Un potente prisma nero per la sede di Chromavis
  1. Home
  2. Architettura
  3. Un potente prisma nero per la sede di Chromavis

Un potente prisma nero per la sede di Chromavis

Eba Engineering | Marco Vigo | Alessia Garibaldi

Un potente prisma nero per la sede di Chromavis
Scritto da Caterina Testa -

Un imponente minerale nero, dalle linee nette e dai tagli diagonali decisi, rappresenta e ospita la sede di Offanengo della Chromavis, azienda di rilevanza internazionale nella produzione cosmetica conto terzi. L’intrinseca vocazione per la ricerca, l’innovazione e la bellezza del campo cosmetico, ha condotto a un progetto riconoscibile, iconico ed eco-sostenibile in coerenza con il carattere di un’azienda volta al futuro.

Il team di progetto, composto da Eba Engineering (arch. Ercole Barbati) per la parte architettonica e da Alessia Garibaldi e Marco Vigo per gli interni, ha saputo dare forma e volume alle intenzioni di Chromavis. Su un tassello della pianura cremasca, al confine tra il paese di Offanengo e i campi agricoli, il nuovo Headquarter di Chromavis si sviluppa su una superficie costruita di 45.000 mq, distribuiti tra il volume scuro e frastagliato degli uffici e l’ampia piattaforma produttiva, circondati da un ampio spazio verde che si articola in piccoli rilievi e specchi d’acqua.

Il progetto del volume e quello degli interni è coerente in ogni dettaglio. L’essenzialità del nero e del bianco si alternano sulle superfici interne e conferendo ora leggerezza, ora autorevolezza e solennità agli spazi; i colori vivaci degli arredi fanno da contrappunto a questa rigorosa bicromia. Gli spigoli diagonali dell’involucro diventano le linee oblique che disegnano le aperture, le luci interne e la scansione delle superfici bianche e nere. 

La cura per lo spazio aperto e per il verde è un altro filo conduttore che lega il progetto insediativo a quello degli interni: terrazze, patii interni e verde indoor consentono di godere di scorci sempre diversi costantemente a contatto con la natura.

La distribuzione interna risponde a principi scenografici e spettacolari volti ad accogliere e a stupire il visitatore: la hall di ingresso è un grande volume in cui la reception in granito nero, interamente realizzato a mano, emerge dal basamento in marmo a spacco trattato in foglia d’oro; la parete di sfondo è in vetro nero che diventa ora superficie interattiva, ora specchio per chi entra e per il contesto intorno.

I volumi di collegamento tra i piani a doppia altezza, dislocati in due punti del percorso, sono caratterizzati da muri obliqui le cui scale scolpite escono a sbalzo.  Gli uffici direzionali e le diverse aree funzionali poste su due piani ruotano intorno a questi volumi, centro di un macrocosmo da dove partono ponti e percorsi connettivi, trasformando l'edificio in un elemento sempre vivo, mutevole e cangiante.

Location: Offanengo, Cremona
Architecture designers: EBA Engineering. Arch. Ercole Barbati e collaboratori, Ilaria De Simoni, Francesco Barbati
Interior designers: Arch. Alessia Garibaldi, Arch. Marco Vigo e collaboratori, Arch. Simone Ferrara
Landscape: Frassinago Bologna
Plant designer: METCing: electrical plant design; DIGIERRE3: thermal and mechanical plant desig; Bouygues: plant construction
Photography: © Giacomo Albo, courtesy EBA Engineering, Alessia Garibaldi e Marco Vigo

 
Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design
Tag
#Albo  #Chromavis  #Cremona  #Italia  #Complesso produttivo  #2021  #Marco Vigo  #Eba Engineering  #Alessia Garibaldi  #Architettura Italiana 

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054