SGLAB sas - A11
  1. Home
  2. Award 2018
  3. Kitchen Design Special Contest
  4. A11

A11

SGLAB sas

Kitchen Design Special Contest / Completed
SGLAB sas

L’appartamento, ubicato nel centro storico di Bologna, è posto al primo piano di un fabbricato di antica costruzione ad uso residenziale in Via Avesella 11.
Prima dell’intervento di ristrutturazione appariva come un appartamento anonimo, con spazi privi di carattere ma contraddistinti da pareti non perpendicolari con evidenti problemi strutturali.
L’idea, nata dall’esigenza di avere più informazioni possibile sullo stato di salute delle strutture murarie, è stata quella di mostrare quanto più possibile gli elementi originari, demolire i controsoffitti in arelle e portare alla luce i solai originari in legno, rimuovere gli intonaci e far emergere le tracce dei segni del tempo sulle trame murarie.
In contrapposizione agli elementi esistenti, si è scelto di sottolineare il nuovo intervento mediante l’uso di materiali leggeri e colori chiari, contropareti in cartongesso bianche, che allo stesso tempo dialogano con gli elementi storicizzati superiori proiettando un illuminazione led rasomuro che enfatizza gli elementi storici esistenti.
L’appartamento prima degli interventi si presentava in un pessimo stato manutentivo ed era caratterizzato da un distributivo che conduceva ai vari ambienti
I locali erano caratterizzati da diversi tipi di pavimento e rivestimento, generalmente in ceramica di scarsa qualità o in graniglia, e dalla presenza di controsoffitti in incannucciato fortemente fessurati ed ammalorati che celavano le strutture a soffitto.
I locali con affaccio su via Avesella presentavano un innalzamento della quota di pavimento di circa 12 cm rispetto agli altri locali dell’unità immobiliare. Il rilievo delle strutture ha evidenziato l’esistenza di strati consistenti di detriti tali da determinare la forte inflessione delle travi.
L’intervento di natura strutturale ha sostituito i riempimenti esistenti con materiali leggeri quali Leca e polistirene per compensare i vari dislivelli ora esistenti, senza aggravare i carichi sulle strutture sottostanti.
Il progetto si basa sulla dicotomia tra il nuovo e l’antico, garantendo una massima leggibilità del nuovo intervento effettuato:
- fino ad una quota pari a circa 2,50 m sono state realizzate delle nuove pareti in cartongesso, al fine di rendere fruibili e funzionali alle nuove esigenze d’uso i locali per il nuovo insediamento,
- sopra alla quota di 2,50 m , è stata riportata al nudo la struttura originaria storica dell’immobile, la trama delle diverse tessiture murarie è stata riportata a vista ed enfatizzata dalla nuova illuminazione prevista, gli elementi lignei del solaio riportati in luce
Al fine di valorizzare la peculiarità di immobile storico, sono stati demoliti i controsoffitti in “incannucciato” e sono stati riportati a vista gli elementi lignei dei solai previo trattamento del legno.
La nuova disposizione permetterà una lettura dell’organismo edilizio che sarà sviluppato nelle sue componenti costruttive.
Gli infissi in legno esistenti sono stati sostituiti con nuovi infissi ad anta unica in PVC e vetrocamera. La tipologia del profilo è stata scelta cercando di mantenere la snellezza dei profili originari in legno ed evitando prodotti che si configurino come una alterazione incongrua ed anacronistica.
Il progetto ha previsto la riorganizzazione funzionale del layout distributivo dell’appartamento.
Gli interventi strutturali maggiormente significativi consistono nella modifica di alcune aperture su pareti portanti, le nuove aperture sono state adeguatamente cerchiate mediante profili metallici.
Le lavorazioni previste sono state: la creazione di un ulteriore servizio igienico, la demolizione di partizioni interne, l’ampliamento della zona giorno mediante la demolizione di muratura e la realizzazione di una cerchiatura metallica, la sostituzione di serramenti esterni ed interni, la posa in opera di nuovi massetti e pavimenti, il rifacimento degli impianti e la realizzazione di impianto di condizionamento.
L’intervento si qualifica con il recupero di alcune componenti strutturali del fabbricato; murature e solai sono diventati elementi qualificanti l’intervento.
In particolare le murature portate a vista sono state fugate e stuccate a calce per enfatizzarne la tessitura. La muratura è stata trattata con silicato di etile per evitare lo sfarinamento superficiale
Le strutture lignee sono state pulite meccanicamente con spazzola di ferro. Il legno è stato trattato con prodotto antitarlo a base di Sali di boro e sono state effettuate tonalizzazioni con estratti vegetali
La componente materica dei materiali rinvenuti è stata enfatizzata dall’algida porzione inferiore dello spazio, i cui volumi geometrici delle contropareti in cartongesso sono in opposizione formale all’eterogeneità e organicità delle superfici restaurate.
La creazione di uno spazio living/ kitchen avviene attraverso lo svuotamento di uno spazio caratterizzato dalla presenza di un eccesso di superfetazioni e partizioni.
All’interno dell’ampio open space la cucina si configura come fondale e palcoscenico dove vengono reiterati i riti della vita quotidiana in un ambiente funzionale e tecnologico.
Tutte le attività quotidiane si integrano e dialogano tra loro, creando uno “spazio del vivere”: la cucina contamina gli altri spazi e la convivialità si apre al cucinare, in un continuo intreccio di relazioni.
I volumi sono monolitici ed essenziali nelle forme e nell’uso dei materiali. La tecnologia è celata dietro una purezza di forme ed un eleganza di linee sottili.
Il monolite scuro si contrappone alle colonne attrezzate bianche a parete, l’attenzione si focalizza sul worktop, dove si svolge l’azione del cucinare, che assume un’importanza fondamentale.

Credits

 Bologna
 privato
 04/2017
 136
 arch Giovanni Maini, collaboratori: arch Irene Seravalle
 arch Giovanni Maini, collaboratori: arch Irene Seravalle
 Ristruttura srl, Bologna
 Cucina ed elettrodomestici: Arredamenti Lolli srl, Bologna;Arredi su misura: Pierluigi Dall’Omo, Bologna; Prodotti:Cucine Dada | Molteni & C, Vela 14; Elettrodomestici NEFF; Cappa aspirante Falmec, Down draft
 SGLAB sas, arch Gabriele Zanarini

Curriculum

Lo studio SGLAB coniuga le esperienze e le competenze di soci e collaboratori per dar vita a progetti integrati e completi, rispondenti a tutte le esigenze dei clienti.
L'attuale team di professionisti unisce l'esperienza maturata dai due soci fondatori agli apporti innovativi di tutti gli altri soci riuscendo ad affrontare le attività di progettazione architettonica, strutturale ed impiantistica, direzione lavori, con significative esperienze nell'edilizia industriale, scolastica, direzionale e residenziale.
Si specializza negli anni su interventi di restauro di importanti edifici storici, opere di consolidamento, recupero e ripristino strutturale.
SGLAB si occupa inoltre di progetti d'interni e arredi su misura residenziali, commerciali e direzionali, oltre che di grafica, immagine coordinata e comunicazione.

http://www.sglab.it/progetti/a11

Community Wish List Special Prize

Cast your vote

The voting session is closed

Tag
#Italy  #Bologna  #SGLAB sas 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054