diverserighestudio - 12
  1. Home
  2. Award 2019
  3. Industrial Design
  4. 12

12

diverserighestudio

Industrial Design / Completed
diverserighestudio

12
Lo sgabello per Ezio Bosso

12 STANZE
Si comincia dalla 1a e si finisce con la 12a.
Dall’ultima si concepisce l’esistenza della prima.
In un movimento circolare.
Lo spostamento da una stanza all’altra genera spazio tramite una dilatazione temporale.
Il tempo passato ad attraversare le stanze (dunque a vivere) definisce lo spazio in cui viviamo.

SPAZIO TEMPO
Il mondo si sviluppa nelle 3 dimensioni conosciute.
Dal punto al cubo si attraversano la 1a, la 2a e la 3a dimensione.
Il movimento genera spazio.
Come il punto (adimensionale) traslando genera una retta che ha una dimensione.

4D
Il tempo come dimensione spaziale, come direzione di traslazione.
La traslazione nella quarta dimensione genera una nuova forma spaziale che è l’ipercubo o tesseratto (tesseract).
Come la 1a e la 12a stanza sono in contatto, così l’ipercubo è estensione di se stesso per infinito tempo, dunque spazio.
E’ la rappresentazione della vita, dell’attraversamento delle 12 stanze.

DISEGNO
La seduta è composta idealmente da due elementi, il sedile estensibile e le gambe che lo sorreggono. Mantiene un carattere minimale, sottolineato dallo svuotamento della parte inferiore, che diviene essenziale.
Le gambe stesse della seduta sono regolabili, per permettere al sedile di abbassarsi fino ad una altezza standard di 45cm, quando la parte superiore è nella sua posizione più compressa.

MECCANICA
Il progetto dello sgabello dodici prevede una regolazione in altezza variabile da 450 a 800mm, con la possibilità di adattare l’inclinazione della seduta. La struttura ipotizzata è ad anelli telescopici con posizionamento rigido, con chiusura di sicurezza a soffietto tra gli anelli mobili, pari ad un numero di 12.
I concetti meccanici esplorati per la definizione del meccanismo di regolazione sono quelli del pantografo e degli elevatori a vite multipla.

2 LIVELLI
Regolazione in altezza a doppio pantografo.
Copertura ad anelli telescopici.
Movimento verticale con vite sinistra/destra integrata nell’ultimo livello del pantografo con manopola.
Doppio pantografo con 2 LIVELLI di bielle, costruttivamente semplice, limite di corsa dovuto a interferenze tra le bielle con passo minimo tra i livelli di 15mm.
Senza sistema di compensazione del peso.
Regolazione inclinazione con manopola e movimento a vite coassiale o no con la manopola di sollevamento.

6 LIVELLI
Regolazione in altezza a doppio pantografo.
Copertura ad anelli telescopici.
Movimento verticale con vite sinistra/destra integrata nell’ultimo livello del pantografo con manopola.
Doppio pantografo con 6 LIVELLI di bielle, costruttivamente complesso, limite di corsa dovuto a interferenze tra le bielle con passo minimo tra i livelli di 10mm.
Senza sistema di compensazione del peso.
Regolazione inclinazione con manopola e movimento a vite coassiale o no con la manopola di sollevamento.

Credits

 /
 /
 02/2016
 0
 10000
 diverserighestudio
 Francesco De Leo, Giovanni Bonavia, Federica Portanova
 Arredo Uno
 Maria Carla Schiavina, Claudia Cocchi, Marek Piotr Wojniak, Enzo Guaraldi
 /
 Laura Fanfarillo, Raffaele Della Pace, Fabrizio Giammarco, Antonio Sollazzo

Curriculum

Simone Gheduzzi, Nicola Rimondi e Gabriele Sorichetti svolgono attività di ricerca multidisciplinare dando forma all'incontro tra saperi e creando un continuo dialogo tra teoria e pratica architettonica.
Concepiscono la composizione come rapporto dinamico tra tema e programma sperimentando il rapporto con la forma e concentrandosi su aspetti connessi alla metafora della composizione. Il fine è la creazione di una estetica relazionale. Empatica.
Hanno esposto presso i Padiglioni Italiani al London Festival of Architecture, all'Esposizione Universale di Shanghai, alla XII, XV e XVI Mostra Internazionale di Architettura della Biennale di Venezia.
Tra i principali riconoscimenti il Premio Internazionale Architettura Sostenibile 2007, la Menzione d'onore al Premio Arches 2008, il Premio Tiles of Italy 2014, il Premio Urbanistica 2015; Nel 2016 ricevono la Menzione Speciale al Premio A+ Award, sono shortlist al PIDA Piranesi Award e tra le nomination al Mies Van Der Rohe Award.

http://diverserighestudio.it/

Community Wish List Special Prize

Cast your vote

The voting session is closed


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054