Interpretare il Genius Loci
  1. Home
  2. Contract & Interior Design 07
  3. Interpretare il Genius Loci

Interpretare il Genius Loci

Falkensteiner Hotel Montafon | Urban Hive Hotel

VUDAFIERI-SAVERINO PARTNERS

Interpretare il Genius Loci
Scritto da Redazione The Plan -
Hanno partecipato al progetto Duravit, Concreta srl

Luoghi di incontro, di socializzazione, di lavoro, di relax, di svago, di vacanza: estensioni dell’intimità domestica anche lontano da casa. La tendenza dell’hôtellerie è sempre più quella di proporre ambienti versatili, contenitori di funzioni che superano i confini dell’ospitalità tradizionale, per diventare nuovi poli nevralgici, in contesti urbani come fuori dalla città.

Santi Caleca, courtesy of Vudafieri-Saverino Partners Urban Hive Hotel

È il caso di due progetti di interni recentemente firmati dallo studio Vudafieri-Saverino Partners: due hotel in contesti completamente diversi – il primo nel cuore di Brera, a Milano, e l’altro immerso nello spettacolo naturale delle Alpi austriache – ma che condividono la celebrazione della loro cornice architettonica e paesaggistica e il medesimo approccio al progetto.

Incastonato tra le catene montuose della valle del Montafon, nel cuore delle Alpi, il resort della catena Falkensteiner Hotels & Residences è una struttura pensata per un soggiorno in sintonia con la natura, progettata da Snøhetta come una composizione stereometrica che, sfruttando il declivio naturale, si articola in due edifici a stecca connessi da un nucleo centrale.

L’hotel ospita 123 camere e suite, una spa di 1.400 m2, una ski room e una lobby con zona bar e ristorante. Per gli interni, Claudio Saverino e Tiziano Vudafieri si sono lasciati ispirare dal paesaggio alpino e dalle costruzioni locali; così, in una cornice architettonica lineare e contemporanea, si ritrovano reinterpretazioni in chiave moderna di elementi tradizionali, come le recinzioni di rami intrecciati nelle decorazioni della lobby o i tipici tappeti artigianali nei wallpaper custom made. I materiali parlano dell’architettura vernacolare: pietra, legno di abete e di larice e intonaco bianco raccontano dell’intreccio tra uomo e natura e della Montafoner Haus, la costruzione tradizionale della vallata, simbolo archetipico del rifugio dell’uomo tra le montagne. Anche la palette cromatica si ricollega alle tradizioni locali: i colori sono stati selezionati traendo ispirazione dall’agricoltura in tre fasi, tecnica ancestrale che alternava coltivazioni a semina invernale, autunnale e primaverile. Le aree comuni sono, così, animate da nuance primaverili ed estive e alternano verdi, blu e toni naturali; le camere sono invece modulate su una palette autunnale, che accosta rossi, arancioni e gialli alle cromie del legno.

Per il progetto di restyling dello storico hotel Carlyle Brera Milano, diventato il nuovo Urban Hive, Vudafieri-Saverino Partners si è nuovamente lasciato ispirare dal contesto: nel cuore di uno dei quartieri più bohémien della città, l’hotel vuole richiamare quel mix di estro, arte e creatività che lo hanno reso il primo distretto italiano del design. La riqualificazione della struttura ha riguardato le 97 camere e suite, le aree comuni e in generale il concept, nell’ottica di creare un nuovo social hub, un punto di riferimento e di scambio tra gli ospiti e i residenti. Nel progetto di interior si ritrovano i simboli della città – dalla Madonnina al Bar Basso – e quell’eleganza ricercata e senza tempo tipica di Milano. La lobby è stata pensata come il fulcro nevralgico dell’hotel, punto di incontro di ospiti e cittadini: un parquet in rovere chiaro, luci soffuse, librerie e oggetti di design trasmettono il calore di una casa. Gli ambienti sono progettati in un’ottica di flessibilità e circolarità: il mezzanino dedicato alla colazione diventa da metà mattina spazio per coworking, la hall si trasforma in modo fluido in lounge bar e luogo per eventi.

La ridefinizione delle camere ha lasciato spazio alla libertà espressiva degli architetti, che ne hanno disegnato tutti gli arredi. Di grande impatto è la scelta cromatica, modulata su una palette che si alterna per ogni piano – rosa terracotta, verde menta e celeste – e studiata a contrasto con i tendaggi e i tessuti per coniugare, attraverso il design, le due anime che danno vita a Milano, quella creativa e quella del mondo del business.

Due hotel in contesti completamente diversi condividono la celebrazione della loro cornice architettonica e paesaggistica e il medesimo approccio al progetto. 

Luogo: Montafon, Austria 
Committente: FMTG Falkensteiner Michaeler Tourism Group Completamento: 2023 
Superficie lorda: 11.140 m2
Progetto architettonico: Snøhetta
Progetto degli interni: Vudafieri-Saverino Partners 

Consulenti
Illuminazione:
Studio L Plan
HVAC: Pechmann
Progettazione elettrica: Systech Solution

Luogo: Milano
Committente: Hively Hospitality
Completamento: 2023
Superficie lorda: 3.750 m2
Progetto degli interni: Vudafieri-Saverino Partners
Appaltatore principale: Concreta

Fotografie: Paolo Valentini, courtesy Vudafieri-Saverino Partners

Ti potrebbe interessare:
CONTRACT & INTERIOR DESIGN 07
CONTRACT & INTERIOR DESIGN 07

THE PLAN Contract & Interior Design 7 è il settimo numero speciale che THE PLAN dedica a questi mondi dell’architettura. La pubblicazione, in uscita a settembre 2023 insieme a THE PLAN 148, raccoglie una ventina di progetti – tra i più signific... Read More

Copia Cartacea Copia Cartacea
12.00 €
Copia Digitale Copia Digitale
5.49 €
Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054