arch. Michela Giusto - MATRIX
  1. Home
  2. Award 2018
  3. Kitchen Design Special Contest
  4. MATRIX

MATRIX

arch. Michela Giusto

Kitchen Design Special Contest  /  Completed
arch. Michela Giusto

APPARTAMENTO ERRICO – PALAZZO TURLONA VENEZIA-

INTRODUZIONE, IL SITO

Nel cuore di Venezia, in uno dei più attraenti spazi aperti della città antica, si affaccia su Campo San Polo Palazzo Turlona, un edificio che nel 2009 ha subito la ristrutturazione di un intero piano di 500 metri quadrati al fine della realizzazione di quattro appartamenti di pregio.
Proprietaria dell'immobile ed esecutrice dei lavori la Errico Costruzioni, storica impresa di costruzioni veneziana, che ha incaricato lo Studio Arkassociati di Marghera del progetto di ristrutturazione edilizia del complesso.
L'arch. Michela Giusto, su richiesta del Sig. Emiliano Errico, ha progettato gli arredi dell'appartamento che è stato destinato a suo uso , arredi pubblicati sul sito www.giustoarchitetto.com.
In specifico l'arch. Michela Giusto ha ideato, progettato ed ingegnerizzato i seguenti arredi: cucina, armadio d'ingresso, panca posta sotto le vetrate e armadio della zona notte.
Con lo Studio Arkassociati sono state concordate le finiture del pavimento e del rivestimento murario a faccia vista e le luci.


LE RICHIESTE DEL COMMITTENTE

Come punti fissi, Il Committente, aveva richiesto che il Loft avesse come tema dominante il colore bianco e che l'ambiente fosse percepito come un unicum spaziale, in cui vivere e socializzare.
I diversi ambiti della casa dovevano apparire isolati ma integrati allo stesso tempo, per definire uno spazio libero di adeguarsi alle diverse situazioni, dalla zona pranzo all’altana del piano primo.


GLI OBIETTIVI, LA MATRICE

Sulla base delle richieste del Committente l'arch. Giusto è partita con la progettazione di quella che doveva divenire il cuore pulsante della casa, la CUCINA, e l'ha usata come matrice per progettare gli altri arredi.

Per tutti l'obiettivo era quello di superare il concetto classico di "angolo cucina" o armadio dell'ingresso.

Per lo spazio destinato alla cucina è stato chiaro fin da subito che fosse necessario liberare la parete di fondo della nicchia, allontanandosi dall'idea di attrezzarla con una cucina tradizionale in linea.
La proposta, fatta al cliente, è stata quella di spostare il piano lavoro al limite con l'area living, prevedendo sulla parete di fondo un rivestimento a faccia vista, che sarebbe stato movimentato dagli effetti della luce derivanti dalla penisola.
Il blocco cucina è stato pensato con un piano scorrevole, che aperto poteva divenire una zona pranzo, informale ed elegante affacciata sul living.
Quindi una cucina esclusiva e rappresentativa sia nella posizione di chiusura che in quella di apertura.
Le luci led dimerabili catalizzano e proiettano il tutto a divenire anche un sorprendente angolo relax.

Come detto, una volta definiti i concetti appartenenti alla cucina, ovvero purismo, funzionalità, luminosità e aperture d'effetto, questi sono stati traslati negli altri arredi.

Per fare un esempio, nell'armadio dell'ingresso il concetto di monoblocco è stato riproposto, questa volta con un arredo appeso come un quadro.
Un arredo che con una scenografica apertura ad ali brevettata, coniuga la funzionalità all'estetica dell'oggetto, sorprendente quando lo si apre poichè al suo interno rinuncia alla schiena per mettere in risalto la parete a faccia vista così come nella cucina.

Un continuo rimando di forme e concetti con la cucina a Matrice di tutto.


LA CUCINA, L'IDEA, IL PROTOTIPO

La cucina per divenire una efficace matrice di progetto “purista” doveva essere tecnicamente risolta senza guide a vista.
Per fare ciò è stato utilizzato un sistema non convenzionale e non collaudato che porta a classificare la penisola come PROTOTIPO.
Montata nel dicembre 2009 mantiene ad oggi intatte le sue caratteristiche, fra tutte la fuga di soli 3 mm.
Ciò è stato possibile perchè oltre al sistema di scorrimento sono stati adottati degli accorgimenti tecnici per mantenerla robusta e bilanciata, considerando la resistenza al carico di 110 kg sia a piano chiuso che aperto.
La silenziosità del sistema e la pesantezza e rigidità del piano hanno garantito confort sia uditivo, (perchè non vi sono sgradevoli rumori allo scorrimento) che di sensazione, dato che il piano non trasmette instabilità.
L'accessibilità al meccanismo per consentire una adeguata manutenzione è stata prevista, ma in oramai quasi nove anni, non è stato necessario nessun intervento.

La cucina è stata realizzata dalla Toptec Solutions su precise indicazioni costruttive e tecniche dell'arch. Michela Giusto che ha contattato l'azienda dopo l'ingegnerizzazione del lavoro.

In questo prototipo creato dall'arch. Michela Giusto, sussiste la possibilità di variare i materiali e di immaginare uno scorrimento anche laterale.


LA SFIDA, UNA CUCINA FUNZIONALE E BEN ORGANIZZATA IN MENO DI 8 MQ

Contraddistinta da un look moderno e minimale, questa cucina oltre che esteticamente piacevole è anche estremamente funzionale, poichè tutti gli spazi sono stati progettati per essere sfruttati al meglio.

Tutti gli arredi sono stati realizzati in listellare placcato laminato e completamente rivestiti (sia gli esterni che i piani ) in Corian con finitura Filolucido, le ante sono in lastre da 29 mm fresate con gola, i cassetti (escluso il frontale in Corian) sono stati realizzati in compensato di betulla.
E' stato scelto il Corian per le sue elevate prestazioni tecniche e malleabilità.

Nella cucina prendono posto :
-Un Frigorifero Side By Side Gaggenau con dispender ghiaccio, con vano dispensa superiore
-Un Forno Compatto Siemens con cassetto porta oggetti e due vani dispensa.
-Isola con piano cottura ad induzione filotop, un cassetto con portaposate e due cassetti porta pentole.
-Una vasca sagomata in Corian dotata di miscelatore Gessi Oxigene con canna a scomparsa e sottolavello attrezzato.
-Lavastoviglie Siemens con anta in Corian 29 mm.
-Top scorrevole da 75 mm di altezza e 850 mm di larghezza.
-Cappa Elica ad incasso rivestita
-Pensile bar con anta vasistas
-Base a terra per dispensa.

Credits

 Venezia
 Dott. Emiliano Errico
 12/2009
  7
  28
 arch. Michela Giusto
 arch. Michela Giusto
 Top Tec Solutions, Via dell'artigianato 12, Maserada sul Piave
 ing. Antonio Pantuso per il clcolo della resistenza al caricio
 Mainox Group, Treviso
 arch. Michela Giusto

Curriculum

Nata a Treviso nel 1973, ha studiato presso L’Istituto Universitario di Architettura di Venezia conseguendo nell'anno 2003 la laurea in Architettura, con il massimo dei voti 110/110 e lode.
Titolo della tesi “Architetture nel Paesaggio Veneto: Un progetto per un centro multietnico a Bassano del Grappa”.

Nel 2003 si abilita alla professione di architetto e si iscrive nel 2004 presso l’Ordine degli Architetti di Treviso.
Nel 2015 si trasferisce e si iscrive all'Ordine degli Architetti di Padova.

Dopo un apprendistato presso studi di progettazione di livello, in cui sviluppa la propensione per i dettagli architettonici e l'ingegnerizzazione, prosegue l’attività in proprio, specializzandosi nell’interior design ed ingegnerizzazione arredi e lampade su misura.
Continua l'esercizio della professione occupandosi di pratiche edilizie e direzione lavori.
E’ in grado di sviluppare vari temi dal design alla progettazione di grosse strutture.

http://www.giustoarchitetto.com/

Community Wish List Special Prize

Contribuisci con il tuo voto

Votazioni chiuse

Tag
#Italia  #Venezia  #Michela Giusto Architetto 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054