Lixio - L’EVOLUZIONE DEL TERRAZZO VENZIANO
  1. Home
  2. Design
  3. Lixio® - L’EVOLUZIONE DEL TERRAZZO VENZIANO

Lixio® - L’EVOLUZIONE DEL TERRAZZO VENZIANO

Ideal Work

Lixio - L’EVOLUZIONE DEL TERRAZZO VENZIANO
Scritto da Redazione The Plan -

Lixio ha origine dall’antico pavimento alla veneziana caratterizzato da graniglie di marmo e pietre livellate; da sempre seduce con la sua bellezza classica e raffinata. Si pensi che il pavimento o terrazzo veneziano nasce nella Venezia dei dogi e si afferma largamente durante il Rinascimento.

Lixio è il rivestimento decorativo innovativo e moderno capace di ricreare il pregio dell’antico pavimento alla veneziana. In soli 5 mm di spessore LIXIO permette di creare un’originale pavimentazione senza interruzioni con esclusive graniglie di marmo italiano di alta qualità.

Grazie alla sua lucentezza e all’effetto marmo, LIXIO permette di ottenere pavimenti di alta gamma, regalando raffinatezza e prestigio alla casa, ma anche a hotel e ristoranti, negozi ed aree commerciali, a musei, edifici pubblici, e ville private.

Non c’è spazio nel quale LIXIO non si possa inserire con classe: che sia storico o moderno, barocco o minimalista: il nuovo pavimento alla veneziana Ideal Work è versatile e si integra piacevolmente in qualsiasi contesto.

LIXIO è applicabile si in interno che in esterno. Risultato della tecnologia innovativa Ideal Work, questo materiale resiste alle abrasioni ed ha un’alta resistenza e longevità.

Lixio è disponibile in svariate texture create con una miscela speciale di aggregati di marmo italiano di alta qualità: dal virginale Bianco Carrara al seducente Nero Ebano 100, passando per il romantico Rosso Terracotta. A scelta sono disponibili molteplici finiture: lucida, satinata, antisdrucciolo o addirittura bocciardata.

 

www.idealwork.it

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Tag
#Marmi e Pietre  #Pavimenti  #Ideal Work 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054