Benedetto Camerana - RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO DIREZIONALE E DEL MUSEO STORICO ALFA ROMEO
  1. Home
  2. Award 2016
  3. Culture
  4. RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO DIREZIONALE E DEL MUSEO STORICO ALFA ROMEO

RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO DIREZIONALE E DEL MUSEO STORICO ALFA ROMEO

Benedetto Camerana

Culture / Completed
Benedetto Camerana

Il 30 giugno 2015 il Museo Storico Alfa Romeo viene riaperto dopo un profondo ridisegno architettonico e degli allestimenti, su progetto dell’architetto Benedetto Camerana.
Il Museo era stato inaugurato nel 1976, come completamento del Centro Direzionale Alfa Romeo di Arese (Milano), un complesso architettonico concepito negli anni ’60. Nel 1986 Fiat acquista l’Alfa Romeo e il Centro perde la sua funzione direzionale, fino a svuotarsi del tutto. Il Museo rimane aperto alle visite su richiesta fino al 2011.


Nel 2013 nel quadro del piano di rilancio del brand Alfa Romeo, FCA individua nel Museo, unica presenza storica e istituzionale a Milano, il fulcro della rinascita del marchio. A fine 2013 l’architetto Camerana è chiamato da Sergio Marchionne a proporre un nuovo progetto, che integri gli obiettivi del rilancio del brand con i vincoli di tutela del Ministero dei Beni Culturali Lombardia. Il concept del progetto è presentato nel giugno 2014 ed è immediatamente autorizzato. I lavori partono subito: il brand e FCA richiedono che il Museo sia aperto entro 12 mesi, un tempo da record per un progetto di alta qualità.

Il progetto deve agire su due fronti distinti, ma bene integrati: il ripensamento dell’architettura del complesso secondo le nuove funzioni e il ridisegno dell’allestimento secondo criteri contemporanei.
Il programma affianca molte nuove attività al Museo Storico, che viene trasformato in
un museo contemporaneo, con le attività di supporto (store, caffetteria, archivio) e un brand center con show room, delivery, spazio per eventi, pista di prova, classic center, centro documentazione e officina visitabile.
Il progetto architettonico ridisegna la funzionalità del complesso direzionale adeguandolo alle nuove funzioni e ai flussi di pubblico previsto. L’accesso è portato al lato nord, con ingresso nel basement del Centro, valorizzato come area di accoglienza e pre-museo.

L’idea forte del progetto architettonico è la struttura rossa, un "biscione" che attraversa tutto il complesso. Un’installazione che parte dalla pensilina che accoglie i visitatori nel parcheggio, li accompagna nell'edificio e come un nastro si trasforma nel volume di salita al museo, all’inizio del percorso espositivo. Questo innesto architettonico contemporaneo, ben visibile dall’autostrada nel suo “nuovo rosso Alfa”, è il simbolo evidente della rinascita del Museo.

Il progetto espositivo ridisegna il Museo storico in chiave contemporanea. L’essenza della marca Alfa Romeo è sintetizzata in tre valori: la Timeline, che rappresenta la continuità industriale; la Bellezza, che esprime lo stile e il design; la Velocità, sintesi di tecnologia e leggerezza. A ogni valore corrisponde un piano del Museo.
Il design dell’allestimento interpreta in modo efficace e coerente i valori della marca, esponendo una selezione delle settanta auto più importanti della collezione. Per ognuno dei tre piani, una differente declinazione del design, dalla razionalità della “Timeline”, all’eleganza della “Bellezza”, alla teatralità della “Velocità”. L’esposizione è ampiamente integrata da sistemi multimediali, interattivi o immersivi, che accompagnano il visitatore in un'esperienza emozionale.

Credits

 Arese, Milano
 FCA, Fiat Partecipazioni
 06/2015
 126741
 36000000
 Benedetto Camerana
 Marco Caretto, Giulia Mondino, Marco Biondi, Marco Caprani, Mattia Greco, Ivan Rotella, Anna Truglio, Shinobu Hashimoto
 CGG - Costruzioni Generali Gilardi
 Barrisol, NRB (vetro resina), Graniti Fiandre (ceramiche), DTS (illuminazione museale), iGuzzini (installazione DNA), Falcone (carpenteria)
 Sebastiano Pellion di Persano

Curriculum

Benedetto Camerana (Torino, 1963), architetto, paesaggista, PhD in Storia dell’Architettura e dell’Urbanistica. Presidente del Museo Nazionale dell’Automobile dal 2012, del consorzio Lingotto dal 2013, Torino e membro del Metaphisical Club della Domus Academy, Milano, dal 2015.
Tra le opere principali già realizzate il Villaggio Olimpico per i XX Giochi Olimpici Invernali Torino 2006, , la Tecnocity Environment Park (Torino 1999), il centro commerciale e multisala Bicocca (Milano 2005), l’Urban Center di Rivarolo Canavese (2008), il ridisegno del centro urbano di Trino Vercellese (2010), il Campus Luigi Einaudi (Torino, 2012), il Juventus Museum (Torino, 2012), gli Atelier Ferrari (Maranello, 2012), il ridisegno del Museo Alfa Romeo di Arese (giugno 2015) e Camera - Centro Italiano per la Fotografia a Torino (settembre 2015).
Tra le opere in cantiere la nuova sede dell’ACI Torino e il piano particolareggiato per il waterfront di Messina.

http://camerana.com

Community Wish List Special Prize

Contribuisci con il tuo voto

Votazioni chiuse


© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054