Jacquemus, lo stile della Provenza conquista le grandi capitali della moda
  1. Home
  2. Design
  3. Jacquemus, lo stile della Provenza conquista le grandi capitali della moda

Jacquemus, lo stile della Provenza conquista le grandi capitali della moda

Tre boutique e la potenza di un singolo materiale

OMA

Jacquemus, lo stile della Provenza conquista le grandi capitali della moda
Scritto da Redazione The Plan -

 AMO, lo studio di ricerca e design di OMA, ha recentemente collaborato con il marchio di moda Jacquemus per progettare i nuovi negozi a Parigi e a Londra. L'apertura della boutique Jacquemus nello store Harvey Nichols a Londra è l'ultimo risultato di una collaborazione di successo tra il marchio di moda francese e lo studio olandese. Questo shop-in-shop è stato inaugurato lo scorso novembre in seguito all'apertura di altri due negozi: la boutique di abbigliamento femminile di 60 m2 all’interno di Galeries Lafayette Haussmann e la boutique di accessori di 82 m2 a livello del suolo al Selfridges.

 

Il materiale guida la progettazione

Jacquemus, Selfridges, AMO/OMA ©Benoit Florençon, courtesy of AMO

Il design dei negozi Jacquemus a Londra e a Parigi si basa sull’idea di testare i limiti di un progetto utilizzando un singolo materiale. Gli architetti hanno elevato i materiali al centro del processo di progettazione, scolpendo la forma dello spazio e definendo l'estetica di ogni negozio. «L’ispirazione per il design dei negozi Jacquemus si deve alle origini del marchio nel sud della Francia – afferma Ellen Van Loon, che ha firmato l’interior design insieme a Giulio Margheri –. Abbiamo voluto catturare l'atmosfera della Provenza attraverso la materialità degli spazi, il che ci ha portato ad affrontare la progettazione in un modo completamente diverso. Invece di lavorare con la forma e decidere sui materiali in seguito, abbiamo scelto i materiali all'inizio e li abbiamo lasciati guidare la forma di ogni spazio».

Le superfici dello shop ad Harvey Nichols sono rivestite di pietra calcarea, mentre il negozio all’interno del Selfridges è costruito totalmente in terra cruda, un materiale a base di argilla che richiama il paesaggio del sud della Francia. Fatti di componenti naturali e applicati a mano, i materiali conservano un livello di irregolarità nella texture e nel colore, il che conferisce allo spazio un senso di naturalezza e di artigianalità. Gli elementi architettonici si fondono con l'arredamento in uno spazio continuo, creando un'atmosfera accogliente e confortevole per visitatori e clienti.

Il negozio alle Galeries Lafayette di Parigi, invece, è un chiaro riferimento ai tessuti della Provenza: le pareti, le porte, la sala prova e gli elementi espositivi sono rivestiti di imbottitura bianca, introducendo la comodità e il comfort di uno spazio domestico nell'atmosfera frenetica del grande magazzino. Anche le sedute e le superfici di esposizione sono composte da una pila di cuscini, accogliendo i visitatori a rilassarsi per tutto il tempo che desiderano.

 

Ricerca e design

Jaquemus, Galeries Lafayette Haussman, AMO/OMA ©Benoit Florençon, courtesy of AMO

I negozi Jacquemus rappresentano la prima mondiale per il marchio di moda e proseguono il recente lavoro di Van Loon e Margheri nella scenografia e nel retail per importanti brand. AMO, lo studio di ricerca e progettazione dello studio internazionale OMA, applica il pensiero architettonico a domini che vanno oltre l'architettura.

La grande varietà di progetti di ricerca e studi AMO include anche Roadmap 2050, un piano per una rete di energia rinnovabile a livello europeo, e The Energy Report, un piano globale per l'energia rinnovabile entro il 2050 con il WWF.

>>> Scopri anche il Taipei Performing Arts Center

 

Iscriviti alla newsletter

 

Credits

Location: London, UK and Paris, France
Architects: AMO by OMA
Client: Jaquemus

Photography by Benoit Florençon, courtesy of AMO

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054