori dello studio statunitense Brooks + Scarpa. Durante l’evento, la cui partecipazione è solo su invito, verranno festeggiati, dopo una lunga attesa, anche coloro che si sono aggiudicati il più prestigioso riconoscimento dell’AIA negli anni della pandemia: Marlon Blackwell, fondatore di Marlon Blackwell Architects (medaglia d’oro nel 2020) ed Edward Mazria, fondatore di Architecture 2030 (medaglia d’oro nel 2021).

Brooks + Scarpa ©Jeff Durkin

«Partner nella vita e nella professione, Angela Brooks e Lawrence Scarpa hanno creato uno studio di architettura pionieristico – ha scritto l’AIA nell’assegnare il premio – che arricchisce profondamente l'esperienza umana e rivela ciò che di straordinario c’è in quello che di solito viene considerato ordinario. Nel corso di tre decenni, l’eccellenza del loro lavoro è stata celebrata a livello internazionale, riconosciuta per la sua impareggiabile combinazione di senso di comunità e collaborazione, ricerca progettuale e riflessione. Inoltre, i loro progetti dimostrano una profonda comprensione della bellezza, dell’artigianalità e delle potenzialità dell’architettura, essendo tra i migliori nel settore».

 

La storia di Angela Brooks e Lawrence Scarpa

Brooks + Scarpa ©Jeff Durkin

Angela Brooks e Lawrence Scarpa si sono conosciuti a Gainesville, negli anni in cui entrambi studiavano Architettura alla University of Florida. Entrambi originari del Sunshine State, si sono sposati nel 1987, trasferendosi poi in California. Nel 1991 Lawrence Scarpa ha fondato, insieme a Gwynne Pugh, lo studio Pugh + Scarpa, a cui alcuni anni dopo si è unita Angela Brooks. Nel 2010, il nome è stato cambiato in Brooks + Scarpa, a seguito dell’uscita di Pugh. Con sede a Los Angeles, in California, e a Fort Lauderdale, in Florida, lo studio è stato premiato dallo Smithsonian Design Museum con il National Design Award in Architecture nel 2014. Brooks + Scarpa si distingue per un approccio olistico alla progettazione, un uso creativo e inaspettato dei materiali e l’attenzione per la sostenibilità ambientale e le tematiche sociali. Angela Brooks e Lawrence Scarpa hanno fondato insieme non solo il loro studio di architettura, ma anche l’organizzazione non-profit Livable Places e l’A+D Museum a Los Angeles, oltre all’Affordable Housing Design Leadership Institute.

«Oltre a essere architetti straordinari e pluripremiati, Angie e Larry sono anche dei ferventi attivisti e punti di riferimento per tutta la comunità – hanno sottolineato Steve Dumez e Douglas A. Benson, membri dell’AIA, nel nominare Brooks e Scarpa vincitori della medaglia più prestigiosa –. Sono motivati da una responsabilità sociale e ambientale che cerca di trovare nuove modalità per migliorare la vivibilità delle città e che nobilita la quotidianità della comunità. Cittadini e architetti attivamente impegnati, i cui sforzi hanno radicalmente rimodellato le iniziative di politica pubblica relative a questioni critiche e le riforme al servizio del bene comune, per aumentare l’equità abitativa e migliorare l'ambiente costruito».

 

Lo studio Brooks + Scarpa raccontato attraverso i propri progetti: Pico Place, Santa Monica

Pico Place, Santa Monica, Brooks + Scarpa ©John Linden

Pico Place è un complesso di edilizia residenziale sociale a Santa Monica, in California, certificato LEED Platinum. Un ruolo chiave nel progetto, che conta 32 unità abitative, è giocato dalla sostenibilità. L’edificio è stato studiato sulla base delle brezze naturali e in modo da garantire un adeguato bilanciamento tra irraggiamento e schermatura solare. Inoltre, sono stati scelti materiali ecocompatibili, tra i quali il più utilizzato è il calcestruzzo riciclato, utilizzato con vari colori e texture. Colorati sono anche i tendoni rettangolari sospesi sopra il cortile, che forniscono riparo dal sole e garantiscono privacy agli abitanti.

 

Metalsa Research and Technology Building, Monterrey

Metalsa Research and Technology Building, Monterrey, Brooks + Scarpa ©John Edward Linden, courtesy Brooks + Scarpa

In un’alternanza tra apertura e riservatezza, Metalsa Research and Technology Building è la sede a Monterrey (Messico) dell’azienda specializzata nella fornitura di componenti metalliche per case automobilistiche di tutto il mondo. Per rispondere alle esigenze della committenza di uno spazio adibito a laboratori di ricerca e a magazzino e di uno dedicato a uffici, lo studio Brooks + Scarpa ha progettato un hub in due blocchi interconnessi. Quello riservato ai test e alla realizzazione dei prototipi, in particolare, è un gioco di apertura verso l’esterno e di chiusura, garantendo così segretezza ad alcuni processi industriali.

Ma l’altra sfida caratterizzante del progetto è quella legata al sito e all’orientamento dell’edificio, la quale ha portato lo studio a concentrarsi sulle modalità di gestione delle alte temperature e del consistente carico di irraggiamento del lato occidentale: la facciata è qui completamente vetrata, a sua volta protetta da una copertura a sbalzo di ombreggiatura dell’edificio.

L’iconica e ben riconoscibile copertura unisce poi entrambi i volumi, donando un aspetto dinamico.

 

The Six, Los Angeles

The Six, Los Angeles, Brooks + Scarpa © Tara Wujick and Brooks+Scarpa

Con 52 unità abitative destinate a veterani con disabilità e senza fissa dimora, The Six è un progetto di housing sociale a Los Angeles certificato LEED Platinum. Al suo interno, oltre agli alloggi, vi sono anche una serie di servizi di supporto e di riabilitazione per i residenti, accanto a spazi tra il pubblico e il privato concepiti come abbattimento delle barriere. Questi spazi, infatti, vogliono facilitare l’allontanamento di situazioni di isolamento e autoreclusione, favorendo dinamiche di apertura, interattività e comunità. Il piano terra ospita uffici, un centro di supporto per i veterani, un garage e un deposito per le bici, mentre al primo piano si trova un ampio cortile comune e piantumato. Quest’ultimo è circondato da quattro piani di unità residenziali con balconi rivestiti in legno riciclato e gode di grandi aperture che lo collegano visivamente alla strada al livello inferiore.

 

Southern Utah Museum of Art (SUMA), Cedar City

Southern Utah Museum of Art (SUMA), Cedar City © Dana Sohm

Parte del Beverley Taylor Sorenson Center for the Arts campus, il Southern Utah Museum of Art comprende spazi dedicati alle arti performative, agli spettacoli teatrali dal vivo e a laboratori d’arte. Il progetto si ispira alle forme della natura, dai pinnacoli del Bryce Canyon alle forme dello Zion Park: il portico, in particolare, rappresenta un elemento iconico della struttura, estendendo gli spazi interni, garantendo protezione e facilitando l’incontro e lo scambio di idee. La copertura, inoltre, è disegnata per raccogliere lo scioglimento della neve e il deflusso delle acque piovane: questa si inclina e si piega in due direzioni in una forma simile a un canyon, dirigendo l’acqua verso le estremità dell’edificio. Lo scorrimento dell’acqua può essere osservato dalla strada, fino alla sua scomparsa nei pozzi nascosti alla base della struttura, dove viene raccolta in falda.

 

Thayer Brick House, Evanstone

Thayer Brick House, Evanstone, Brooks + Scarpa ©Marty Peters, courtesy Brooks + Scarpa

È un ossimoro, un accostamento di elementi e caratteri opposti: Thayer Brick House, a Evanstone, nell’Illinois e a firma Brooks + Scarpa e studio Dwell, è un simbolo di riservatezza e di privacy che, allo stesso tempo, vuole rompere la monotonia dell’architettura circostante con connotati amimetici. Uno su tutti, la facciata in mattoni, la quale diventa vera icona e simbolo di riconoscibilità. Questa è anche portatrice di un tocco di leggiadria e di delicatezza dell’intera struttura di forma cubica, dal momento che è composta da file di mattoni affiancate verticalmente e in rotazione attorno a un asse. Il risultato è quello di un doppio movimento, che ricorda le pieghe di un tessuto. 

 

Magnolia Hill, Los Angeles

Magnolia Hill, Los Angeles, Brooks+Scarpa ©Tara Wujcik and Lawrence Scarpa

Da ex stazione di servizio a complesso con locali commerciali, appartamenti e loft: Brooks + Scarpa ha così trasformato una delle strade di Los Angeles nel segno dell’estetica e della tecnologia al servizio dell’architettura. Magnolia Hill si caratterizza infatti per le sue facciate bianche multistrato permeabili, le quali garantiscono al contempo comfort acustico, apporto di luce naturale, ventilazione degli ambienti e privacy. Il dialogo con l’esterno è preservato dalle vetrate, funzionali anche alla non dispersione di calore, come dal cortile per i residenti al secondo livello.

 

|||   ISCRIVITI A THE PLAN   |||   Ricevi direttamente le più belle storie del mondo dell'architettura e del design, gli ultimi progetti realizzati, classifiche e recensioni, consigli su video, gallery e interviste

Credits

Please refer to the individual images in the gallery to look through the photo credits

All images courtesy of Brooks + Scarpa

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054