Laboratorio di Architettura Semerano/Toti Semerano - Cultural Hub Vidnoe - Mosca
  1. Home
  2. Award 2017
  3. Mixed Use
  4. Cultural Hub Vidnoe - Mosca

Cultural Hub Vidnoe - Mosca

Laboratorio di Architettura Semerano/Toti Semerano

Mixed Use / Future
Laboratorio di Architettura Semerano/Toti Semerano

Il luogo e' caratterizzato dalla presenza all'interno e nelle aree adiacenti su due lati da una vegetazione di grande qualità e da una edilizia minore che va salvaguardata e dunque va recuperata dallo stato di abbandono che ne sta compromettendo le condizioni statiche. Va dunque integrata con interventi rispettosi dei materiali tradizionali utilizzati.
Integrazione tra tradizione e innovazione e' la principale linea guida del progetto proposto.
Così nell'area dove gli edifici esistenti sono prevalentemente quelli che definiamo da recuperare, gli interventi di nuova costruzione sono progettati utilizzando materiali tradizionali il mattone faccia a vista e l'intonaco, introducendo nello stesso tempo tessiture e trame che li differenzino dagli esistenti,secondo principi ormai condivisi sulle tecniche di restauro.
Il progetto presenta anche soluzioni per schermare questa zona di pregio rispetto agli edifici alti e di bassa qualità che prospettano il lato est,fornendo anche proposte di intervento di riqualificazione ambientale introducendo un porticato lungo lo stesso lato.
Man mano che ci si allontana da questa zona il linguaggio architettonico si esprime più liberamente, ma sempre gradatamente, a partire dall'ingresso della zona alberghiera, soprattutto negli spazi interni e nei prospetti non percepibili dall'interno dell'area.
Sono questi due lati percepibili solo da lontano oltre i limiti del bosco esistente, che diventeranno la immagine identificativa nel paesaggio del nuovo Creative Hub di Vidnoe.

Hotel e Centro Congressi

Particolare attenzione e' stata posta nella possibilità di integrare nell'hotel funzioni, che per dimensione o numero di utilizzatori non possono essere localizzate nel Cultural Center, mentre infatti il Cultural Center e' del tutto autosufficiente per svolgere le attività previste, non lo e'più nel caso si vogliano organizzare eventi tipo congressi, convegni o altre manifestazioni che coinvolgano un numero elevato di utilizzatori.
Ecco dunque che l'hotel in un rapporto sinergico, può fornire gli spazi necessari, in particolar modo la Conference hall e le relative sale riunione da un lato, le zone spa fitness e le ampie sale annesse per attività come lo yoga, il judo o la danza.
,Particolare attenzione e' stata posta alla flessibilità di questi spazi e alla loro eventuale connessione con i parcheggi coperti, progettati secondo un modello statico realizzabile su un numero di piani qualsiasi. Nella soluzione presentata danno accesso di servizio alla Conference Hall e alle zone di magazzino.
La CH. può ospitare qualunque tipo di eventi per essere da una parte apribile verso un ampio spazio esterno, e dall'altra facilmente servita dalle cucine del sovrastante ristorante, cucine munite di celle frigo,servizi del personale, montacarichi collegati alla zona di carico-scarico servita dalla strada di servizio ed emergenza.
Da una valutazione attenta degli elaborati si può rilevare che la flessibilità è una delle componenti base del progetto, questo vale per il ristorante che può essere organizzato in modi diversi, servizio ai tavoli, self service e divisibile in sale con accessi indipendenti per eventi privati e riservati.
Il cuore dell'hotel e' la piazza coperta, una grande serra in cui domina la gradinata che con una pendenza dolcissima collega la hall alla conference hall e al giardino esterno. Su questo spazio si affacciano gli ambienti di soggiorno,il bar e soprattutto il ristorante che come un ponte si affaccia sull'altro lato sul bosco sottostante, e al piano delle suites lo spazio di soggiorno delle stesse.
E' la sorpresa non percepibile dall'esterno che offre agli ospiti uno spazio molto confortevole, che sicuramente diventerà l'immagine identificativa dell'hotel.

Credits

 Vidnoe Mosca
 Privato
 
 9000
 Toti Semerano
 Stefano Sabato, Salvatore Musarò, Giovannangelo De Angelis, Stefano Zanardi, Ludovica Fava, Elena Gubanova

Curriculum

Arch.Piergiorgio Semerano
www.semerano.com
Via Enzo Ferrari 2 - Lecce - ph/fax 0832639036 - mail:laboratorio@semerano.com

Toti Semerano, architetto e artista, una professionalità versatile e multiforme che lo allontana dall'establishment contemporaneo, in un lavoro di continua sperimentazione tecnica e plastica. Utilizza con la stessa passione tecniche innovative e materiali tradizionali, per creare comunque forme inedite, aperte e suscettibili di continue trasformazioni, dialogando continuamente con lo spazio e la luce.
Riconoscimenti recenti: vincitore "The Plan Award 2015 - categoria "Special Projects " - Pida 2012 -Premio alla carriera, Merit Award-concorso "Taiwan Towers Conceptual Design Competition" 2010, Biennale Internazionale di Architettura Barbara Cappochin 2009 Premio per la Cura degli Elementi di Dettaglio Architettonico.



Community Wish List Special Prize

Contribuisci con il tuo voto

Votazioni chiuse


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054