14. Mostra Internazionale di Architettura, Venezia - Il Portale "ARCHIMBUTO"
  1. Home
  2. What's On
  3. 14. Mostra Internazionale di Architettura, Venezia - Il Portale "ARCHIMBUTO"

14. Mostra Internazionale di Architettura, Venezia - Il Portale "ARCHIMBUTO"

14. Mostra Internazionale di Architettura, Venezia - Il Portale "ARCHIMBUTO"
Scritto da Redazione The Plan -

Affettuosamente chiamato da Cino Zucchi 'Archimbuto' per la forma che risuona con lo spazio esistente e accoglie i visitatori, il grande portale curvilineo del Padiglione Italia alla 14. Mostra Internazionale di Architettura di Venezia è stato realizzato e sponsorizzato dall'azienda veneta De Castelli su progetto dello stesso Zucchi.
"Archimbuto" funzionerà da "amplificatore visivo" introducendo i visitatori alla mostra "Innesti_Grafting", di cui - insieme alla grande panca che conclude il percorso al Giardino delle Vergini - rappresenta anche una concreta e scultorea esplicitazione: un innesto della creatività contemporanea negli antichi e bellissimi spazi dell'Arsenale, e insieme un link di connessione tra spazi interni ed esterni del Padiglione, dimensione pubblica dei percorsi di visita e fruizione più appartata e riflessiva della mostra.

ARCHIMBUTO IN NUMERI
Realizzato in ferro con una speciale finitura cor-ten acidato appositamente individuata da Cino Zucchi, Archimbuto presenta una forma a volta con sezione variabile e raggiunge i 10 metri di altezza.
Costituito da moduli formati da pannelli dalla forma differenziata supportati da una struttura portante in lamiera di 4 mm di spessore, il portale è ancorato a terra da una platea in cemento ed è pensato per una fruizione pluriennale.
Con la sua scala "architettonica", Archimbuto nasce dall’inconfondibile combinazione tra processi industriali e artigianali che fino dalla sua fondazione connota l'attività di De Castelli.
 

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Tag
#What's On 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054