Lombardini22 / L22 Retail - Fanocenter
  1. Home
  2. Award 2018
  3. Retail
  4. Fanocenter

Fanocenter

Lombardini22 / L22 Retail

Retail / Completed
Lombardini22 / L22 Retail

Al Centro di Fano, già punto di riferimento del proprio territorio, L22 Retail ha dato un’impostazione forte, volutamente senza tempo e rivolta con particolare attenzione ai giovani. Il repertorio di forme e suggestioni classiche rivisitato in chiave contemporanea si ispira alle tradizioni locali e alla sartorialità nella lavorazione di tessuti e materiali. La tradizione del tessile delle Marche è il principio generale che caratterizza profondamente la nuova immagine del Centro e ne rende coordinate le diverse modulazioni e cadenze.
Presenza storica del gruppo Auchan nell’area marchigiana, il Centro è fortemente radicato nel suo bacino d’utenza. La struttura ospita un ipermercato Auchan, 48 negozi e 7 medie superfici. La volontà condivisa tra proprietà e progettisti è stata quella di rendere il Centro funzionale e caratterizzato per diventare un vero punto di riferimento dell’area.
La posizione – già ottimale per viabilità e accessi in quanto il Centro è posto lungo l’asse stradale veloce che collega l’entroterra alla costa e a pochi minuti dall’uscita autostradale della A14 – è stata valorizzata ulteriormente dalla comunicazione esterna con totem ad alta visibilità e dall’incremento dei parcheggi.
La ricerca formale condotta in fase di progetto ha guardato con attenzione alle caratteristiche di Fano e ha trovato nell’intenso uso del mattone cotto – nelle mura della città, nelle facciate di molti palazzi del centro storico – un fattore caratterizzante da riproporre in modo contemporaneo anche nelle soluzioni del Centro. L’obiettivo raggiunto è stato quello di ottenere un alto tasso di riconoscibilità grazie al valore condiviso della tradizione.
All’esterno del Centro i mattoni pre-esistenti sono stati mantenuti ed enfatizzati grazie alla contiguità con laterizi dall’impronta più contemporanea cui è stata accostata una ulteriore declinazione in lamiera stirata di diversa stiratura e cromia.
L’esterno del Centro è così ispirato a una cinta muraria composta da patchwork di pattern di laterizi e lamiere animato da disegni compositi di incroci, diagonali, parallele, garantendo al contempo vitalità e unitarietà del trattamento esterno.
La tradizione locale guarda al futuro anche attraverso il segno iconico dei quattro ingressi realizzati come grandi imbuti, ognuno connotato con colore e materiale diverso (metallo, vetro, intonaco, rete stirate metalliche), che li rende di forte impatto.
Lo stesso materiale viene richiamato anche dal mood studiato all’interno della galleria, in un gioco di specchiamenti e riconoscimenti tra dentro e fuori, tradizione e innovazione.
Gli interni sono sviluppati secondo le suggestioni scaturite dall’analisi dei topoi più significativi del luogo: eleganza, moda, sartorialità e artigianalità da cui sono derivati approcci progettuali basati su termini come intreccio, trama, matericità.
Gli interni vivono secondo due diverse essenze, in una caratterizzazione bipartita eppure armonica. L22 Retail ha scelto infatti di connotare con due diverse impronte la struttura già esistente e quella nuova.
Il lavoro di restyling svolto per la galleria esistente dell’ipermercato – Timeless – si è basato su alcune scelte stilistiche e progettuali molto precise come l’uso di vetri retroverniciati, lampadari bronzati, rimodulazione delle dimensioni e delle cromie delle vetrine e l’inserimento di fili metallici posizionati a controsoffitto come metafora ricorrente di trama e ordito.
Per la galleria oggetto di ampliamento – Urban – è stato scelto un linguaggio contemporaneo fatto di dinamismo e spettacolarità, proiettato verso il futuro. Le vetrine – più alte, in conformità alle nuove necessità e richieste del mercato – hanno un andamento più mosso e frastagliato rispetto alla galleria Timeless; la lamiera stirata prende il posto del vetro. A colpire, in particolare, è il trattamento del soffitto con cupole e corpi illuminanti: grandi lampadari sospesi, realizzati attraverso una struttura metallica e l’aggregazione composita di cupole in tessuto, come gonne barocche che si susseguono tra loro, diffondono una luce calda, che cattura e orienta l’attenzione del visitatore. L’illuminazione dei grandi lucernari si moltiplica grazie alle aperture laterali del progetto di restyling.
Grande enfasi è stata data alla nuova food court ispirata al viaggio, aperta verso l’esterno secondo un format commerciale contemporaneo che vede il relax e la ristorazione punti nodali dell’esperienza da regalare ai propri clienti.
La continuità tra le due gallerie è garantita dalla medesima pavimentazione a macrospina di pesce italiano, che fa riferimento ai rivestimenti in cotto del centro storico di Fano, e dagli imbottiti metallici che incorniciano i negozi.
L’approccio sartoriale al progetto, che qui si palesa attraverso un forte richiamo al tessile, all’italianità, alla buona fattura, unito alla comunicazione interna di tendenza risulta dirompente nelle soluzioni grafiche nei bagni per i clienti, giocate su stili sartoriali nettamente definiti: pied de poule per le donne, gessato per gli uomini, il tartan per i disabili, vichy per la nursery.
Le scelte estetiche e progettuali compiute per Fanocenter hanno un diretto e immediato rapporto di causa-effetto sulla sostenibilità ambientale, sul comfort e sul benessere interno, dal punto di vista acustico oltre che luminoso. In particolare, i tessuti delle grandi cupole e le lamiere stirate contribuiscono a un significativo controllo acustico degli ambienti.
L’attenzione all’ambiente è onnipresente eppure sottotraccia: i materiali scelti sono tutti riciclabili e il relamping generale – ora l’intero impianto di illuminazione è a LED – ha permesso di incrementare i lux e di ridurre significativamente il consumo energetico.

Credits

 Fano (PU)
 Gallerie Commerciali Italia
 03/2018
 11200
 18000000
 Arch. Adolfo Suarez
 Massimiliano Besana, Maddalena Boatto, Andrea Cacaci, Cristian Catania, Andrea Colangiuli, Amalia Guerrero, Irma Lupica, Maria Giovanna Manfredi, Anna Monti, Claudia Morandi, Matteo Noto, Giusy Palumbo, Mattia Rota, Sara Tomassini, Vincenzo Tramontana, Tuan Triggiani, Sara Ubaldini, Urti Zaho
 ICM S.p.A
 direzione lavori: mpartner s.r.l. progettazione urbanistica e permessi: fima engineering s.r.l. sviluppo progettuale: fima engineering s.r.l. sviluppo progettuale esecutivo: fima engineering s.r.l.
 Dario Tettamanzi

Curriculum

L22 è il brand del gruppo Lombardini22 specializzato nella progettazione architettonica e ingegneristica nei mercati Urban&Building, Retail, Hospitality e Data Center. Lombardini22 è un gruppo leader nello scenario italiano dell’architettura e dell’ingegneria che opera a livello internazionale attraverso cinque brand: L22; DEGW, leader nella consulenza strategica sui modi di lavorare e sull’interazione fra spazio fisico e performance aziendale; FUD Brand Making Factory, dedicato al Physical Branding e al Communication Design; CAP DC Italia, dedicato alla progettazione di Data Center; Eclettico, dedicato all’interior design di lusso per i mercati Hospitality e Residential.
Lombardini22 da sempre privilegia il metodo del Design Thinking, basato sul pieno coinvolgimento del cliente nella leadership e nel controllo del progetto e sull’interazione di competenze eterogenee

Tag
#Shortlisted #Lombardini22 / L22 Retail   #Italia  #Fano  #Edificio commerciale - Retail  #Laterizio 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054