HOFLAB - NEVER ENDING FOREST
  1. Home
  2. Award 2019
  3. Special Projects
  4. NEVER ENDING FOREST

NEVER ENDING FOREST

HOFLAB

Special Projects / Completed
HOFLAB

“Gli specchi hanno una curiosa caratteristica. Sino a che li osservo, mi restituiscono i tratti del mio volto: ma se inviassi per posta alla persona amata uno specchio, in cui mi sono lungamente specchiato, perché si ricordasse delle mie parvenze, essa non potrebbe vedermi (e vedrebbe se stessa)”.
Umberto Eco, 1979

Il padiglione Never Ending Forest, realizzato da Tecla srl nell’ambito delle manifestazioni “Riabita” (Fermo 8-11 novembre 2018) ed “Expo Casa 2019” (Bastia Umbra, 2-10 marzo 2019), è stato ideato per caricare di valori simbolici la comunicazione della mission aziendale della giovane azienda eugubina, vocata alla costruzione di case in legno ecologiche. Il padiglione infatti, proponendosi come dispositivo catrottico ispirato al purismo monumentale di Heinrich Tessenow, si presenta come un corpo stereometrico elementare, tanto opaco e monotono all’esterno quanto scintillante e multiforme all’interno, laddove dà luogo a una vera e propria foresta infinita: ritmata da sedici esili colonne lignee (di cui una di diversa cromia e di diversa giacitura, così come nella cripta di una chiesa paleocristiana, ferma il tempo e accelera la memoria) e amplificata illusoriamente dalle riflessioni autoprodotte sulle pareti specchianti disposte perimetralmente e serigrafate con la ripetizione “ad libitum” dei versi più pregnanti della poesia Ode al legno di Pablo Neruda: “[...] ed allora / un’onda / di odori forestali / inondò i miei sensi [...] travi, / addormentate, / robuste come il ferro, / tavole / sottili e sonore [...] ti conosco, ti amo, / ti vidi nascere, legno. / Per questo / se ti tocco / mi rispondi / come un corpo amato [...] e così nasce e comincia / il legno / a percorrere il mondo / fino ad essere costruttore / silenzioso”. Dal punto di vista costruttivo, il padiglione è contrassegnato da un’iterazione di elementi verticali in legno di abete naturale e di pannelli in legno di abete naturale di colore nero (di altezza appena superiore ai tre metri), realizzati tramite stampa diretta a UV, che ricalcano l’impronta quadrangolare del basamento (di lato pari a otto metri). Mentre, dal punto di vista distributivo, l’interno del padiglione è reso accessibile mediante una coppia di rampe pedonali contrapposte che, se da un lato enfatizzano l’apparente impenetrabilità della struttura, dall’altro favoriscono la scoperta graduale di uno spazio al contempo reale e virtuale, suggellato dall’opera Suspended circles che aleggia sull’osservatore. Ciò che ne risulta è un luogo a reazione identitaria: dove perdersi, fermarsi e pensare. Per poi ritrovarsi.

Credits

 Fermo
 Tecla srl
 11/2018
 90
 25000
 HOFLAB
 HOFLAB (Paolo Belardi, Simone Bori, Matteo Scoccia) con Luca Tesei
 HOFLAB
 HOFLAB

Curriculum

HOFLAB è un laboratorio in cui convergono le ricerche teoriche, gli studi ideativi e le esperienze professionali dei suoi componenti (Paolo Belardi, Simone Bori, Matteo Scoccia). HOFLAB si occupa di progettazione architettonica senza limiti di scala, spaziando dall’ideazione alla costruzione con propensione per l’innovazione tipologica. Le opere e i progetti di HOFLAB, che hanno ottenuto menzioni e riconoscimenti in occasione di premi di architettura nazionali e internazionali, sono stati pubblicati sulle principali riviste specializzate e sono stati esposti in mostre nazionali e internazionali.

http://www.hoflab.it/architetture/regesto/never-ending-forest


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054