La Croazia si ispira al suo retaggio modernista | The Plan
  1. Home
  2. Magazine 2011
  3. The Plan 055 [12-2011]
  4. La Croazia si ispira al suo retaggio modernista

La Croazia si ispira al suo retaggio modernista

Rafael Moneo | 3LHD | Njiric + Arhitekti | Rusan Arhitektura | Studio UP | Radionica Arhitekture | Randic + Turato | UPI-2M | Studio ZA Arhitekturu

La Croazia sembra aver galleggiato sull’onda della storia come un tappo di sughero, mantenendo viva la propria identità attraverso secoli di conflitti e dominazioni straniere. Come nuovo stato indipendente di 4,5 milioni di abitanti è riemersa, dissestata ma intera, dalla Federazione Jugoslava e dal conflitto bellico interno del 1991-95. Racconta l’architetto Hrvoje Njiric: “per cinque secoli abbiamo importato idee dai maggiori centri europei adattandole alla situazione locale e creando così il nostro piccolo mondo. Il fatto che fossimo non allineati e periferici ci ha permesso di esprimere fantasia, ambizione e talento”. Questo spiega l’importante retaggio che il modernismo ha lasciato, specialmente a Zagabria, la capitale e di gran lunga la città più grande del paese. Qui Stjepan Planic progetta negli anni Trenta emblematici edifici per uffici e numerose ville e Ivan Vitic, alla fine degli anni Cinquanta, l’imponente Padiglione della Fiera di Zagabria, un elegante edificio vetrato quartier generale del partito comunista, e l’innovativo blocco residenziale commissionato dalla Banca Nazionale. Negli anni Trenta Nikola Dobrovic importa a Dubrovnik da Praga una raffinata versione del modernismo e tre architetti croati progettano nel 1963 a Sarajevo l’aereo cubo bianco del Museo di Storia. Gli edifici menzionati si distinguono all’interno di una ricca cultura architettonica interrotta ma non distrutta dalla guerra e dalle crisi politiche ed economiche. Il socialismo ha avuto molti aspetti positivi. Tito stesso era croato ed è riuscito a reprimere il nazionalismo tossico che ha incrinato la federazione prebellica e distrutto la seconda. “Abbiamo goduto di alcune libertà e opportunità e abbiamo sempre potuto andare all’estero, anche negli anni Cinquanta e Sessanta quando il blocco sovietico era tagliato fuori”, racconta Alan Plestina, uno dei fondatori dello studio UPI 2M. “Gli edifici pubblici venivano costruiti senza attendere la concessione di permessi e...

Procedi con l'acquisto per continuare a leggere

Digitale

4.49 €

Stampata

15.00 €

Abbonamento

Da 35.00 €
Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Tag
#Croazia  #Studio ZA Arhitekturu  #UPI-2M  #Randic + Turato  #Radionica Arhitekture  #Studio UP  #Rusan Arhitektura  #Njiric + Arhitekti  #3LHD  #Rafael Moneo 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054