MPArchit&cts - F&M Ingegneria - PARCO DELL'UNITA' D'ITALIA - PEDAGOGICO SENSORIALE DEI RAGAZZI
  1. Home
  2. Award 2017
  3. Landscape
  4.  

PARCO DELL'UNITA' D'ITALIA - PEDAGOGICO SENSORIALE DEI RAGAZZI

MPArchit&cts - F&M Ingegneria

future
MPArchit&cts - F&M Ingegneria

Il Lions Club di Spinea insieme alla Pubblica Amministrazione, si è proposto di realizzare l’ambizioso progetto del Parco Pedagogico Sensoriale dei Ragazzi a beneficio dell’intera Comunità. E’ il connubio tra architettura contemporanea e progetto di paesaggio con particolare attenzione al tema della sostenibilità. E’ un parco innovativo poiché i suoi spazi disegnati sono importanti esattamente quanto la loro funzionalità nello sviluppo di scala e perché la Giunta Comunale dei Ragazzi parteciperà attivamente affiancando i progettisti attraverso un Laboratorio Pedagogico di Ricerca e Sviluppo per il recupero di materiali da costruzione, il recupero dei giochi di una volta, e per realizzare la segnaletica del Parco. Questo processo progettuale ed esecutivo permette di portare un alto livello di creatività all’interno di un intero quartiere in forte crescita e non solo. Un’area skate, l’anfiteatro, la bio piscina, un’area d’aggregazione, il labirinto e la Child Garden Therapy disegnano 7.850 m2 di terra e sono caratterizzati da aiuole ricche di colori e profumi specifici, piante di pregio e aromatiche diverse per dimensioni e forme. Il carattere di pregio deriva dalla particolarità botanica. Inoltre da qualche decennio vi è attenzione per l’importanza della “Natura” come “sistema” di efficacia terapeutica, quella relazione tra uomo-natura e uomo-pianta induce stimoli percettivi e sensoriali, emozionali e meccanici che influenzano il battito cardiaco e la pressione sanguigna. Noi abbiamo un processo dinamico sostenuto da fenomeni bio-elettromagnetici e relazioni energetiche molto strette tra Terra, Cosmo e esseri viventi. Il Child Garden Therapy è un viaggio immersivo nella natura. È un mondo sensoriale che lega con il territorio e le sue usanze, per grandi e piccoli, idee gioco per BAMBINI DIVERSAMENTE ABILI perché il gioco rappresenta un modo privilegiato per esplorare il mondo esterno e quello delle relazioni interpersonali, sviluppa abilità motorie e cognitive, sperimenta la CREATIVITA’. Il gioco con i disabili è inteso NON COME ASPETTO TERAPEUTICO MA COME ATTIVITA’ SPONTANEA DI CUI HANNO DIRITTO, E GENUINO DIVERTIMENTO. In presenza di deficit sensoriali, cognitivi e motori, il gioco dei bimbi può essere superato con la presenza degli insegnanti. Un bosco magico carico di cose da scoprire con giochi creativi e inclusivi, percorsi a “8” con installazioni sensoriali, giochi a terra, tiro alla pigna e alla fune, vasche asciutte da calpestare con sabbia di peperino e cortecce di pino, vasche bagnate morbide e fangose. A piedi scalzi s’incoraggia il contatto con la natura e si accrescono le difese immunitarie. Arredo urbano, giochi e percorsi sono realizzati con MATERIALI DA RECUPERO forniti da un donatore privato. Alcune aziende locali realizzano gratuitamente le singole aree di parco e i ragazzi armati di vernici e pennelli, coloreranno di blu rosso giallo verde i TUBI DI CEMENTO che “diventano” VAGONI DI UN TRENO, scriveranno la segnaletica del parco spiegando l’origine dei giochi e come si “progetta” il VERDE SENSORIALE. Familiarizzano con l’energia eolica attraverso “les arbres à vent” collocati all’ingresso principale del parco. Gli adolescenti potranno utilizzare un’area SKATEPARK oppure organizzare pic nic NELL’AREA DI AGGREGAZIONE. O ancora prendere il sole ai bordi della BIO PISCINA che raccoglie e assorbe il deflusso delle acque piovane, mentre il canneto perimetrale crea vibrazione e funge da diaframma per l’intorno edificato. La terra rimossa per la biopiscina viene riutilizzata per modellare le gradinate di un piccolo anfiteatro, definite da elementi di pietra di recupero. Ecco un parco quale “terra di mezzo” tra natura e zona residenziale. L’ANFITEATRO sarà usato dalle scuole per attività didattiche all’aperto, “PARCO” come PARTE INTEGRANTE DELL’EDUCAZIONE SCOLASTICA ma anche per iniziative promosse dalla comunità come i mercatini occasionali e gli spettacoli nelle calde serate estive. I MOSAICI recuperati dalla demolizione della Scuola Pascoli in occasione della costruzione di P.zza S. Bertilla, saranno posizionati nel parco e protetti da teche trasparenti quale memoria storico testimoniale della scuola come educazione alla vita. Il parco si alimenta del contesto in cui s’inserisce, si arricchisce di una dimensione storica e geografica che va ben oltre i confini imposti. Innesca cortocircuiti emozionali lasciando spazio all’immaginario con umiltà e poesia. Un percorso immerso nella natura per OSSERVARE, ASCOLTARE, ODORARE, TOCCARE tutto ciò che un parco offre; angoli di AROMATERAPIA, CROMOTERAPIA, MUSICOTERAPIA, e uno spazio creato appositamente per attirare e ospitare farfalle e altri insetti; Aree sensoriali piene di colori e profumi specifici, odori, piante che fanno rumore come le canne, vialetti con piante aromatiche diverse per dimensioni e forme, ma anche un elemento tridimensionale, un flauto che produce un piacevole e delicato suono in concerto con le forze della natura e i suoi venti. Tutto il parco è disegnato da cerchi e curve dinamiche, cosmiche ed è permeato da una positività generale avvalorata da piante europee molto benefiche quali il Frassino, l’Acero, l’Agrifolgio, il Bosso, il Carpino, il Corbezzolo, Il Leccio, la Magnolia, il Melograno, l’Olivo, l’Olmo, Quercia, Rosmarino, Salice, Lavanda, Lagestroemia, il Lauroceraso il Noce l’Oleandro e il Tasso. Il Frassino, ad esempio, nella mitologia greca era consacrato a Poseidone, dio del mare, sorgenti e corsi d’acqua, ed ha una influenza benefica sui flussi liquidi del corpo umano. Il Tiglio ha positiva influenza sul sistema nervoso, il Melograno sul sistema cardiocircolatorio. Il parco si attiene anche ad esigenze manutentive prevedendo la messa a dimora di piante sempreverdi quali il Sedum (crassulaceae) dalla crescita molto bassa perciò a basse esigenze manutentive.

Credits

 Spinea - Venezia
 Lions Club Spinea, Comune di Spinea
 06/2018
 7.850
 350.000
 MPArchit&cts e F&M Ingegneria
 Arch. Martina Peloso, Ing. Alessandro Bonaventura
 Arch. Martina Peloso
 Leonardo José Dias Freitas, Michele Meneguzzi, Filippo Toniolo
 Non individuati
 Crediti Fotografici: Claudia Ambanelli, Google Maps, AFP/Getty Images (arbre a vent), www.Albumdispinea.it, www.communityplaythings.com.

Curriculum

MPArchit&cts e F&M Ingegneria svolgono attività di progettazione multidisciplinare partendo dal Concept e progettazione preliminare, esecutiva, sicurezza, valutazione economica, Direzione lavori e Controllo, fino alla consegna dell'opera compiuta all'utente finale ed esecuzione nel programma di manutenzione. Lo studio MPArchit&cts ha sede in Spinea (Ve) creato da Martina Peloso, dispone di professionisti, architetti e ingegneri, che operano nella struttura con le più innovative attrezzature hardware e software, piattaforma BIM. MPArchit&cts si avvale di collaborazioni e consulenze specialistiche di comprovata esperienza garantendo sempre al committente un unico interlocutore nell'esecuzione di interventi complessi. F&M Ingegneria con Alessandro Bonaventura, studio di comprovata fama internazionale ha sede in Mirano (Venezia) e da alcuni anni supporta MPArchit&cts nelle attività tecniche specialistiche strutturali, impiantistiche e ne condivide le ambiziose iniziative progettuali.

http://www.mparchitectsitaly.com/

Wish
Voti Ricevuti

Votazioni chiuse