La superarchitettura è l’architettura della superproduzione, del superconsumo, del supermarket, del superman... | The Plan
  1. Home
  2. Magazine 2007
  3. The Plan 020 [06-2007]
  4. La superarchitettura è l’architettura della superproduzione, del superconsumo, del supermarket, del superman...

La superarchitettura è l’architettura della superproduzione, del superconsumo, del supermarket, del superman...

“La Superarchitettura è l’architettura della superproduzione, del superconsumo, del supermarket, del superman, della benzina super”. Così recitava il manifesto redatto da undici “giovani adulti” nel 1966 in occasione della mostra da loro organizzata alla galleria Jolly 2, al numero diciassette di via San Bartolomeo a Pistoia. Inghilterra, anni ‘60: nascono i Beatles che intraprendono un’escalation che consegnerà loro un posto d’onore nell’Olimpo mondiale. Nello stesso periodo, sempre in Inghilterra, nascono gli Archigram (contrazione di Architecture e Telegram), gruppo di architetti che continueranno ad influenzare nel tempo generazioni di giovani colleghi, in patria e oltremanica, fino ad ottenere nel 2002 la Royal Gold Medal for Architecture. Stati Uniti 1964: Bob Dylan incide “The Times They Are A-Changin’”, esplicita presa di coscienza che i tempi stanno cambiando. Italia, anni’60: il boom economico imperversa. Sono gli anni della diffusione di massa della 500 FIAT e della Vespa Piaggio, primi veicoli che soddisfano quel desiderio di indipendenza dei giovani che si manifesta sul piano sociale nelle prime occupazioni universitarie. Nel 1963 viene occupata la Facoltà di Architettura di Firenze: l’ingabbiamento accademico razionalista impediva l’evoluzione della figura dell’architetto, riducendone il ruolo a tecnico dell’edilizia piuttosto che elevarlo a rifondatore di un sistema di pensiero che aveva nell’architettura la sua sintesi finale. La contestazione era rivolta alla didattica interna al sistema universitario. Il Radical Italiano è figlio del razionalismo, e riconosce in Le Corbusier, “razionalista anomalo”, in Louis Kahn, “razionalista irrazionale”, e in Mies van der Rohe - al quale Archizoom dedicherà successivamente una sedia - i propri padri. I “figli...

Procedi con l'acquisto per continuare a leggere

Digitale

4.49 €

Stampata

15.00 €

Abbonamento

Da 35.00 €
Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Tag
#2007  #Design  #The Plan 020 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054