Magis, Complementi d’arredo “Anomali” | The Plan
  1. Home
  2. Magazine 2002
  3. The Plan 001
  4. Magis, Complementi d’arredo “Anomali”

Magis, Complementi d’arredo “Anomali”


Le ideologie, pericolose deviazioni che distraggono dal culto del dio mercato, sono roba da nostalgici. La politica ormai si risolve in alterchi televisivi o in bisticci giornalistici.
Non c’è politica nel governo che gestisce il paese come un’impresa. Non c’è politica nelle imprese che sono organizzate, non per intraprendere, ma per adeguarsi alle richieste del marketing. Tutti cercano di fare le stesse cose. Ogni successo commerciale genera una serie infinita di cloni e il paesaggio delle merci diventa sempre più monotono, un landscape pianificato a tavolino che esclude qualsiasi vitale forma di spontaneismo ed autocostruzione. Per trovare un’eccezione bisogna andare in Veneto a Motta di Livenza alla Magis, un’azienda di complementi d’arredo, anomala nell’attuale geografia di settore. Eugenio Perazza, il suo titolare, è un politico, nel senso più ampio e filosofico del termine. Perché intraprende, cercando di inventare ciò che ancora manca, utilizzando tecnologie che lo rendano alla portata di molti. Perché crea non solo prodotti, ma contatti umani. Perché compone le diversità in un disegno omogeneo. Perché non si cura del marketing, ma dei designer, coltivandone le singolarità e mettendo a frutto le loro migliori qualità.  La sua azienda è una sorta di Polis ideale, dove i vecchi sono rispettati e i giovani incoraggiati. Se gli si domanda ragione di questa sua attitudine risponde che è per via della distrazione, per la sua attitudine, quando viaggia, a deviare, allungando il percorso per cogliere qualche nuova emozione, per scoprire luoghi ignoti e gustare nuovi cibi. Deviando si accorge delle persone e si ricorda dei dimenticati. Ha nel cassetto una serie di progetti di Charlotte Perriand, rimasti incompiuti alla sua morte, una celebre dimenticata, perché sempre ha vissuto nell’ingombrante cono d’ombra di Le Corbusier e sta lavorando con Pierre Paulin (anni 75, che aveva arredato l’Eliseo all’epoca della presidenza Pompidou), cui ha ridato voglia...

Procedi con l'acquisto per continuare a leggere

Digitale

4.49 €

Stampata

Sold out

Abbonamento

Da 35.00 €
Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054