Intervista con Mr. Marc Brunner
  1. Home
  2. Design
  3. Intervista con Mr. Marc Brunner

Intervista con Mr. Marc Brunner

Brunner

Intervista con Mr. Marc Brunner
Scritto da Redazione The Plan -

THE PLAN ha avuto l’opportunità di incontrare e intervistare Mark Brunner, Managing Director di Brunner Group, impresa a conduzione familiare oggi nelle mani della seconda generazione. Un’ottima occasione per parlare dell’attività di Brunner, del futuro dell’azienda così come del ruolo del design nella loro realtà imprenditoriale.

 

Alla soglia del suo quarantesimo anno di vita, Brunner sta vivendo un periodo di transizione che coinvolge le due generazioni della famiglia. Come sta affrontando l’azienda questo momento così delicato e, al tempo stesso, rilevante?
Brunner è un’azienda familiare, specializzata in sedute multifunzionali. Inizialmente si focalizzava sulle sedute per conferenze e sale congressuali, oggi ha ampliato il proprio raggio d’azione abbracciando anche i settori ufficio e healthcare. Alla soglia del quarantesimo anno di attività, vive questo delicato momento di transizione dalla prima alla seconda generazione coinvolgendo l’intera famiglia. È una scelta precisa quella di Brunner, proprio per mantenere saldo il proprio know-how maturato in tutti questi anni e abbinarlo a una visione più fresca e contemporanea.

 

In che modo Brunner riesce a conservare una propria brand identity e presentarsi sul mercato come un partner esperto e qualificato ma, al tempo stesso, innovativo e orientato al futuro?
Lavoro nell’azienda da 11 anni e mi sono sempre occupato del design senza mai trascurare le nostre origini, che sono quelle di un’azienda che ripone estrema attenzione nella funzionalità. Credo dunque che la vera evoluzione di Brunner stia nel saper mantenere il proprio carattere altamente tecnologico, che garantisce sedute efficienti e confortevoli, e accompagnarlo a una sempre maggiore ricerca estetica. Una sedia bella ma scomoda non serve a nulla, una sedia brutta ma comoda è funzionale, una sedia bella e comoda è perfetta.

 

La concezione e conseguente progettazione degli spazi di lavoro si sta evolvendo da una dimensione rigida e formale a una più flessibile e informale. Come sta assecondando l’azienda questa trasformazione? Cosa ci riserverà, secondo Lei, il futuro?
La storia vive di cicli, lo stesso vale anche per il mondo dell’arredo degli spazi di lavoro. Ci sono stati momenti in cui rigore e formalità erano principi fondamentali per impostare un ufficio, oggi invece stiamo vivendo un periodo in cui l’ambiente lavorativo si muove verso una dimensione più familiare e meno autoritaria. Tuttavia, ritengo che il livello di informalità non possa spingersi troppo oltre questa soglia: un ufficio è pur sempre un ufficio.

 

Qual è la filosofia di Brunner? Che cosa la differenzia rispetto ai competitor nel settore dell’office design e furniture? In che modo queste differenze vengono trasmesse all’utente finale?
La filosofia di Brunner si fonda sull’esigenza di creare un prodotto di valore, nato dal punto di vista dell’utente finale. I nostri esperti devono mantenere un atteggiamento di dialogo e di apertura verso la clientela familiarizzata e potenziale, elaborando soluzioni nate dall’analisi del mercato e plasmate a seconda delle specifiche richieste dell’utente. Solo in questo modo è possibile emergere e distinguersi rispetto alla concorrenza, solo allora il cliente non deve adattarsi al mercato ma ha la possibilità di acquistare un prodotto valido e perfetto per le sue esigenze.

 

Nell’elaborazione dei prodotti, qual è il rapporto dell’azienda con interior designer e distributori?
Credo che siano una parte importante nel processo produttivo di Brunner, poiché assieme all’utente finale, sono le figure con cui l’azienda si interfaccia per ideare, plasmare e rinnovare le proprie linee di prodotto. Gli interior designer di oggi non curano soltanto l’estetica, ma hanno una piena consapevolezza di come la seduta debba essere altresì comoda; il loro contributo è dunque per noi prezioso nell’elaborazione di un prodotto raffinato ma al tempo stesso efficiente, comodo e, dunque, utilizzabile nel breve e nel lungo termine. I distributori, invece, hanno il cosiddetto “polso della situazione”, sono pragmatici e sanno cosa funziona e cosa no.

 

Marc Brunner ha conseguito una laurea internazionale in Economia presso l’European Business School (ebs). Prima di entrare a far parte dell'azienda di famiglia, ha arricchito il proprio bagaglio professionale lavorando presso Roland Berger Strategy Consultants e Porsche. Dal 2004, Marc è Managing Director di Brunner GmbH e si focalizza su ambiti di particolare interesse quali design, arte e cultura. Brunner è sinonimo di design chiaro e funzionale, orientato al cliente, in grado di fornire soluzioni personalizzate e dalla massima flessibilità. L'azienda di famiglia si colloca tra i cinque principali produttori in Europa di mobili per la divisione Contract.

 

www.brunner-group.com

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054