Storia di artigianalità, design contemporaneo
  1. Home
  2. Design
  3. Storia di artigianalità, design contemporaneo

Storia di artigianalità, design contemporaneo

Storia di artigianalità, design contemporaneo
Scritto da Redazione The Plan -

È attraverso il filtro delle sue cornici sul mondo che Carminati Serramenti è arrivata a scrivere i suoi 128 anni di storia. Nata come una realtà artigiana, come una piccola falegnameria alle porte di Bergamo, oggi l’azienda ha ampliato la propria attività e le proprie collaborazioni in tutto il globo, dall'Europa e il Regno Unito, fino agli Emirati Arabi Uniti e all’America, portando con sé lo stile Made in Italy. Fin da subito ha fatto propri i valori della personalizzazione, del su misura e dell’elaborazione del concept, con una cura artigianale che nel tempo si è intrecciata all’alta tecnologia e alle soluzioni più innovative. È su questi aspetti, come sulle simulazioni, sui disegni tecnici e sulle consulenze che si basano la collaborazione e il dialogo con gli studi di architettura e i progettisti.

Villa privata, Studio Koster, Piacenza © Andrea Martiradonna, courtesy Carminati Serrramenti

Per garantire in ogni fase realizzativa la qualità dei prodotti, dai serramenti alle porte, dalle boiserie ai mobili su misura, il controllo di ciascuna componente avviene in entrata, ovvero ancor prima del suo ingresso nel ciclo produttivo. Controllo e gestione che, da parte di Carminati, proseguono anche in tutte le successive fasi di lavorazione, comprese quelle di collaudo e controllo degli infissi. Altrettanto importante è la tracciabilità: per questo ogni prodotto è dotato di un’etichetta identificativa contenente i suoi dati di commessa e di destinazione. Vi è poi la fase di posa in opera, determinante nella garanzia e nel mantenimento a lungo termine delle qualità, quali l’isolamento termico e acustico, la tenuta all’aria e all’acqua, la distribuzione dei carichi.

Villa privata, Reisarchitettura, Ostuni, Brindisi © Alessandra Bello, courtesy Carminati Serrramenti

Per quanto riguarda il comfort termico e visivo, la garanzia è data dall’unione del legno a un sistema vetro minimale quanto tecnologico: ne è un esempio la collezione Skyline Minimal Frames, un serramento immaginato come una tecnologia invisibile. Una superficie trasparente e un telaio sottilissimo fanno infatti da ponte tra interno ed esterno in maniera discreta, in quanto tutto si gioca sulla cura del dettaglio e sull’equilibrio delle proporzioni. I sottili profili in legno, ampliando la superficie vetrata e di conseguenza l’apporto di luce naturale all’interno, dimostrano come uno degli elementi più antichi dell’architettura sappia adattarsi alle tecnologie più innovative senza disperdere le proprie peculiarità e la propria personalità. Ed è proprio la raffinatezza di questa collezione che è stata scelta, ad esempio, da Antonio Citterio e Patricia Viel nella progettazione e nella realizzazione del Bulgari Hotel e Resort di Dubai.

Artigianalità e progettazione custom, valori fondanti di Carminati, si ritrovano anche nella moschea Djamaa el Djazaïr e in tante delle residenze private alle quali ha contribuito, come la villa realizzata in provincia di Piacenza su progetto dello studio Koster, immersa nelle colline come una sorta di monolite, in dialogo fra tradizione e contemporaneità.

Visualizza il pdf dell'articolo

CARMINATI SERRAMENTI

Via Petos, 5 – I – 24010 Ponteranica (BG)
Tel. +39 035 4128272
E-mail: [email protected]www.carminatiserramenti.it

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054