ATIproject - Dino Compagni School Complex, un sistema integrato di volumi
  1. Home
  2. Award 2020
  3. Education
  4. Dino Compagni School Complex, un sistema integrato di volumi

Dino Compagni School Complex, un sistema integrato di volumi

ATIproject

Education / Completed
ATIproject

Dino Compagni School Complex
L’idea di scuola sviluppata all’interno del progetto reinterpreta gli spazi didattici come un sistema integrato di volumi. La disposizione dei diversi corpi caratterizza gli spazi esterni per disegno e attività. Tale strategia permette un dialogo forte con la città e la comunità locale, rileggendo il ruolo della scuola come vero e proprio centro civico. Ciascun volume è stato studiato specificatamente al fine di raggiungere elevati livelli di funzionalità, comfort e benessere, in un gioco concertato fra tecnologia ed estetica. Efficienza energetica e sostenibilità ambientale sono temi centrali del concept.
Il concept è stato creato dall’unione di tre elementi, l’asse principale di relazione con il tessuto urbano, il verde e l’orientamento, per un’integrazione morfo-tipologica, sociale e formale-compositiva. In linea con la filosofia dello studio ATIproject, il progetto è stato sviluppato e gestito con un approccio integrato BIM coordinando i vari elementi e verificando in ogni momento tempistiche e costi.
La scuola, che ospita 24 clas¬si, è stata progettata come Civic Center soprattutto in merito all’apertura extrascolastica, in quanto dotata di biblioteca, auditorium, palestra, sala polivalente e agorà. Le aree esterne comprendono anche spazi di aggregazione quali un teatro e un cinema, ambienti a verde, orti didattici, un percorso vita e una serra biodinamica. Il polo scolastico si compone di 7 blocchi or¬ganizzati su tre livelli e attestati su uno spazio centrale coperto di aggregazione, l’Agorà, che rappresenta la prosecuzione degli assi urbani, veri e propri “corridoi verdi” che attraversano l’e¬dificio in più punti. I vari blocchi sono stati a loro volta progettati sfruttando al meglio la luce, la ventilazione naturale e creando i coni visivi verso i punti di interesse circostanti. Il blocco è concepito strutturalmente con un sistema modulare di impalcati semi prefabbricati, pilastri in calcestruzzo armato e pareti a secco. I prospetti fondono l’estetica alla funzionalità alternando involucro a secco in bioedilizia, involucro trasparente con schermature solari in corten e pareti multimediali. La scelta delle finiture mira a garantire i massimi li¬velli di comfort acustico, architettonico, strutturale ed impiantistico. L’impianto, in linea con le direttive MIUR in merito alla Scuola Digitale e con il piano didattiche adottato dall’istituto, è caratterizzato dall’inserimento di metodiche learning avanzate come lo “Spaced learning” e il “TEAL” (Te¬chnology Enhanced Active Learning), che prevedono l’adozione di contenuti digitali, condivisi e informatizzati.
Uno degli aspetti centrali nella progettazione della scuola è stato il tema della flessibilità degli spazi, sia in termini immediati che di possibile futura riconfigura¬zione degli spazi. La flessibilità immediata è realizzata attraverso accor-gimenti come le tende divisorie scorrevoli nell’auditorium che permettono in ogni momento di ampliare o ridurre lo spazio didattico. La trasformabilità è garantita invece attraverso scelte tecnologiche accurate: le pareti interne sono realizzate a secco, facilmente rimo¬vibili in caso di necessità.
La scuola si sviluppa su un impianto a T dove il braccio orientato secondo l’asse nord/sud connette tutti gli spazi didattici. È stato mantenuto l’ingresso esistente, ai lati dell’entrata sono collocati in posizione centrale i corridoi di distribuzione delle aule. Al piano terra e al piano primo sono collocate le aule normali, al piano seminterrato quelle specialistiche. Gli altri blocchi, sviluppati su un unico livello, sono destinati al polo culturale e ospitano: palestra, auditorium, biblioteca e un laboratorio multimedia¬le, spazi fruibili in orario extrascolastico dalla comunità. La palestra è stata progettata secondo gli standard CONI e Federazioni Nazionali con campo da gioco di tipo A2 e uso di materiali atti a garantire ottimo comfort acustico e visivo.
Il progetto mira a due obiettivi: ottenere il massimo comfort e ridurre i consu¬mi energetici, sfruttando energia rinnovabile. Ne deriva un sistema impiantistico ad elevata efficienza dove l’utilizzo della pompa di calore altamente per¬formante si sposa con la produzione di energia elettrica da solare fotovoltaico integrato in copertura, in grado di coprire la quasi totalità dei consumi energetici per il con¬dizionamento invernale ed estivo. Per i corpi illuminanti sono stati scelti apparecchi LED ad alta efficienza energetica con controllo della temperatura di co¬lore nelle aule e nei laboratori. Il polo è dotato di un evo¬luto sistema di monitoraggio e ottimizzazione dei consumi ener¬getici connesso al sistema per l’automazione, il controllo, la regolazione e la gestione delle tecnologie dell’edificio e degli impianti termici (BACS - Building Automation and Control Sy¬stem). Per la progettazione bioclimatica, il primo elemento studiato è stato l’involucro esterno, opaco e trasparente. Le pareti di tamponamento prefabbri¬cate e posate a secco garantiscono eccellenti prestazioni energetiche. Le coperture sono di due tipi: una copertura con un siste¬ma di verde pensile estensivo composto da piante auto-rigenerative, che apporta vantaggi energetici e di comfort termo-igrometrico, ed una copertura opaca accessibile isolata. L’involucro traspa¬rente è costituito da serramenti con vetrate doppie basso emissive ad elevato isolamen¬to termico e da una facciata vetrata continua. L’utilizzo di schermature solari esterne in corten e di tende interne permettono di controllare l’irraggiamento solare.
Il polo scolastico è stato pensato per garantire i principi di ecosostenibilità e per raggiungere gli standard di edificio ad energia quasi zero; è conforme al livello PLATINUM secondo LEED GREEN BUILDING V4, è classificato in classe energetica A4 e garantisce stan¬dard superiori rispetto ai criteri ambientali minimi in termini di risparmio energetico, idrico, riduzione delle emissioni di CO2 e miglioramento della qua¬lità ecologica.

Credits

 Firenze
 Comune di Firenze
 09/2019
 6.700
 10700000
 ATIproject
 ATIproject
 Russo Contractor S.a.S
 Andrea Zanchi

Curriculum

Dal 2011, ATIproject lavora nel campo dell’architettura e dell’ingegneria, con passione e innovazione, promuovendo un’edilizia ecocompatibile e a impatto zero. ATIproject oggi è una realtà internazionale che opera in più paesi con un approccio innovativo ed in continua evoluzione. Il motore di tale successo risiede in una squadra di Architetti ed Ingegneri coesi e motivati, competenti e visionari. La multidisciplinarità, è il carburante del processo creativo che ha portato ATIproject a distinguersi ed emergere. Attraverso la piattaforma BIM, garantiamo una gestione snella ed efficace del progetto con una totale integrazione di tutte le discipline ottenendo un sensibile risparmio di risorse, per la terra e per i nostri clienti. Oggi possiamo immaginare un futuro sostenibile, in cui la sfida economica non lasci indietro quella ecologica, in cui la nostra presenza regali un mondo più sano ai nostri figli. Crediamo fortemente in questo futuro e siamo determinati a costruirlo.


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054