bergmeisterwolf architekten - tra i rami - villa H
  1. Home
  2. Award 2017
  3. Villa
  4. tra i rami - villa H

tra i rami - villa H

bergmeisterwolf architekten

Villa / Completed
bergmeisterwolf architekten

l´architettura è un processo di sviluppo, è indagare, percorrere nuovi cammini, sperimentare. è lavorare col paesaggio, ricercando un´integrazione, sia nella materialità, sia nella proporzione. si tratta di recepire, di comprendere dalle immagini, i loro impatti e cromatismi. questo processo per noi parte dal contesto e viene condizionato culturalmente: "non si deve costruire in un luogo, ma si deve costruire il luogo". “le forme del paesaggio“ delineano il punto di vista sull´architettura: una relazione armonica con la natura e il luogo in equilibrio con la loro continuita´, rappresentano la comprensione di luoghi e situazioni – riconoscere il territorio e il paesaggio in quanto tali. l´architettura diventa parte del paesaggio, completandolo, rimodellandolo. questi fondamenti sono alla base del progetto “ritagliata – villa h”.
la villa h, situata nel paese di soprabolzano (renon), forma assieme al parkhotel holzner un’unità e allo stesso tempo costituisce un intimo rifugio, un abitare in mezzo al paesaggio.
un monolite, una forma semplice posata su un pendio. l’edificio si integra con il paesaggio seguendo l’andamento del terreno.
Partendo da un volume lineare si lavora per sottrazione:
un’alternanza di intimi terrazzi e logge scavati verso l’interno distolgono lo sguardo dai vicini binari dello storico trenino del renon. la villa assume così un carattere introverso non solo nelle forme ma anche nella scelta dei materiali. le facciate della villa sono caratterizzate da una struttura solida e dalle tinte naturali color terra del cemento.
villa h rappresenta il punto finale del parco. l’idea è quella di creare un’unità assieme al parkhotel holzner, di introdurre degli elementi di congiunzione che permettono un dialogo tra preesistente e il nuovo.
la villa, posizionata su un angolo dell’edificio, gioca con i dislivelli del terreno rispettando e quindi mantenendo la sua forma e composizione. così facendo parti della villa si intrecciano con i muri formati dall’andamento del suolo.

tutte le aperture sembrano essere ritagliate dal volume della villa attraverso un lavorare con incavature e rientranze nella massa solida, verso l’interno del volume. Allo stesso tempo questi scavi nella materia stabiliscono dei rapporti con la natura che direzionano l`utente verso nuove e inaspettate inquadrature sul paesaggio, diverse per grandezza proporzione e profondità.
sul tetto della villa si estende un giardino privato che, attraverso la pergola sovradimensionata e ricoperta di rose, sembra fondersi con la struttura del complesso. la villa è formata da grossi muri (muri perimetrali senza coibentazione termica) in laterizio con un intonaco esterno composto da aggiunte di material locale e steso a mano. gli interni della villa, caratterizzati da pavimenti in terrazzo ed elementi in legno di rovere naturale e tinteggiato, richiamano la tradizione della villeggiatura nel renon.

Credits

 soprabolzano, BZ
 famiglia holzner wolfgang
 07/2014
 210
 bergmeisterwolf architekten
 bergmeisterwolf architekten
 RittnerBau Srl, Pechlaner Nikolaus & Urban Snc, falegnameria Amegg, falegnameria Prast, lightsystems, Ricordi S.r.l., Elektro Rottensteiner
 gustav willeit

Curriculum

gerd bergmeister nasce a bressanone nel 1969, si forma come architetto studiando all´universitá iuav di venezia e alla leopold franzens di innsbruck; michaela wolf nasce a merano nel 1979, molteplici sono le sue esperienze nel mondo accademico, studiando dapprima all´universitá leopold franzens di innsbruck poi alla architectural association di londra e infine al politecnico di milano. insieme formano lo studio di architettura bergmeisterwolf architekten a bressanone.

http://www.bergmeisterwolf.it/


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054