De8_Architetti - Mirad'Or - Public art gallery & Belvedere, a special exhibition pavilion on the water
  1. Home
  2. Award 2021
  3. Public Space
  4. Mirad'Or - Public art gallery & Belvedere, a special exhibition pavilion on the water

Mirad'Or - Public art gallery & Belvedere, a special exhibition pavilion on the water

De8_Architetti

Public Space  /  Completed
De8_Architetti

Mirad’Or : public art gallery and Belvededere

Questo del Mirad’Or è un progetto complesso, nel senso che il processo per la sua realizzazione è stato molto lungo e in qualche modo anche difficile. E’ un progetto di cui non esiste “letteratura”, non è facilmente inquadrabile in una specifica tipologia architettonica. L’idea originaria era di poter realizzare un piccolo spazio espositivo nello spazio urbano, nella piazza principale di Pisogne. Un’idea certamente brillante e di per se affascinante, soprattutto se riferita ad una cittadina di piccole dimensioni qual è Pisogne. I nostri dubbi su questo programma erano dettati dalla consapevolezza che uno spazio così concepito avrebbe rischiato di rimanere chiuso per gran parte dell’anno: non è una questione di dimensione dello spazio, è più una questione di programma funzionale rigido, mono-orientato. E’ un problema diffuso anche per tutti quei musei o spazi per l’arte che non hanno grandi collezioni permanenti così pure per quelli che per contro non hanno una grande programmazione per le mostre temporanee; a maggior ragione lo sarebbe stato per un piccolo spazio come questo. Dopo vari sopralluoghi abbiamo di cambiare strategia e realizzare “sull’acqua” questo belvedere pubblico disponibile per allestimenti e mostre di arte contemporanea. Non è facile definire esattamente cosa sia il Mirad’Or: un’estensione del lungolago, un padiglione espositivo, un belvedere, la stratificazione dell’antico lavatoio.....Di fatto è tutte queste cose assieme, un’architettura, pubblica , che ci permette di portare uno sguardo contemporaneo ( l’arte) dentro l’esperienza quotidiana dello spazio collettivo. Mai come in questo periodo così difficile e complicato abbiamo riconsiderato l’importanza dello spazio pubblico nelle nostre città, cioè quello spazio utilizzabile in modalità completamente diverse, a volte addirittura conflittuali: una piazza può essere un palco, uno spazio monumentale, una scenografia urbana, un luogo per fare sport o uno spazio di protesta. Troviamo encomiabile che una piccola città come Pisogne abbia avuto il coraggio di realizzare questo edificio così unico. Anni fa realizzammo il 31°piano del grattacielo Pirelli: la cosa più sorprendente era l’idea di Giò Ponti di concepire il Belvedere come una sorta di ricompensa alla città dello spazio pubblico sottratto dall’edificio. Anche il Mirad’Or è un Belvedere quando non ci sono mostre allestite, e una nuova offerta di spazio pubblico aperto e disponibile consegnato alla collettività. Nel nostro intento il Mirad’Or è principalmente un luogo per INDUGIARE . E’ uno spazio per ritrovare un tempo per guardare: un’installazione, un’opera d’arte, lo stesso paesaggio che il Mirad’Or inquadra e quindi definisce.
Ci ha sempre affascinato la luce di questo lago, una luce argentea dilatata dall’acqua. La transizione tra cielo e lago è sempre molto sottile, in dissolvenza. L’edificio è realizzato con una struttura in legno, Xlam, con una “pelle” in vetro extrachiaro retrolaccato bianco, un “dispositivo“necessario affinché questa sorta di nuvola bianca possa stare lì, tra il cielo e il lago.
Il Mirad’Or ha un “dentro” e un “fuori,” molto diversi ma inscindibili tra loro. Questa “nuvola “bianca che sembra appoggiata sull’acqua riproponendo i profili delle montagne di sfondo, dall’interno suggerisce un paesaggio possibile, lo inquadra, senza mai ostacolare la vista dal lungolago.
Le installazioni che si succederanno saranno sempre chiamate a questo continuo dialogo tra lo spazio pubblico e il paesaggio, tra lo dimensione intima e lo sguardo aperto: in questo senso il Mirad’Or è anche un contenente che verrà modificato dal suo contenuto, dalle opere che verranno installate e dai visitatori che vi accederanno.
Questa prima mostra di Daniel Buren testimonia esattamente questo processo: l’architettura è stata subito trasformata dalle opere installate, trovando un nuovo dialogo con la luce e il paesaggio.
Anche se le installazioni sono eventi temporanei, in qualche modo progetti quasi effimeri, alcune rimangono nella storia del luogo: questa esposizione di Buren ha svelato un nuovo modo di percepire questo spazio e noi crediamo che di questo sguardo rimarrà traccia.


Mirad'Or è un progetto del Comune di Pisogne (BS) in collaborazione con Associazione BelleArti.
Direzione artistica: Massimo Minini.
Progetto architettonico: Mauro Piantelli (De8_Architetti)
Grafica: Negrini+Varetto.
Da un'idea di: Gigi Barcella.
Main Sponsor: ISEO Serrature. Sponsor: Alto Lago s.r.l.

Credits

 Pisogne
 COMUNE DI PISOGNE
 01/2021
 102
 220.000
 De8_Architetti
 Mauro Piantelli - Annalisa Masoni - Madalena Tavares - Silvia Piccini
 ITALACTIVE
 SCE project
 Michele Nastasi

Curriculum

La possibilità di effettuare frequenti cambi di scala, dal progetto urbano alle esposizioni museali, così come l’indirizzo rivolto a temi differenti dell’architettura, è diventata una caratteristica dello studio: “unspecialized architecture”. Si sono occupati d'interventi di ri-generazione del patrimonio storico-architettonico sia alla scala dell’edificio (Nuovo Belvedere grattacielo Pirelli) che alla scala urbana (San Pellegrino Terme: Kursaal, Nuove Terme - Bergamo: area ex Gres ). Dal 2014 si occupano del progetto di ri-generazione di Crespi d’Adda (patrimonio Unesco). Con il progetto dello stadio dell'Atalanta hanno indagato la necessità di adeguamento funzionale come reale occasione di ri-generazione urbana. Sul lago d'Iseo hanno realizzato il nuovo water front di Lovere ( nomination per il 2016 public space award del Centro di Cultura Contemporanea di Barcellona),e stanno sviluppando il progetto di riqualificazione della pinacoteca Accademia Tadini (con Tobia Scarpa).

https://www.deottostudio.com

Community Wish List Special Prize

Cast your vote

The voting session is closed


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054