Axor Starck Organic di Axor Hansgrohe
  1. Home
  2. Design
  3. Axor Starck Organic di Axor Hansgrohe

Axor Starck Organic di Axor Hansgrohe

Hansgrohe

Axor Starck Organic di Axor Hansgrohe
Scritto da Redazione The Plan -
Dall'apertura la manopola di regolazione si arresta a 3,5 lt, e solo con un'ulteriore rotazione arriva a 5 lt/m. Insomma: per "sprecare" più acqua bisogna proprio volerlo!  Per la prima volta in un miscelatore vengono separati i regolatori di temperatura e di flusso. La manopola che regola il calore dell'acqua è infatti collocata sulla "testa" della rubinetteria. Un invito a "usare la testa" e a pensare a quale temperatura si desidera l'acqua prima che il flusso venga aperto! Una sottile linea colorata che degrada dal verde all'arancio indica la posizione più "ecologica" che prevede il prevalente utilizzo di acqua fredda. Una volta impostata la scelta della temperatura la manopola potrà essere lasciata in questa posizione anche a lungo! La manopola di apertura e regolazione del flusso d'acqua è posta direttamente sulla bocca di erogazione. Una posizione completamente innovativa ma anche intuitiva e semplice.
Il nuovo miscelatore Axor Starck Organic nasce in primis come ripensamento della tecnologia di erogazione (e risparmio) dell'acqua: "Non un'operazione 'trendy' detestabile in particolar modo nel settore del bagno, dove semmai un miscelatore o un lavabo debbono avere come prima caratteristica la durata nel tempo" spiega il designer francese "Ma un lavoro importante verso una tecnologia più sostenibile, che possa funzionare ovunque nel mondo, anche dove c'è poca acqua. Una ricerca resa possibile dall'impegno etico di questa azienda e degli uomini che l'hanno resa ciò che è nel mondo. Lavoro con Klaus e suo figlio Philippe Grohe ormai da vent'anni e sono loro davvero riconoscente per avermi seguito nel mio percorso.

pro.hansgrohe.it
Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054