1. Home
  2. Architettura
  3. Villa M, un manifesto naturalistico a Parigi

Villa M, un manifesto naturalistico a Parigi

Triptyque Architecture firma insieme a Philippe Starck un edificio multiuso nel quartiere di Montparnasse, caratterizzato da un rigoglioso giardino verticale

Triptyque Architecture | Philippe Starck

Villa M, un manifesto naturalistico a Parigi
Scritto da Redazione The Plan -

Il termine “tropicalizzazione” viene utilizzato per descrivere lo stato degli occidentali che hanno vissuto ai tropici e che hanno difficoltà a riadattarsi al loro paese di origine. Chi ha vissuto in Brasile sa e lo studio franco brasiliano Triptyque Architecture traduce in architettura un modo di pensare e di vivere, determinato ad abbracciare il calore della vita tropicale e la sua etica sociale. L’approccio dell’architettura tropicalista favorisce elementi di entropia in grado di destabilizzare l’eccessivo ordine delle città, introduce la sensualità all’interno della rigida dimensione urbana moderna, assegna una certa autonomia ai progetti in modo da renderli estranei ai loro stessi progettisti.

 

Villa M, un manifesto naturalistico

Villa M - Triptyque Architecture with Philippe Starck © Michael Denancé, courtesy of Triptyque Architecture and Philippe Starck

È a partire da queste premesse che lo studio Triptyque Architecture, con la direzione artistica e architettonica firmata da Philippe Starck, ha progettato Villa M, un edificio multiuso nel quartiere parigino di Montparnasse lungo Boulevard Pasteur, commissionato dal Groupe Pasteur Mutualité.

L’edificio, che racchiude una superficie di 8.000 m2, è concepito in maniera essenziale e minimalista: uno scheletro metallico di travi e pilastri prefabbricati ne costituisce la struttura e il perimetro. Il volume è immaginato per essere il supporto di un giardino verticale fatto di piante officinali, alberi da frutto di medie e grandi dimensioni che cresceranno e occuperanno l’intera facciata, diventando l’architettura principale. Oltre all’aspetto più poetico e rappresentativo dell’approccio tropicalista, la superficie vegetale così progettata contribuisce a migliorare il comfort termico degli ambienti interni e l’efficienza energetica dell’intero edificio, prediligendo materiali organici e metodi costruttivi low tech.

La natura diventa pertanto elemento fondante dell’architettura di Triptyque Architecture, che si impone e arricchisce di nuovi significati il paesaggio urbano. L’architettura ha l’obiettivo di portare la natura in città, permettendo ai cittadini di sperimentare una nuova urbanità, a contatto con i bisogni più ancestrali e profondi.

 

>>> Scopri Easyhome Huanggang Vertical Forest City Complex, il primo bosco verticale in Cina, e Trudo Vertical Forest, il primo a essere progettato per il social housing

 

Un edificio multifunzionale

Villa M - Triptyque Architecture with Philippe Starck © Michael Denancé, courtesy of Triptyque Architecture and Philippe Starck

Il programma immaginato per Villa M include attività miste e insolite: all’interno dei suoi otto piani l’edificio ospita un hotel, un ristorante, un’area per conferenze, un coworking e un centro sanitario innovativo e dinamico, con uno showroom per start up di carattere medico, nell’intento di promuovere l’incontro, lo scambio e il mutuo supporto tra persone con diverse specializzazioni in campo medico e sanitario.

Con la crisi sanitaria degli ultimi anni, i temi legati alla salute hanno superato i perimetri degli ospedali per estendersi all’intera città e cambiare i rapporti tra cittadini. Immaginato prima della pandemia da Covid-19, il programma rivoluzionario di Villa M contribuisce a una reciproca apertura tra città e assistenza sanitaria in un contesto attraente e accattivante.

Natura e ibridazione programmatica sono i due aspetti che fanno di Villa M un modello per immaginare la città del futuro, un’esplorazione iniziata per Triptyque Architecture con i progetti brasiliani di Harmonia 57 a San Paolo e proseguita a Parigi con la collaborazione con il paesaggista Pablo Georgieff di Coloco. Rafforzando temi già cari a Triptyque, Villa M è un manifesto tropicalista dove sperimentazione, improvvisazione, entropia e ibridazione contaminano e corrompono l’ordine e il rigore dei boulevard parigini.

 

>>> Sempre a Parigi, Manuelle Gautrand Architecture ha progettato il complesso residenziale Edison Lite, con più di 6mila piante in facciata e in copertura

 

|||   ISCRIVITI A THE PLAN   |||   Ricevi direttamente le più belle storie del mondo dell'architettura e del design, gli ultimi progetti realizzati, classifiche e recensioni, consigli su video, gallery e interviste

Credits

Location: Parigi
Client: Groupe Pasteur Mutualité
Built-up Area: 8.000 m²
Architect: Triptyque Architecture + Philippe Starck
Landscape: Coloco
Main Contractor: Eiffage Construction

Photography by Michael Denancé or Yann Monel, courtesy of Triptyque Architecture + Philippe Starck

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054