Ristorante la Ghiacciaia
  1. Home
  2. Design
  3. Ristorante la Ghiacciaia

Ristorante la Ghiacciaia

Ridare vita alla storia

MAO Architects

Ristorante la Ghiacciaia
Scritto da Redazione The Plan -

Immerso nel paesaggio vitivinicolo della pianura trevigiana, il ristorante La Ghiacciaia nasce dal recupero di una struttura esistente che racchiude tracce secolari della storia locale: una ghiacciaia risalente alla fine del ’600 annessa a una villa nobiliare, divenuta deposito di munizioni e bunker durante la Grande Guerra, rinasce così come luogo conviviale, mantenendo viva la memoria e il legame con il territorio.

Il progetto di MAO Architects assume come elemento ordinatore del nuovo impianto planimetrico il muro di cinta della villa, unico elemento superstite dell’antica costruzione; l’accesso al ristorante è stato studiato per offrire agli ospiti un percorso nella storia del luogo, attraversando i filari di vite per accedere, tramite una sorta di grotta interrata, al cuore dell’antica ghiacciaia, ora occupata da alcune tra le sale del ristorante; da qui si prosegue nel volume del bunker in cemento armato, che dà a sua volta accesso agli spazi di nuova realizzazione – lounge bar e cucina a vista – illuminati da una corte centrale interrata.

Risalendo a livello del suolo si è accolti in un’ampia sala vetrata affacciata sui vigneti, la cui copertura è sorretta da pilastri che richiamano nella forma l’andamento dei tralci di vite. Il recupero degli spazi ha riguardato anche la sistemazione esterna, con la creazione sulla sommità della ghiacciaia di spazi semi-privati circondati dalla vegetazione, oasi di privacy e tranquillità.

Il progetto raggiunge un risultato di armonia tra natura e costruito grazie alla leggerezza e alla capacità della nuova costruzione di inserirsi nella trama del territorio agricolo senza imporsi, ma assecondandola. I materiali scelti – cemento, acciaio, vetro, argilla, pietra locale – rispecchiano la storia del luogo e la sua appartenenza a diverse epoche, fino alla contemporaneità. La collocazione parzialmente ipogea dell’edificio, la presenza di lucernari e serramenti in metallo a filo pavimento e la presenza di terreno in copertura hanno richiesto particolare attenzione nella definizione dei sistemi di impermeabilizzazione, realizzati in collaborazione con Mapei che ha fornito assistenza tecnica e materiali.

 

PRODOTTI UTILIZZATI

Impermeabilizzazione parete verticale dell'ampliamento interrato: Plastimul Primer SB, Mapethene LT

Sigillatura dei corpi passanti: Mapeflex Blackfill

Impermeabilizzazione copertura della parte interrata: Mapeflex PU 45 FT, Primer SN, Quarzo 0,5, Purtop 1000

Visualizza il pdf dell'articolo

MAPEI
Via Cafiero, 22 – I – 20158 Milano
Tel. +39 02 376731
E-mail: [email protected]www.mapei.it

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054