Mei e Pilia Associati - La Casa Mediterranea
  1. Home
  2. Award 2019
  3. House
  4. La Casa Mediterranea

La Casa Mediterranea

Mei e Pilia Associati

House / Completed
Mei e Pilia Associati

L’intervento si inserisce all’interno di un’area collinare nella periferia della città di Cagliari, quartiere residenziale caratterizzato da villette mono e plurifamiliari di piccola e media dimensione con una utenza tipo formata da giovani coppie. La localizzazione territoriale permette all’area di avere un potenziale panoramico quantitativamente e qualitativamente elevato.
Il lotto nel quale è inserito il progetto è caratterizzato da una forma triangolare oblunga e da una pendenza accentuata. Questi fattori hanno influenzato la composizione progettuale in tutti i suoi campi, partendo dalle scelte compositive sino alla disposizione degli spazi interni ed esterni.
La forte pendenza del terreno ha permesso di caratterizzare l’intervento attraverso la creazione di una serie di terrazzamenti, nei quali il progetto si poggia e dai quali l’idea del giardino mediterraneo prende forma.
L’intervento si rifà ai principi dell’architettura vernacolare mediterranea, tipica delle coste spagnole, della penisola greca, del paesaggio del Maghreb e dell’Italia centro-meridionale. I caratteri morfologici e tecnologici di questa tipologia edilizia, in qualità d’invarianti architettoniche, si pongono come punto di partenza nella definizione di strategie per una progettazione contemporanea di architetture sostenibili in dette regioni climatiche. La luce, il vento, il calore, gli odori, i sapori ed i colori sono tutti elementi progettuali che hanno portato alla definizione della Casa.
L’intervento consiste in quattro unità immobiliari indipendenti, ciascuna con giardino privato, distribuite su un unico livello: due al piano terra e due al piano primo.
La morfologia dell’edificio si imposta dalla cellula base, il nucleo abitativo, al quale si aggregano i corpi degli ambienti di servizio orientati secondo l’orografia del terreno. È privilegiata l’esposizione a sud degli ambienti della vita della casa e degli spazi esterni, per assicurare durante l’anno un controllo microclimatico all’interno dell’abitazione. A protezione degli spazi interni sono stati elevati due grandi muri ciechi in contrapposizione ai venti dominanti nella zona, quali Maestrale e Scirocco, che diventano in questo modo elemento progettuale.
Le aperture principali sono orientate verso meridione, al fine di sfruttare la luce ed il calore provenienti dall’esterno. L’intervento viene matericizzato attraverso l’uso di due materiali, tipici della cultura mediterranea: pietra e intonaco. L’intonaco di calce chiara bianca abbassa il valore di assorbenza del calore consentendo di allontanare parte della radiazione solare incidente, diminuendo cosi le temperature superficiali esterne dell’involucro e permettendo in questo modo di avere un miglior comfort termico negli ambienti interni. La pietra rimanda alla tradizione costruttiva mediterranea, permettendo di radicare l’edificio al luogo, ed attraverso la sua gravità protegge la casa e crea un contrasto cromatico con il chiarore dell’intonaco, creando in questo modo un gioco di contrasti cromatici e materici all’interno della semplicità dell’abitazione.
Il giardino si pone come ulteriore punto qualificante la casa, sia da un punto di vista ambientale, essendo questa parte di città composta da soli spazi verdi di origine privata, sia dal punto di vista tipologico, essendo il giardino privato elemento imprescindibile dell’architettura mediterranea.
Il giardino, che avvolge per intero l’abitazione, si pone come esperienza sensoriale, come luogo di contatto con la natura e ricordo di luoghi arcaici, come luogo in cui ogni singolo senso viene riportato alla cultura ed alla tradizione mediterranea, come luogo in cui la presenza di fiori, colori, suoni, consistenze, sapori e odori calma e rilassa lo spirito. Questo viene fatto attraverso l’utilizzo di piante aromatiche, spezie e piantumazioni tipiche di questa area geografica quali ulivo, alloro, mirto, salvia, menta, elicriso, timo, santolina, rosmarino e lavanda, che attraversate dalla brezza ripuliscono e profumano l’aria della Casa.

Credits

 Cagliari
 To.Ma.Si. Edilizia s.r.l.
 08/2017
 260
 0
 Mei e Pilia Associati
 Gianluca Pilia, Luciano Mei, Ivano Manca, Carlo Paganensi, Francesco Mulas, Valentina Zedda, Valentina Pisu, Agnese Corgiolu, Marco Casu, Mauro Pasci
 Cédric Dasesson, Carlo Paganensi

Curriculum

Lo studio Mei & Pilia Ingegneri Associati, con sede in Cagliari, opera dal 1996 nel settore della progettazione architettonica, urbanistica e strutturale. Esso è composto dai due titolari: - dott. Ing. Gianluca Pilia, (08/09/1967) – fondatore e team leader dello studio, laureato in Ingegneria Civile Edile orientamento Architettonico presso l’Università degli Studi di Cagliari; - dott. Ing. Luciano Mei, (03/07/1968) – cofondatore laureato in Ingegneria Civile Strutture presso l’Università degli Studi di Cagliari; e da un team formato da: ing. Ivano Manca, geom. Carlo Paganessi, arch. Francesco Mulas, ing. Valentina Zedda, arch. Valentina Pisu, ing. Agnese Corgiolu, p.i. Mauro Pasci, arch. Marco Casu. L’attività professionale, svolta esclusivamente per la committenza privata, consiste nella progettazione di: edifici residenziali; ville; architettura d’interni; edifici per attività di tipo alberghiero e commerciale; pianificazione urbanistica; interventi di ristrutturazione e di restauro.

http://www.facebook.com/meiepilia/


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054