GLA - Campus GF Service/Gruppo Kering Novara
  1. Home
  2. Award 2017
  3. Renovation
  4. Campus GF Service/Gruppo Kering Novara

Campus GF Service/Gruppo Kering Novara

GLA

Renovation  /  Completed
GLA
GLA re inventa il Campus GF Service/Gruppo Kering a Novara.
La produzione del gruppo che gestisce brand del lusso di fama internazionale incrementa i propri spazi attraverso il recupero di un meraviglioso esempio di archeologia industriale tramite un intervento elegante e non invasivo che si collega agli altri edifici esistenti con l’inserimento di un suggestivo percorso in quota, mettendo in comunicazione diretta gli spazi modelleria con gli spazi atelier. GLA ha supportato il gruppo per tutto l’iter progettuale dai primi concept, fino alla sua realizzazione. Nel corso dei lavori è nata la possibilità di ampliare l’intervento ad altra porzione dell’edificio adiacente e successivamente il cliente ha voluto estendere ulteriormente l’ intervento ad altri edifici all’interno dello stesso comparto, dando vita ad un vero e proprio campus con baricentro la nuova mensa.

L'edificio recuperato, sito in Novara, è un edificio di archeologia industriale di fine ‘800, caratteristico della zona. L’immobile è inserito in un lotto più ampio che comprende altri edifici a carattere produttivo dell’Impresa Sant’Andrea. L’area è delimitata a nord da via Belletti, a ovest dal cavalcavia Sempione, a sud dal restante lotto urbanistico, ad est invece è adiacente ad altra proprietà. L’immobile ha una pianta regolare, a forma rettangolare e si sviluppa su tre livelli fuori terra.
E' presente un piccolo corpo basso ad un solo piano in comunicazione con l’immobile principale tramite un passaggio coperto, e una torre servizi collegata al manufatto principale attraverso dei passaggi aerei. La struttura perimetrale dell’immobile è interamente realizzata in muratura portante, cosi come anche i muri di spina longitudinali e trasversali presenti all'interno. La scansione regolare della struttura si riflette sui prospetti e negli interni. Esternamente la struttura è evidenziata da lesene e marcapiani che disegnano la scansione verticale e orizzontale del manufatto, ordinando in maniera seriale le aperture di porte e finestre. L’accesso principale all’immobile avviene tramite i percorsi interni del lotto industriale in cui è inserito, su via Belletti è presente un accesso secondario. L’immobile, prima dell’inizio dei lavori versava in completo stato di abbandono e risultava inutilizzato da diversi anni.

I lavori sono cominciati a luglio 2012 e terminati ad agosto 2014. Sono stati previsti interventi strutturali che hanno consolidato tutti i solai interpiano, e quello di copertura.
Dal punto di vista architettonico, il progetto ha previsto il recupero dell’intero immobile e la sistemazione delle aree esterne, attraverso una serie di interventi che sono stati mirati al mantenimento e alla riqualificazione del manufatto cercando di preservare il più possibile i caratteri originari dell’immobile di fine’800.
Internamente gli spazi sono stati riorganizzati adeguandoli alle esigenze produttive del gruppo Kering, pur rispettando la struttura originaria.
I piani sono stati dedicati a laboratori nei primi due livelli mentre al terzo piano sono stati allestiti gli uffici. Le funzioni che prevedono la permanenza costante degli addetti sono state sistemate nelle aree perimetrali dell’immobile, in modo da poter meglio sfruttare illuminazione e aerazione naturale, mentre le zone centrali sono dedicate a distribuzione e spazi di supporto come archivi, depositi e sale riunioni.
E’ stato studiato e disegnato un sistema di parete attrezzata che delimita i laboratori e gli uffici dalla distribuzione orizzontale. Il sistema integra gli accessi, l’archiviazione tradizionale e anche la gestione delle pezze di tessuto e degli abiti, sia i prototipi che i modelli finiti.

Allo stesso modo le sale riunioni e gli archivi fanno parte di un sistema modulare che integra funzioni diverse e definisce la distribuzione del piano.

L’involucro architettonico è stato interamente isolato tramite un cappotto interno posato lungo tutte le pareti perimetrali. L'edificio è stato così coibentato riducendo al minimo le dispersioni sia in inverno che in estate, ciò ha contribuito al miglioramento delle performance energetiche dell'immobile. Sono stati sostituiti tutti gli infissi lavorando con artigiani specializzati che ne hanno riprodotto i caratteri originali adeguandoli alle prestazioni energetiche richieste.

Esternamente, è stata demolita la superfetazione realizzata in epoca posteriore alla costruzione e posizionata in cima alla torre servizi, così da ritrovare l'aspetto originario della torre.

L’unico manufatto interamente nuovo è stato la realizzazione di un “ponte” di collegamento tra l’edificio oggetto di ristrutturazione e l’edificio adiacente che ospita il reparto atelier/cucito.
La realizzazione del collegamento aereo ha risposto in maniera eccellente alla necessità esposta dalla committenza di mettere in comunicazione la nuova modelleria, dove gli abiti vengono disegnati e dove si ritaglia il cartamodello, con la zona atelier cucito dove vengono realizzati i prototipi che sfilano sulle passerelle di tutto il mondo.

Dal punto di vista impiantistico è stato previsto un radicale rinnovamento. Gli impianti esistenti erano assolutamente obsoleti, abbandonati da anni, e non più funzionanti per cui il progetto ne ha previsto il rifacimento completo attraverso l’installazione di macchine per il riscaldamento/raffrescamento ad espansione diretta in pompa di calore, la posa di nuovo impianto elettrico e speciali e la posa di corpi illuminanti a basso consumo.
Anche in questo caso le scelte effettuate hanno messo in risalto l’architettura dell’edificio, privilegiando infatti una tipologia completamente a vista,lasciando libera l’altezza interna degli ambienti. Le solo zone controsoffittate sono quelle centrali che ospitano le sale riunioni.
Tutti gli apparati, unità interne,canalizzazioni e corpi illuminanti sono stati verniciati con RAL bianco 9010 per accentuare il contrasto con il colore nero delle pareti divisorie interne.

Credits

 NOVARA
 ITALIA
 GF Services
 08/2014
 3.500 mq
 GLA
 Architetto Stefano Boninsegna, Architetto Paolo Cozzolino, Architetto Alberto D'Ospina
 Notarimpresa Spa
 Studio tecnico Impianti, S.T.A.P.I.
 IOC (arredi), Sedus (sedute operative), Zumtobel (illuminazione interna), Platek (illuminazione esterna)
 Saverio Lombardi Vallauri, Paolo Cozzolino

Curriculum

GLA è uno dei principali studi di architettura italiani. Grazie alle esperienze multi-disciplinari dei componenti dello studio, forniamo servizi di progettazione architettonica integrata, pianificazione degli spazi interni ed interior design e disegno di piani urbanistici, per una clientela italiana ed internazionale. Progettazione integrata degli ambienti di lavoro, sviluppo di spazi commerciali, hotel e luoghi di soggiorno, realizzazione e recupero di edifici residenziali, sono alcuni dei campi d’intervento di GLA.
Con due sedi, a Milano e Firenze, GLA è guidata da 3 Partners e 2 Architetti associati.
Il nostro successo è il riflesso della nostra capacità di ascoltare attentamente i nostri clienti, valutare le loro esigenze, realizzare le loro idee e superare le loro aspettative, attraverso un’architettura funzionale, pratica e di grande impatto estetico, che cerca di non dare mai risposte con uno stile univoco, ma d'interpretare lo spazio in modo sempre originale.

http://www.gla.it

Tag

#Shortlisted #Italia  #Laterizio  #Complesso produttivo  #Novara  #Facciata intonacata  #GLA 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054
ITC Avant Garde Gothic® is a trademark of Monotype ITC Inc. registered in the U.S. Patent and Trademark Office and which may be registered in certain other jurisdictions.