Benedetto Camerana (Camerana&Partners) - NUOVA SEDE ACI TORINO
  1. Home
  2. Award 2017
  3. Renovation
  4. NUOVA SEDE ACI TORINO

NUOVA SEDE ACI TORINO

Benedetto Camerana (Camerana&Partners)

Renovation / Completed
Benedetto Camerana (Camerana&Partners)

La nuova sede dell'ACI Torino è un progetto importante di architettura urbana. L’Automobile Club Torino, all’epoca RACI (Regio ACI), era stato il primo ad aprire in Italia, nel 1898. Il nuovo centro, fortemente voluto da Piergiorgio Re e da Adalberto Lucca, riunisce in un unico edificio gli uffici per il pubblico, una scuola guida con simulatori di guida, uno spazio commerciale e l’officina per la revisione. Il progetto, sviluppato con AI Engineering, è un segno dei nostri tempi: in parte è il recupero di un capannone produttivo esistente, in parte è un volume completamente nuovo. Come le migliori istituzioni, ACI persegue una strategia vincente nell’Italia d’oggi, combinando la prudenza del riuso con la ricerca della trasformazione.

Il nuovo volume, con la grande vetrata di ingresso, segna il punto di arrivo del lungo asse di corso Galileo Ferraris. Dato il tema automobilistico di base, per la facciata ho voluto un linguaggio formalmente innovativo: un design fluido e mosso, una carrozzeria in zinco titanio che dialoga in modo forte con il contesto anche tecnologico di via Filadelfia. Il confronto visivo più diretto è con il Palaisozaki e la piscina di Isozaki: anch’essi rivestiti in zinco titanio, non sono però occasione di una facile mimesi ma piuttosto di uno scambio linguistico tra architettura contemporanee. Il dialogo con le importanti architetture circostanti si completa con il confronto con l’ex Istituto dei Poveri Vecchi: il contrasto tra le facciate ottocentesche in mattone a vista aggiunge interesse al metallo della nuova sede.

Il nuovo volume in zinco titanio è segnato dal portale d’ingresso a doppia altezza, la cui grande vetrata è realizzata con una tecnica costruttiva innovativa per la nostra città: i pannelli in vetro non sono portati da montanti metallici, ma da “glass fin” (montanti in vetro).

Le aperture del nuovo volume sono ampie, di disegno irregolare e anche piegate su sé stesse, bordate dalle fasce in VM Zinc grigio brillante. Il tono delle lamiere metalliche vira verso il grigio blu nel rivestimento più regolare del fabbricato esistente, scandito da grandi vetrate quadrangolari, arricchito dal vuoto rientrante della terrazza al piano degli uffici.

Gli spazi interni sono ampi e prima di tutto orientati alla funzionalità e al rigore costruttivo. Un grande vuoto centrale interno, come un impluvium coperto da un lucernario opaco, porta luce e spazio all’interno dell’edificio.

Credits

 Torino
 Acimmagine srl (ACI)
 03/2017
 5000
 3900000
 Benedetto Camerana
 Coordinamento: ing. Attilio Bastianini Coordinamento progetto e Direzione Lavori: ing. Marco Guido Serini; Direzione Artistica: arch. Bruno Causarano (progetto), arch. Marco Caretto (esecuzione); Collaborazione progettazione architettonica e Direzione Operativa Opere Edili: Arch. Eugenio Bastianini Progettazione strutture: ing. Giorgio Piccarreta, ing. Emilio Foglia Progettazione impianti elettrici e fluidomeccanici: arch. Pierpaolo Valle
 Gruppo Fratelli Ribaudo srl
 ST Facade (facciata in vetro); WMZinc (rivestimento in zinco titanio); Salf S.r.l. (vetrata)
 Michele D'Ottavio

Curriculum

Benedetto Camerana (Camerana&Partners) è un’organizzazione professionale alla quale collaborano architetti italiani ed europei. Il lavoro dello studio si è sviluppato in vent’anni di crescente affermazione attraverso i concorsi nel disegno urbano, nel paesaggio e nelle grandi opere di architettura pubblica e privata, in particolare nei settori residenziale, uffici, commerciale, dello spettacolo e delle infrastrutture. Tra le opere principali già realizzate il Villaggio Olimpico per i XX Giochi Olimpici Invernali Torino 2006, la Tecnocity Environment Park (Torino 1999), la nuova sede AMIAT a Torino (2007), l’Urban Center di Rivarolo Canavese (2008), il Juventus Museum (Torino 2012), gli spazi commerciali per la Ferrari (Maranello 2012), gli stand Maserati (dal 2013 al 2016), il Museo Alfa Romeo di Arese (2015), Camera - Centro Italiano per la Fotografia (Torino 2015), il piano particolareggiato per il waterfront di Messina (2016), la nuova sede dell’ACI Torino (2017).


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054