Il legno di ciliegio per un interior di classe a Caroline Place
  1. Home
  2. Design
  3. Il legno di ciliegio per un interior di classe a Caroline Place

Il legno di ciliegio per un interior di classe a Caroline Place

Amin Taha Architects + GROUPWORK

Il legno diventa protagonista dell’interior design di una casa a Caroline Place, un tranquillo quartiere di villette a schiera degli anni '50 a nord di Hyde Park e Kensington Gardens.

Amin Taha Architects + GROUPWORK si sono occupati della ristrutturazione di questa casa dallo stile nordeuropeo caratterizzata da file di mattoni taglienti e giunture di malta stratificate. I layout interni sono rimasti legati alla tradizione edoardiana inglese, ma attraverso l’originale uso del legno di ciliegio americano gli architetti hanno dato nuova vita all’intera villa.

"Eravamo entusiasti di usare il ciliegio in questo progetto perché è un legno sottoutilizzato", afferma Amin Taha. "Ed è un materiale perfetto per i progetti di interni perché è liscio, caldo e molto facile da rifinire come una superficie lussuosa."

L’abitazione nasce divisa in due parti, una superiore occupata dai nobili proprietari e una inferiore adibita al personale di servizio. Dopo la Seconda Guerra Mondiale la casa subì diversi adattamenti legati ai nuovi gusti della società moderna. Gli attuali proprietari hanno deciso di mantenere parte delle trasformazioni esistenti, aggiornandole con finiture e materiali più affini ai loro gusti.

Il primo piano può essere utilizzato interamente come una singola reception con un'area studio angolare. Due librerie adiacenti a tutta altezza possono essere ripiegate e far scorrere le porte fino a chiudere in primo luogo la stanza, e dividerla dallo studio. Una delle librerie, quando ruotata, può ospitare un letto per gli ospiti e così trasformare lo studio in una camera da letto.

Per questi scopi, i mobili sono a tutta altezza con spazi ombreggiati e dettagli di luce luminosa che creano ambienti autonomi e distaccati. Il loro scopo e le loro dimensioni sono ulteriormente ampliati per fornire spazi utili come bagno, cabine armadio e lavanderia.

Tra i materiali maggiormente utilizzati dagli architetti di Amin Taha Architects + GROUPWORK c’è sicuramente il legno di ciliegio, impiegato principalmente per definire spazialmente i vari ambienti.

Secondo David Venables, European Director di AHEC, "l’american cherry è uno dei legni di latifoglia temperati a più rapida crescita al mondo, eppure è ancora ampiamente sottoutilizzato. Caroline Place è un ottimo esempio di come il colore bruno-rossastro di questa specie sostenibile possa aggiungere calore ed eleganza al progetto. "

Legno di ciliegio americano

Il ciliegio americano è un materiale facilmente reperibile nelle foreste di latifoglie degli U.S. e nel Nord America. I dati della FIA - Forest Inventory Analysis mostrano che la massa legnosa del ciliegio americano è il 3,0% della massa legnosa totale di latifoglie U.S. e che, mentre 4,3 milioni di m³ vengono raccolti ogni anno, più di 11 milioni di m³ di ciliegio americano crescono naturalmente nelle foreste U.S. durante lo stesso periodo

Le sue tonalità sono calde e la qualità è molto raffinata. Il durame varia dal rosso intenso al marrone rossiccio e si scurisce con l'esposizione alla luce e con il passare del tempo, mentre l'alburno è bianco crema. Il legno di ciliegio è molto versatile e facile da colorare, spesso viene utilizzato per la realizzazione di mobili o falegnameria interna.

Architect: Amin Taha Architects + GROUPWORK 
Location: London, UK
Photography courtesy of Amin Taha Architects + GROUPWORK 

Iscriviti alla newsletter:
Ho letto la privacy policy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali.
Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Non perdere interessanti opportunità di formazione
Scopri in anteprima i contenuti del Magazine e della Webzine di THE PLAN
Tag
#Londra  #Legno  #Abitazione privata  #Amin Taha Architects + GROUPWORK  #Progettazione in legno 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054