AREAPROGETTI - Riqualificare un simbolo, centro direzionale Plose a Savigliano
  1. Home
  2. Award 2016
  3. Renovation
  4. Riqualificare un simbolo, centro direzionale Plose a Savigliano

Riqualificare un simbolo, centro direzionale Plose a Savigliano

AREAPROGETTI

Renovation / Completed
AREAPROGETTI

L'edificio nasce come palazzina uffici dello stabilimento Origlia, storico produttore di arredi per ufficio, nella prima metà degli anni Sessanta del secolo scorso.
L'architettura originaria, organizzata su due piani fuori terra ed un piano interrato, ancora leggibile in parte, è caratterizzata da un gioco di muri obliqui e finestre a nastro verticali, sul fronte est, e da finestre incorniciate, sul fronte sud.
Nella seconda metà degli anni Novanta del secolo scorso, un importante intervento di ampliamento e ristrutturazione interna ha modificato profondamente il volume edilizio: sono stati costruiti un ulteriore piano, con copertura a botte, e la galleria di servizio, in carpenteria metallica, che sovrasta il fronte nord, configurata come una sorta di grande ponte sorretto da volumi cilindrici in metallo. INTERVENTO, QUESTO, CHE HA ATTRIBUITO ALLA STRUTTURA, INSERITA IN UN CONTESTO DI BORDO E DI MASSICCIO TRANSITO DI MEZZI SU GOMMA, UNA FORTE RICONOSCIBILITA’. La nuova veste architettonica, completata nel corso del 2015, ha coinvolto l'intero fronte nord e parte di quello sud, oltre agli interni. La volontà della committenza era quella di consolidare il ruolo di Landmark, in chiave contemporanea, rispettata con il rivestimento in pannelli di policarbonato alveolare, retrolluminati. Il complesso è diventato sede di una importante e consolidata realtà della diagnostica medica, di uffici di terziario, di spazi espositivi nella suggestiva galleria.
Una nota catena di ristorazione di qualità intende insediarsi a breve negli spazi, in fase di allestimento, al piano terra.
L'intervento ha riguardato la palazzina uffici e l'area antistante l'ingresso, sotto la galleria di servizio, attraverso il ridisegno dello spazio esterno antistante l'ingresso, con realizzazione di rampa di accesso e zona dehors; la demolizione della scala interna originale e la costruzione di una nuova, che collega tutti i livelli dell’edificio; interventi sulle facciate: sostituzione dei serramenti, posa di frangisole e nuova vetrata, lato nord, rivestimento in pannelli di policarbonato alveolare; rifunzionalizzazione dei piani rialzato, terra e primo; posa di nuovi impianti tecnologici.
L'area antistante l'edificio, è stata oggetto di opere volte a superare il dislivello tra piano strada e piano rialzato e ad ottenere uno spazio pedonale, pertinenziale al bar-caffetteria.
Davanti all'ingresso principale dell'edificio, sul sedime pubblico, è stata realizzata una rampa in lastre di pietra, con pendenza del 3%, affiancata lateralmente da una terrazza rettangolare complanare al piano rialzato, pavimentata in doghe di legno.
Il cancello di accesso allo stabilimento, posto nel lato occidentale dell'area, è stato sostituito da un muro in cemento armato a vista dotato alla base di una fioriera per la messa a dimora di piante rampicanti.
Alcune fioriere circolari, in metallo smaltato, accoglieranno piante sempreverdi.
La rifunzionalizzazione degli spazi interni ha portato alla revisione dei percorsi e alla costruzione di una nuova scala con struttura in cemento armato e parapetti in vetro stratificato, posizionata nel settore nord-orientale del fabbricato.
Contestualmente alla costruzione della nuova scala, è stato completamente ridisegnato il fronte nord, smantellando il tamponamento in pannelli di laminato plastico e realizzando una facciata vetrata a tutta altezza, sull'intera larghezza, davanti alla nuova scala ed ai nuovi locali di ingresso.
La struttura è in profilati di alluminio anodizzato naturale, con vetrocamere.
Sul fronte est sono stati sostituiti i serramenti con nuovi, in alluminio anodizzato a taglio termico, e posato un elemento frangisole tra i setti obliqui.
Quest'ultimo è costituto da scatolari verticali fissi, in acciaio verniciato grigio chiaro, fissati ad una sottostruttura metallica antistante le solette.
Sul fronte sud, al piano terra, è stata inoltre realizzata una vetrina, con scala di accesso dal piano stradale, delimitata da una grande cornice.
Il grande volume a ponte di coronamento, finito all’esterno con pannelli di laminato, è stato rivestito completamente con una nuova facciata in pannelli di policarbonato alveolare retroilluminati.
Al piano rialzato sono stati ridisegnati gli spazi con lo scopo di ottenere un nuovo bar-caffetteria, completo dei relativi spazi di servizio, e uno spazio commerciale.
I locali di servizio e preparazione pasti saranno illuminati e ventilati dagli shed esistenti.
La zona centrale, circostante l'ascensore e lo sbarco della nuova scala, è diventato lo snodo funzionale del complesso.
Al piano interrato è prevista la realizzazione di una palestra e di una sala conferenze (40 posti), oltre ai locali tecnici e depositi.
Al primo piano, destinato a poliambulatorio, sono stati modificati tutti locali spostando alcuni muri divisori e la realizzando nuovi servizi igienici, oltre ad interventi sulle finiture e sugli impianti.
Al secondo piano è stata completamente modificata la destinazione d’uso degli spazi: il grande locale voltato, in origine a pianta libera, è stato adibito a zona ufficio, suddiviso da pareti vetrate ed opache in cartongesso; è stato, inoltre, realizzato un lucernario longitudinale posto nel punto più alto del tetto a botte.
Per rendere accessibile il locale della galleria di servizio, sono state realizzate una rampa di collegamento ed una scaletta circostanti ad un volume di servizio.
La parte configurata a ponte, contigua al fabbricato principale, è stata adibita a spazio espositivo, portando l'altezza interna a 270 cm ed eseguendo opere di coibentazione termica, consistenti nella posa di pannelli in cartongesso isolati con lana di vetro sulle pareti esposte.
Per garantire il rapporto aeroilluminante, parte dei pannelli opachi sono stati sostituiti con serramenti a taglio termico e vetrocamera.

Credits

 Savigliano (Cn)
 12/2015
 2195
 Domenico Racca, Giorgio Gazzera, Raffaella Magnano
 Domenico Racca, Giorgio Gazzera
 grafica ddual, Davide Martignetti e Davide Dutto
 OPERE EDILI: EDILTRE Costruzioni s.n.c. di Rovere & C. - OPERE DI LATTONERIA, FACCIATA POLICARBONATO: Zanda Coperture - SERRAMENTI IN ALLUMINIO, FACCIATE STRUTTURALI: Millone Serramenti s.a.s.
 Andrea Bosio

Curriculum

Lo studio AREAPROGETTI, fondato nel 1995, integra le diverse professionalità dei soci ideando e realizzando restauri di complessi edilizi storici, musei, biblioteche, uffici, aree residenziali, insediamenti industriali, strutture e servizi sanitari, con respiro nazionale ed internazionale.
L'attenzione all'ambiente, sia naturale che antropico, porta, negli ultimi anni, all'elaborazione di progetti caratterizzati da scelte orientate alla sostenibilità.
Principali lavori: Nuova biblioteca civica nel complesso monumentale di Santa Croce a Cuneo, in corso di realizzazione; “Bì, la fabbrica del gioco e delle arti”, Museo del giocattolo e del bambino, biblioteca ragazzi e teatro, Cormano, 2010; “BLA”, Biblioteca, ludoteca, archivio a Fiorano Modenese, 2011; “Movimente”, nuova biblioteca civica a Chivasso, 2013; Centro culturale “Le Creste”, Biblioteca, ludoteca, caffetteria a Rosignano Marittimo, 2014; Restauro e rifunzionalizzazione del Castello dei Marchesi di Saluzzo, 2005

http://www.area-progetti.it

Community Wish List Special Prize

Contribuisci con il tuo voto

Votazioni chiuse


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054