Fabio Fantolino - Casa Mille rappresenta vivibilità, funzionalità e design ricercato
  1. Home
  2. Award 2020
  3. House
  4. Casa Mille rappresenta vivibilità, funzionalità e design ricercato

Casa Mille rappresenta vivibilità, funzionalità e design ricercato

Fabio Fantolino

House / Completed
Fabio Fantolino

L’immobile, ex sede della Cassa Edile, è il Palazzo dei Conti Callori, famiglia nobile dell’Ottocento, progettato dall’Antonelli.
Uno dei mantra e delle linee guida progettuali principali del design di Fabio Fantolino è la forte vivibilità e funzionalità dei progetti nonostante un design molto ricercato. Questo principio ispiratore ha guidato ogni scelta, rendendo l'intero progetto molto accogliente. Le camere da letto e i saloni si affacciano sul giardino rendendolo così nei mesi estivi quasi un villaggio turistico dove i figli e i genitori vivono insieme questo spazio come un ampliamento di quello interno. La continuità del pavimento e le ampie vetrate che d'estate rimangono aperte, rafforzano il concetto di continuità e dilatazione dello spazio.
I proprietari desideravano una casa molto conviviale e funzionale per quattro persone, sia nei momenti di intima quotidianità, sia negli spazi ampi e dedicati alla socialità. La zona giorno, seppure ben divisa dalla zona notte ma unita alla stessa attraverso l'outdoor, è formata da ampi spazi con ognuno la propria anima, uniti tra di loro attraverso passaggi e confini definiti ma labili che creano un ampio ambiente unico.
L’appartamento si snoda all’interno dell’ampliamento degli anni ’30, in quello che era il laboratorio artigianale del Conte e le ex scuderie nel giardino esterno. Solo la cucina è l’unico ambiente realizzato all’interno della manica ottecentesca dell’edificio.
E' la storia dell’immobile che ha dato uno dei filoni progettuali a tutto il design: il living è stato ricavato nel laboratorio artigianale del conte, connotazione che ha influenzato la scelta di un pavimento industriale in cemento elicotterato. L’elemento caratteristico è proprio il cambio di pavimento che non avviene al confine degli ambienti delimitandoli, ma si colloca in una posizione asimmetrica.
Il palchetto, che riflette l’anima storica della casa, invade con un taglio asimmetrico la parte contemporanea caratterizzata dal cemento elicotterato. Nella sala da pranzo, è il tavolo progettato dall'architetto, a fare da trait d'union alle due anime ed epoche contrapposte, riproposte anche nella contrapposizione e scomposizione della boiserie realizzata in Valchromat, materiale più grezzo e industriale, e in legno di noce americano, elegante e accogliente.
A dividere la sala da pranzo dal corridoio è stata utilizzata una vetrata colorata. Nel progetto, e nella filosofia di Fabio, il colore è utilizzato negli arredi, nelle stoffe e nei vetri, esaltato da un involucro più neutro che fa da comparsa rispetto agli arredi e agli oggetti di design, veri protagonisti della scena attraverso forme e colori.
Un'altra forte ispirazione che caratterizza il progetto nasce dai colori e dalla morbidezza delle forme degli anni '70, un design elegante e molto iconico in certi tratti.
Al fine di mettere in equilibrio il cemento elicotterato caratterizzato da un tratto duro ed informale, la scelta è ricaduta su un design accogliente, morbido ed elegante attraverso l'utilizzo del noce americano negli arredi custom e di tessuti materici e tramati. Sono proprio le stoffe tramate e scomposte a riequilibrare con forza l'effetto industrial dato dal pavimento, ingentilendolo e rendendo il sapore dell'intero progetto più rilassante ed equilibrato. Tutti gli arredi e complementi d'arredo contribuiscono al progetto rafforzandone l'identità scelta.
I materiali in ogni ambiente si rincorrono e contrappongono esaltandosi a vicenda anche nelle finiture: tutto il legno ha una componente di gloss che lo rende lucido e riflettente contrapposto a finiture più opache e matt (laminati, laccature).

Credits

 Torino
 09/2019
 500
 0
 Fabio Fantolino
 Fabio Fantolino
 Giardino Segreto
 Materia Design - Plaumbo legnai - Merlo - Grosso Tende - Rezina - Traiano Luce 73
 Giorgio Possenti

Curriculum

Fabio Fantolino è un architetto designer. Fonda uno studio nel 2001 a Torino e un secondo a Milano nel 2014. I progetti spaziano dall'architettura all’interior, dal residenziale al terziario, approdando negli ultimi anni al product design in qualità di designer o art director, avviando collaborazioni con grandi aziende. Tutti i progetti sono caratterizzati da una forte identità, frutto della sensibilità creativa e della cultura e conoscenza del design internazionale. Lo studio negli anni ha messo in equilibrio, trend, design e tecnica, ingredienti fondamentali dell’architettura che quotidianamente dosa e mescola per raggiungere risultati esclusivi. Ogni intervento non è mai urlato ma ben calibrato tra estetica, esigenze del cliente e la personale capacità interpretativa e progettuale. Ogni elemento, materiale, luce o arredo è studiato ed inserito come o comparsa o come soggetto principale esaltando il filone progettuale sempre nel rispetto della sua individualità e del suo equilibrio


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054