MAB arquitectura - SETTIMO BORGO - Area Ex-Ferretti - Settimo Milanese
  1. Home
  2. Award 2018
  3. Urban Planning
  4. SETTIMO BORGO - Area Ex-Ferretti - Settimo Milanese

SETTIMO BORGO - Area Ex-Ferretti - Settimo Milanese

MAB arquitectura

Urban Planning / Future
MAB arquitectura

SETTIMO BORGO – AREA EX FERRETTI
Settimo Milanese
Piano integrato di intervento
Riqualificazione ex area industriale


Il progetto ‘’Settimo Borgo’’ rappresenta un nuovo importante tassello nel processo di riqualificazione urbana della città di Settimo Milanese.

L’area di progetto è infatti situata lungo Corso Italia, la principale arteria che attraversa la città e che collega il centro storico con l’espansione a nord.
Il sito produttivo, ad oggi ancora parzialmente in attività, costituisce un vero e proprio elemento di “rottura” del tessuto urbano che si sviluppa lungo via della Libertà, dal centro storico a sud, all’area di espansione più recente a nord.

Settimo Borgo prevede la bonifica di questo ambito produttivo dismesso e la realizzazione di nuovi spazi pubblici per la collettività che entreranno in relazione diretta con le funzioni pubbliche già presenti nell’immediato contesto come l’ufficio postale.
L’intervento avrà una ricaduta nell’immediato intorno e avvierà un processo di rinnovamento restituendo alla città un’area oggi abbandonata e in via di degrado.

Il progetto prevede la realizzazione di un sistema di edifici linea-torre che si aggregano a corte aperta creando uno spazio domestico all’interno dell’isolato.
Sul fronte di Via Libertà, tra l’ufficio delle poste e l’edificio in linea, si crea una nuova piazza pubblica con attività al piano terra.
La corte interna è il cuore dell’intervento: uno spazio totalmente personale, a misura d’uomo, che accoglie i giardini privati degli appartamenti al piano terra, zone verdi attrezzate e aree giochi per bambini.
Sul lato verso le poste presenta una grande permeabilità e favorisce visuali che mettono in relazione la corte interna con la piazza e con il marciapiede di via libertà.
L’assetto generale del plani volumetrico è stato concepito in modo da garantire il miglior rapporto possibile con gli edifici industriali situati lungo i confini sud e ovest dell’area di intervento.
In questi termini i corpi di fabbrica degli edifici sono orientati, per quanto possibile, con i fronti di testa, generalmente caratterizzati da affacci di servizi, rivolti verso gli edifici produttivi, preservando quindi le viste dai soggiorni. Qualora non fosse stato possibile organizzare i copri di fabbrica secondo questo principio, si è provveduto a realizzare dei filtri verdi verso gli edifici industriali; a questo scopo verranno realizzati dei filari d’alberi, aree verdi pubbliche e pertinenziali, e una collina che verrà realizzata nell’angolo nord-ovest del lotto.

La viabilità carrabile è stata pensata in funzione della compresenza dell’attività produttiva e del residenziale. Si prevede di separare i flussi in modo da mantenere indipendenti le due circolazione e di potere controllare l’accesso alla zona produttiva, così come avviene adesso.
L’area di progetto, oggi dismessa, può diventare un’occasione importante di riqualificazione complessiva per l’intero asse di via Libertà e di rigenerazione urbana dell’ambito in cui insiste. L’operazione consente infatti di liberare l’area dai capannoni dismessi, aprire il recinto oggi chiuso, bonificare un’ex-area industriale e offrire alla città un nuovo ambito residenziale. Questa trasformazione urbana costituisce anche la possibilità di rinnovare una zona del centro di Settimo che può trasformarsi in un nuovo riferimento per il quartiere, vista la dotazione di nuovi spazi pubblici e pertinenziali, di servizi e di parcheggi previsti e che può mettere a sistema una serie di attività e servizi già presenti in zona, per esempio il mercato settimanale, l’ufficio postale, le scuole che si trovano a est della via Libertà.

Credits

 SETTIMO MILANESE (MI)
 
 10640
 MAB arquitectura
 Massimo Basile, Floriana Marotta, Luca Torri, Elisa Giannini

Curriculum

MAB Arquitectura è uno studio fondato nel 2004 dagli architetti Floriana Marotta e Massimo Basile con sede a Milano e Barcellona. A scala urbana MAB sviluppa masterplan, piani attuativi e interventi di riqualificazione urbana. Alla scala architettonica lo studio si occupa di interventi di edilizia residenziale, scolastica, ricettivo, terziario e servizi. Tra i progetti più significativi Abitare a Milano via Gallarate, il Patronage Laïque, il Cartier Armonia, gli interventi Piranesi 44 e Leone XIII e sono in corso il waterfront di Jinshan-Shanghai e il Centro parrocchiale/canonica di Reggiolo. Lo studio ha ricevuto numerosi riconoscimenti: due premi nazionali INARCH/ ANCE nel 2011 “Social Housing” e 2014 “Architetti italiani all’estero”, menzione d’onore del CNAPPC come “Giovane talento dell’architettura italiana 2014”, nominato al Mies van der Rohe Award 2011, menzione al Premio Ugo Rivolta 2011, finalista alla Medaglia d’Oro per l’architettura della Triennale di Milano 2012.

http://www.mabarquitectura.com


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054