Una nuova idea di comfort e privacy per spazi metamorfici
  1. Home
  2. Architettura
  3. Una nuova idea di comfort e privacy per spazi di lavoro metamorfici

Una nuova idea di comfort e privacy per spazi di lavoro metamorfici

Sempre più flessibili, le nuove sedute office e home office di Milani uniscono design e funzionalità

Alessandro Crosera | Elena Pistolato | Margherita Rui | Giovanni Ingignoli

Una nuova idea di comfort e privacy per spazi metamorfici
Scritto da Redazione The Plan -

Immaginazione, creatività ed equilibrio tra design e comfort per un mondo in perenne evoluzione in cui gli spazi di lavoro sono sempre più fluidi, ibridi nelle proprie funzioni e accoglienti nelle forme. Milani ha realizzato il suo nuovo catalogo di sedute per ufficio e home office, ma anche per il settore contract, nel segno di una metamorfosi costante, senza tradire la storica priorità di benessere e comodità in armonia con l’ambiente. È sempre più sentita, infatti, la necessità di integrare la condivisione e il dialogo in ampi open space con la riservatezza e la privacy di momenti più intimi e personali.

 

People Home, Work e Phone di Alessandro Crosera

In un intreccio tra iconicità e avanguardia trovano ispirazione le tre novità della collezione People, che vanno ad allargare una famiglia nata nel 2017 e progettata, allora come oggi, da Alessandro Crosera. Dopo l’integrazione del 2018 con People Set, ora sono arrivate People Home, Work e Phone, facilmente integrabili nel contesto grazie alla disponibilità in mono o bicolore tra una selezione di oltre 300 tonalità. Nel primo caso viene ripresa la filosofia del set, unita alla figura archetipica della casetta dell’infanzia. Il risultato è un angolo di tranquillità e dall’acustica ovattatacomposto da due divani o poltrone dallo schienale alto che si guardano e protetto da una parete di collegamento e da una copertura tetto a capanna appoggiata sugli schienali. La struttura, oltre a essere dotata di prese elettriche e Usbcome le altre due serie, è illuminata da LED a parete o a soffitto ed è completata da un tavolino in diverse finiture. E sono proprio le scrivanie, con le sottostanti librerie, a essere protagoniste di People Work: si tratta della riproposizione della medesima linea data dagli alti schienali, trasformati però nei supporti di tavolini integrati lungo tutto il loro perimetro. Nascono così delle cellule-ufficio autosufficienti e combinabili per office pod sempre più ampi a seconda delle necessità. Infine vi è People Phone, un’altra soluzione forgiata per momenti di privacy grazie alla struttura fluida in tessuto che diventa una parete con piano alto in metallo antigraffio.

 

Quiet e Beth di Elena Pistolato e Alessandro Crosera

Alessandro Crosera, questa volta in collaborazione con Elena Pistolato, ha firmato anche la collezione Quietemblema di semplicità e modularità. Da un singolo modulo, lineare e squadrato, è possibile creare infinite tipologie di sedute, da isole con quattro posti a divani lineari, ad angolo fino a quelli a onda. L’elemento base di ciascuno di questi giochi stilistici è una seduta con braccioli e schienali alti o doppi dall’imbottitura confortevole su un lato o su entrambi. I due architetti hanno anche progettato la scultorea ed elegante Beth, la nuova collezione di poltroncine e divani adatta al contract e all’hospitality, oltre che agli uffici e agli ambienti domestici. A caratterizzarla sono le sue linee morbide e avvolgenti ma dallo “squilibrio estetico” dato dal sovvertimento delle classiche proporzioni: i braccioli sono leggermente più alti dello schienale, il quale non abbraccia la seduta ma la sovrasta, lasciandone intravedere lo spessore anche sul retro.

 

MI Chair firmata da Giovanni Ingignoli

Adatta a tutti i contesti al pari di Beth, anche MI Chair by Giovanni Ingignoli, alla sua prima collaborazione con Milani e per la quale ha messo al centro la figura dell’uomo. Seduta e schienale sono parte della stessa scocca, con un restringimento centrale e con un’imbottitura in schiumato ignifugo dai rivestimenti diversi. In alluminio rifiniti metallo lucido, verniciato oro, antracite, bronzo e rame sono i braccioli, formati da un’unica sottile struttura che abbraccia lo schienale e va a delineare una M stilizzata. In alcune versioni i braccioli possono non esserci, come la seduta può essere fissa o girevole e la base a piramide in legno o in metallo, a slitta, con telaio in metallo e a cinque razze in alluminio.

 

Bakku e Plot by Margherita Rui

Prima collaborazione con l’azienda veneta anche per Margherita Rui, che ha firmato Bakku e Plot. La prima delle due collezioni trasforma la giocosità della designer in una serie di pouf di quattro diverse dimensioni e di accessori adatti ad ambienti contract, ufficio e home office. Le forme arrotondate permettono la composizione di una o più sedute, anche grazie allo schienale, dal profilo morbido e scultoreo, che può essere applicato sia sul pouf singolo sia come divisorio tra due. Infine Plot, la grande novità tra i prodotti Milani: per la prima volta in catalogo i pannelli fonoassorbenti da terra, da parete e da soffitto sono realizzati come un intreccio di trama e ordito di diversi tessuti. Il primo modello, di forma rettangolare, ha un basamento in metallo nero verniciato a polvere che lo rende un vero complemento d’arredo flessibile. I modelli a parete e a soffitto, disponibili in forma quadrata o rettangolare, possono essere combinati fino a creare un gioco di texture e colori a seconda del contesto e abbinabili ai pouf Bakku. 

 

Maggiori informazioni sui prodotti Milani: www.sm-milani.com

Photo Credits: Alba Deangelis, Alberto Sinigaglia e Federico Carretta, Courtesy of Milani

 

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Tag
#Alba Deangelis  #Federico Carretta  #Alberto Sinigaglia  #Arredi home office  #Arredi contract  #Arredi ufficio  #Milani  #Acciaio  #Tessuto  #Legno  #Design  #2021  #Alessandro Crosera  #Elena Pistolato  #Margherita Rui  #Giovanni Ingignoli  #What's On 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054