Hope di Luceplan
  1. Home
  2. Design
  3. Hope di Luceplan

Hope di Luceplan

Scritto da Redazione The Plan -
La cerimonia di premiazione si terrà il 5 luglio 2010 nella suggestiva cornice del Teatro dell’Opera di Essen di Alvar Aalto (capitale europea della cultura 2010).
Progettata da Francisco Gomez Paz e Paolo Rizzatto, Hope è stata premiata da una autorevole giuria internazionale per i suoi elevati contenuti di ricerca, innovazione e per la sua impeccabile qualità formale.
Il riconoscimento ha una forte valenza internazionale. Alla edizione 2010 del premio red dot hanno preso parte designer e aziende provenienti da 57 nazioni per un numero totale di 4252 prodotti presentati.
Un successo mondiale a pieno titolo per un prodotto che sin dal suo debutto sul mercato, poco meno di un anno fa, ha riscosso immediatamente uno straordinario successo di critica e di pubblico.
Leggerissima e scomponibile - frutto di un brillante processo progettuale e produttivo - Hope ripropone la magia dei lampadari di cristallo della tradizione interpretandola con sofisticate tecnologie moderne e materiali contemporanei.
Una serie di sottili lenti Fresnel piane di materiale plastico, ottenute con microprismatura impressa su film di policarbonato dal potere diottrico equivalente a quello del vetro (senza tuttavia vincoli di ingombro, fragilità, spessore e peso), riduce l’elevata luminanza della fonte luminosa e nel contempo ne moltiplica la luce infinite volte, ricreando un gradevole effetto sfavillante, punteggiato da tanti piccoli riflessi.
Risultato sorprendente e fantastico che si ha anche quando l’apparecchio è spento.

www.luceplan.com

Iscriviti alla newsletter:
Ho letto la privacy policy e presto il consenso al trattamento dei miei dati personali.
Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Non perdere interessanti opportunità di formazione
Scopri in anteprima i contenuti del Magazine e della Webzine di THE PLAN

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054