EBA Engineering, Alessia Garibaldi, Marco Vigo - Industrial Hub Chromavis in Fareva, like a black diamond arising from the ground
  1. Home
  2. Award 2021
  3. Production
  4. Industrial Hub Chromavis in Fareva, like a black diamond arising from the ground

Industrial Hub Chromavis in Fareva, like a black diamond arising from the ground

EBA Engineering, Alessia Garibaldi, Marco Vigo

Production  /  Completed
EBA Engineering, Alessia Garibaldi, Marco Vigo

Il progetto si potrebbe definire “il diamante nero”. Un minerale che irrompe dal terreno e da forma a questo edificio di 45.000 mq costruito per Chromavis su greenfield da Eba Engineering s.r.l., di Ercole Barbati, a Offanengo (CR) e i cui interni sono stati curati dagli architetti milanesi Alessia Garibaldi e Marco Vigo.
La parola diamante deriva dalla parola greca Aamas “invincibile”, anticamente donati a scopo apotropaico. Così anche per Chromavis, azienda leader nel settore della cosmetica, il progetto si incastona come un minerale che nasce dal territorio o, paradossalmente, atterrato come un meteorite, modificandone la morfologia. Anche la sua superficie fondiaria complessiva, più di 97.000 mq, è animata dalla stessa forza e il verde si articola creando piccole colline e morbide aree disegnate all'interno di patii e specchi d'acqua, in cui le linee svettanti degli edifici si riflettono.
Le terrazze, i patii interni e il verde indoor sono nel loro insieme un filo conduttore che accompagna l'esperienza della visita all'interno della struttura con i suoi scorci sempre diversi.
Il fabbricato risponde nella sua progettazione totale, ai requisiti “green” della recente normativa Nazionale e Regionale, sia in materia di alta efficienza energetica che di rispetto d’invarianza idraulica.
Importante sottolineare le tempistiche di realizzazione di un impianto di tali dimensioni: l’intero hub del “minerale nero” è stato costruito e completato in soli diciotto mesi.
Gli interni e gli esterni seguono le stesse linee di forza e la struttura segue le linee oblique. Fondamentalmente gli interni sono in sincronia perfetta con gli esterni grazie all’armonia dell’inclinazione architettonica: ciò che è inclinato esternamente lo è anche internamente.
Lo spazio di accoglienza è un grande volume in cui la reception in granito nero, interamente realizzata a mano, emerge dal basamento in marmo a spacco trattato in foglia d'oro. La parete di sfondo completamente rivestita in vetro nero diventa liquida e interattiva, riflettendo i visitatori e proiettando gli esterni all'interno.
I volumi di collegamento tra i piani a doppia altezza, dislocati in due punti del percorso, sono caratterizzati da muri obliqui le cui scale scolpite escono a sbalzo. Gli uffici direzionali e le diverse aree funzionali poste su due piani ruotano intorno a questi volumi, centro di un macrocosmo da dove partono ponti e percorsi connettivi, tanto da far sembrare l'edificio un elemento vivo che muta e porta l’utilizzatore sempre in luoghi diversi.
Nella parte dedicata agli uffici direzionali anche le vetrate interne sono oblique e riprendono i tagli delle finestre, il nero e il tortora avvolgono in modo caldo gli ambienti. Lo spazio dedicato all'ufficio è molto ampio, così come la quantità di uffici singoli intervallati da sale riunioni. Questo consente, nonostante il progetto sia stato pensato in una situazione pre-Covid, un appropriato rispetto delle prescrizioni di igiene e sicurezza previste dall’emergenza sanitaria. Nulla è scontato e tutto parte dalla voglia di stupire, lo spazio della reception disegna un triangolo da cui parte un percorso che guida il visitatore lungo un’esperienza inedita alla scoperta del nuovo headquarter. I corridoi sono cannocchiali visivi bianchi e neri, sono dei luoghi, sia per dimensione che estensione, scanditi da linee oblique e luci led che contribuiscono a creare una prospettiva lunghissima. La visita del nuovo headquarter si configura come una vera e propria esperienza.

Credits

 Offanengo, Cremona
 Chromavis - Fareva
 01/2020
 42123
 45000000
 EBA Engineering (Ercole Barbati)
 Alessia Garibaldi, Marco Vigo
 Mechanical: DIGIERRE3; Electrical: METCing;Landscape: Frassinago Bologna; Services Engineering: Bouygues
 Lighting: Flos, Artemide; Office Furniture: Estel
 Andrea Martiradonna - Giacomo Albo

Curriculum

Arch. Ercole Barbati, laureato al Politecnico di Milano nel 1997, e Titolare di EBA Engineering, Società di Architettura e Ingegneria, nata nel 2017 progetta in ambito sia pubblico che privato, spaziando dal residenziale all’edilizia scolastica, dal commerciale all’industriale, direzionale, e pianificazione urbana. / Architetto milanese con un forte propensione artistica, Alessia Garibaldi si laurea al Politecnico di Milano nel 2000 e nel 2007 fonda lo studio Garibaldi Architects. I progetti recentemente completati sono l’interior design delle OGR Tech di Torino, il nuovo negozio Leica di Torino e la ristrutturazione del resort Fonteverde Spa. / Marco Vigo nasce a Milano nel 1967, dopo la laurea in Architettura al Politecnico di Milano, fonda nel 2005 DC10. Lo Studio ha un portfolio di lavori che spaziano da interventi di recupero edilizio, a nuove edificazioni con destinazione ad uso terziario e residenziale, sino a progetti di rigenerazione urbana.

Community Wish List Special Prize

Cast your vote

The voting session is closed


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054