Whitechapel Art Gallery London
  1. Home
  2. Architettura
  3. Whitechapel Art Gallery London

Whitechapel Art Gallery London

Whitechapel Art Gallery London
Scritto da Redazione The Plan -
Fondata nel 1901 nell’East End londinese da Samuel A. Barnett con l’intento sociale di divulgare la conoscenza dell’arte e promuovere iniziative culturali all’interno di un quartiere popolare, nell’arco di breve tempo la Whitechapel Art Gallery è divenuta, e lo è ancora oggi, un importante indirizzo per la diffusione dell’arte moderna e contemporanea. La galleria, che ha sempre sofferto a causa della carenza di spazi, è stata recentemente ampliata inglobando lo spazio lasciato libero dall’adiacente biblioteca pubblica. Gli architetti Robbrecht en Daem, di Gent in Belgio, e Witherford Watson Mann, londinesi, hanno riunito l’edificio art nouveau della Whitechapel e la biblioteca costruita nel 1892 in un unico grande complesso caratterizzato da spazi di dimensioni diverse in cui convivono storia e modernità. L’intervento di ampliamento ha reso possibile l’apertura ai visitatori dell’archivio della galleria, in precedenza conservato nelle cantine e oggi accessibile al pubblico al primo piano, affiancato da una sala di lettura. Il nuovo layout degli ambienti si richiama volutamente alla storia dell’edificio. Alla sua apertura nel 1901 la galleria era già fornita di elettricità e poteva vantare un sistema di illuminazione all’avanguardia. Questo consentiva alla Whitechapel Art Gallery, a differenza degli altri musei londinesi, di restare aperta ben oltre l’imbrunire sino alle 22.00, per garantire alla popolazione del quartiere la possibilità di frequentarla dopo l’orario di lavoro. Nella reinterpretazione dell’edificio, il rapporto con la luce artificiale è stato tenuto in grande considerazione, e gli architetti hanno voluto recuperare anche nella forma i primi apparecchi illuminanti dalla classica forma sferica, che Glashütte Limburg ha perfezionato nel corso del tempo in termini di materiale, lavorazione ed efficienza. Equipaggiato con lampade moderne e ad alta resa energetica, compatte e fluorescenti, questo apparecchio classico fornisce un livello di illuminazione artificiale molto simile alla luce naturale diurna. Nelle stanze con soffitti più bassi, le sfere sono state montate direttamente a soffitto o a parete. L’East End londinese da quartiere operaio è divenuto oggi un vivace quartiere abitato da artisti che ne hanno fatto un importante centro di creatività. Il rinnovamento della galleria, oltre a collegarsi e a rimarcare lo spirito educativo con cui la Whitechapel Gallery è nata agli inizi del Novecento, fornisce un importante contributo all’evoluzione del quartiere, che potrà continuare ad avere nei suoi spazi un forte punto di identificazione e riferimento.

Bega
Hennenbusch
D - 58708 Menden
Tel. +49 2373 966-0
Fax +49 2373 966-216
E-mail: exporte@bega.com
www.bega.com
Visualizza il pdf dell'articolo
Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054