Alvisi Kirimoto vince il concorso per Nexum a Roma
  1. Home
  2. What's On
  3. Alvisi Kirimoto si aggiudica il centro direzionale Nexum a Roma

Alvisi Kirimoto si aggiudica il centro direzionale Nexum a Roma

Lo studio vince il concorso con un progetto innovativo per un complesso di uffici multifunzionale

Alvisi Kirimoto

Alvisi Kirimoto vince il concorso per Nexum a Roma
Scritto da Redazione The Plan -

Alvisi Kirimoto vince il concorso di idee per il centro direzionale Nexum a Roma, che ha disegnato come un'officina creativa all’interno di un edificio ecosostenibile, circondato dal verde e ricco di luoghi di incontro. Il concorso su invito, indetto dalla società di servizi immobiliari Ares (Armellini Real Estate Services), ha coinvolto cinque tra i migliori studi nazionali e internazionali di architettura. Il complesso multifunzionale, che sorgerà lungo la Laurentina, vicino al centro commerciale Maximo, si compone di diversi spazi interconnessi tra loro: sei giardini, un hub verticale trasparente e una rete di uffici divisi in tre blocchi, per un totale di quattro edifici, che racchiudono una superficie di 18.000 m2 e sono distribuiti su un’area di 9.000 m2. L’intervento risponderà ai requisiti dei protocolli LEED®, WELL Building Standard™ e WiredScore®. L’inizio dei lavori di costruzione è previsto per la seconda metà del 2022.

«Nexum è un luogo di connessione - afferma l’architetto Massimo Alvisi, co-fondatore dello studio - tra le persone, la città, il mondo del lavoro e quello dell’innovazione. Sei spazi aperti, un hub verticale trasparente per coworker e nomadi digitali, e una rete di uffici 4.0 disposti attorno al verde e collegati all’hub: questi sono gli elementi che abbiamo immaginato per il progetto».

 

Nexum nasce intorno a un hub verticale

Fulcro del progetto è l’hub verticale trasparente, una stecca vetrata disposta in senso longitudinale rispetto al lotto: uno spazio per la formazione e l’organizzazione di eventi, dedicato all’incontro tra le varie figure professionali che vivono il parco direzionale, estensione naturale delle aree destinate al coworking. L’hub, che contiene anche la reception e una caffetteria, funge da connettore tra gli edifici e sul retro si apre alla corte centrale, dove si trovano un grande albero e uno specchio d’acqua.

 

Uffici flessibili circondati dal verde

Gli uffici sono poi dislocati in tre volumi a ferro di cavallo disposti ai lati dell’hub, ognuno dei quali è dotato di una corte interna sulla quale si affacciano gli ambienti di lavoro, a cui viene così assicurato un ottimo apporto di luce naturale, contribuendo anche alla ventilazione passiva, in modo da garantire il benessere delle persone che vivono l’edificio. I tre blocchi, che funzionano come tre unità autonome a livello gestionale e impiantistico, possono ospitare uffici privati, open space con postazioni di lavoro, sale riunioni, aree relax, phone booths e auditorium per conferenze: sono infatti concepiti in un’ottica di flessibilità e adattabilità del layout in base alle esigenze operative dei futuri occupanti. Tutti gli spazi sono in diretta connessione con il verde, presente non solo nei cortili e nelle piazze al piano terra, ma anche nei giardini pensili ai piani e nell’ampio tetto verde, un vero e proprio parco dotato di pergolati leggeri, all’ombra dei quali si possono svolgere attività di lavoro e ricreative.

 

Un’architettura leggera e trasparente

Il centro direzionale, che dispone di un piano interrato destinato a parcheggi e locali tecnici, si erge su un basamento in travertino di 80 cm, che sottolinea il perimetro dell’intervento e allo stesso tempo consente un distacco rispetto alla quota stradale. Al piano terra la facciata arretra rispetto al filo esterno, offrendo una zona riparata ai visitatori con vetrate a tutta altezza che corrono lungo il perimetro dell’edificio. I tre piani superiori, leggeri e trasparenti, sono avvolti da una doppia pelle in alluminio che definisce aree esterne più raccolte come ballatoi, balconi e logge.

Credits

Location: Roma

Client: Ares

Site area: 9.000 m2

Floor area: 18.000 m2

Project by: Alvisi Kirimoto Architects

Rendering © courtesy of Alvisi Kirimoto

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054