Il caldo del legno e la luce del sole per ristrutturare una villa anni Settanta
  1. Home
  2. Design
  3. Il caldo del legno e la luce del sole per ristrutturare una villa anni Settanta

Il caldo del legno e la luce del sole per ristrutturare una villa anni Settanta

Il progetto ha portato a una riqualificazione architettonica ma anche energetica

Studio Architetto Bianchi

Il caldo del legno e la luce del sole per ristrutturare una villa anni Settanta
Scritto da Redazione The Plan -

Un ambiente chiaro e luminoso, caldo per il suo legno scuro ed essenziale per i suoi arredi e le sue linee minimali. Una villa risalente agli anni Settanta del secolo scorso è stata ristrutturata e riqualificata – anche dal punto di vista energetico – dall’architetto Sergio Bianchi, che ne ha saputo valorizzare gli ambienti con un nuovo layout e con un più profondo rapporto con l’ambiente circostante. Ed è proprio la natura a essere il fulcro dell’intero progetto, nel rispetto della quale si sono adottate tecnologie di ultima generazione e si sono installati sistemi per un più basso impatto ambientale. La scelta stessa di ridare vitalità e di ottimizzare un edificio preesistente è stata una strategia in questa direzione, evitando così il consumo di nuovo suolo.

L’identità originaria dell’edificio è comunque ben percepibile: sono state infatti recuperate soluzioni architettoniche senza tempo, reinterpretate in una chiave contemporanea fino a riorganizzare i locali in una conformazione più funzionale. Un profondo legame tra tutti gli spazi è dato, da una parte, dallo stile degli arredi ricercati e delle finiture, dall’altra, dall’uso di pochi materiali di qualità. Tra questi un ruolo fondamentale nel definire l’atmosfera accogliente dell’abitazione il legno Wengè spazzolato verniciato della collezione Antico Asolo 3 strati classico di CP Parquet (by Danilo Pagani – Pagani Parquet): la sua tonalità così calda è stata studiata anche nel suo dialogo con quelle più fredde dei pannelli in cemento e acciaio Cor-Ten® che rivestono il nucleo centrale del camino e della scala. Una scelta, quella di rivestire con 5 mm di strato nobile in Wengè – grazie alla collaborazione di CP Lab Design – per accentuare ancor più la continuità tra i vari ambienti (come nel caso, per esempio, della cucina e della zona living sapientemente unite pur rispettando le proprie peculiarità visive e funzionali) e il senso di benessere e di energia positiva di tutta la casa.

Villa a Varese, Studio Architetto Bianchi ©Enzo Marcantonio, courtesy of CP Parquet

L’attento uso, molto spesso su misura, di un materiale come il legno è sintomo dunque di un miglior rapporto con la natura, il quale si esplicita in via prioritaria attraverso le ampie vetrate affacciate sul verde. È grazie a queste se gli ambienti sono per buona parte della giornata inondati di luce naturale: vale anche per la zona bagno, con una vasca freestanding accanto a un’ampia vetrata.

Alla base dell’intervento dello Studio Architetto Bianchi vi è stata l’intenzione di unire, in un unico progetto, estetica e sostenibilità, bellezza che vuol dire anche gestione intelligente delle risorse, comfort e design in sintonia con la natura.

>>> Scopri anche il restauro di un appartamento in un palazzo del Settecento a Padova.

 

|||   ISCRIVITI A THE PLAN   |||   Ricevi direttamente le più belle storie del mondo dell'architettura e del design, gli ultimi progetti realizzati, classifiche e recensioni, consigli su video, gallery e interviste 

Credits

Location: Varese, Italy
Architect: Studio Architetto Bianchi
Products: CP Parquet by Danilo Pagani – Pagani Parquet
Photography by Enzo Marcantonio, courtesy of CP Parquet

 

Scopri di più su CP Parquet

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054