Apprezzare l’arte attraverso la luce
  1. Home
  2. Design
  3. Apprezzare l’arte attraverso la luce

Apprezzare l’arte attraverso la luce

Apprezzare l’arte attraverso la luce
Scritto da Redazione The Plan -

La luce ha un importante ruolo di guida, genera emozioni, agevola l’accesso ai contenuti e contribuisce alla costruzione del messaggio visivo e alla semantica di un luogo, ancor più se si tratta di un museo, di una galleria o di un luogo d’arte. La luce contribuisce a mettere in dialogo le opere, la storia degli artisti, i rispettivi significati con l’intero contesto, giocando un ruolo di primaria importanza nell’attribuzione a quest’ultimo di un ruolo da protagonista. Al contrario, nel metterlo deliberatamente in ombra. Tutto questo non può prescindere dalla profonda conoscenza del luogo stesso, degli artisti e dei percorsi seguiti per realizzare le varie opere. È da questi presupposti che parte il lavoro di Zumtobel, azienda specializzata in soluzioni illuminotecniche sofisticate e tecnologiche, con profonda esperienza anche negli ambienti espositivi e museali; un settore in movimento che propone emozioni per l’occhio del visitatore, immersività, interpretazione e tutela del patrimonio. Infatti, se da una parte si deve garantire la corretta visione e fruizione delle opere, dall’altra devono essere perseguiti i criteri di tutela dovuti alla diversa fotosensibilità dei materiali: gli acquerelli, i tessili, il cuoio, per esempio, sono particolarmente sensibili.

Museo dell’Abbazia di Novacella, Varna, Bolzano © Jürgen Eheim, courtesy Zumtobel Group

Ricerca e sperimentazione sono da sempre alla base dell’approccio che Zumtobel applica nello sviluppo dei suoi corpi illuminanti con lighting designer e curatori per identificare nuove soluzioni di applicazione.

Ne è un esempio la collaborazione con lo Studio Consuline nel perfezionamento dell’applicazione del Metodo Monza – nato originariamente dalla sperimentazione dei lighting designer per il progetto della Cappella Teodolinda – un sistema di illuminazione a percezione tridimensionale, precursore della tecnologia tunableWhite.

Palazzo dei Diamanti, Ferrara © Silvia Gelli, courtesy Zumtobel Group

Questo prevede la sovrapposizione di luci a temperatura di colore diversa e provenienti da direzioni differenti. I diversi gradi cromatici della luce, appena percettibili agli occhi, sono colti quasi in modo subliminale dal cervello umano, stimolando l’interesse e l’attenzione. Alla base vi è un’integrazione di discipline quali le neuroscienze e la neuroestetica.

La tecnologia tunableWhite di Zumtobel condensa in un unico apparecchio quanto descritto sopra e, grazie a un’innovativa ottica Zoom Focus, restituisce con autenticità le strutture e i colori, le sfumature e i materiali, plasmando contrasti perfetti. «Arte, design, architettura sono elementi fondanti della nostra cultura aziendale – sottolinea Isabel Zumtobel, Head of Art &Culture –. L’interazione con gli artisti di valore ci fa guardare oltre, apre a nuove sfide ed evoca bellezza ed emozioni. È come illuminare le nostre anime e, alla fine, è questo quello che fa la differenza».

Visualizza il pdf dell'articolo

ZUMTOBEL GROUP
Via Isarco, 1 – I – 39040 Varna (BZ)
Tel. +39 0472 273 300
E-mail: [email protected]www.zumtobel.it

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054