Un polo di artigianato e creatività: Leon Lebeniste Facility
  1. Home
  2. Architettura
  3. Un polo di artigianato e creatività: Leon Lebeniste Facility

Un polo di artigianato e creatività: Leon Lebeniste Facility

Il progetto vuole coniugare design e sostenibilità, con un’attenzione particolare al coinvolgimento della comunità locale

Hemsworth Architecture

Un polo di artigianato e creatività: Leon Lebeniste Facility
Scritto da Redazione The Plan -

«Il nostro intento era creare uno spazio che riflettesse il tipo di lavoro che svolgiamo: amiamo il design e desideravamo lavorare in un luogo che lo rispecchiasse. Volevamo anche che fosse accessibile, che le persone potessero entrarci e che fosse un luogo di ritrovo per gli artigiani di Squamish».

Quando Jon Hewitt, il fondatore della Leon Lebeniste Fine Furnishings & Architectural Woodworking – azienda specializzata nella lavorazione del legno e nella produzione di arredi su misura – ha avuto bisogno di un luogo più grande per ospitare la sede della sua attività non ha avuto dubbi su cosa voleva dalla nuova architettura e sul fatto che avrebbe affidato il progetto a Hemsworth Architecture, studio che si era già fatto notare per la sua sensibilità verso la sostenibilità ambientale e il design.

L'edificio che sorge nella magnifica Squamish Valley, nella British Columbia, è quindi il risultato di una stretta collaborazione tra Jon Hewitt e gli architetti di Hemsworth Architecture, in particolare con il fondatore dello studio, John Hemsworth.

 

Un’architettura aperta

Leon Lebeniste Facility, Hemsworth Architecture ©Ema Peter, courtesy of Hemsworth Architecture

Il progetto è stato pensato attorno a tre obiettivi principali: l’attenzione alla sostenibilità, dare valore al design e creare un polo di aggregazione per la comunità, un centro per i maker e i creativi di tutta la valle.

Il nuovo stabilimento industriale si sviluppa su tre livelli per una superficie totale di 2.700 m²: con le sue forme, i suoi colori, le sue finiture si inserisce perfettamente nel paesaggio naturale della Squamish Valley, richiamando al contempo le tradizioni artigianali e manifatturiere della regione.

La composizione si presenta come una serie di volumi sovrapposti, leggermente sfalsati su alcuni prospetti e scavati da vuoti su altri. Doghe verticali in legno di cedro rosso creano una trama geometrica che dialoga con la stereometria dell’architettura e stabiliscono un dialogo con i colori della natura circostante. A completare le superfici opache degli alzati, sono pannelli metallici scuri, che richiamano il profilo metallico delle vetrate.

Il desiderio di Jon Hewitt era un piano terra trasparente, per incentivare un dialogo tra l’esterno e l’interno. Affermando che «gli spazi industriali tendono a essere una scatola nera», il fondatore dell’azienda ha spiegato come lo stabilimento sia stato progettato in modo da coinvolgere la comunità, affinché le persone di passaggio, di giorno o di notte, potessero vedere uno spazio di lavoro locale.

A differenza di altre strutture del distretto industriale circostante, la facciata principale dell'edificio presenta dunque una lunga striscia di vetrate a tutta altezza a piano terra, che permette di vedere l'impianto di produzione dall'esterno. Sullo stesso fronte, un’altra linea di finestre a nastro segna il volume sovrastante, che si presenta come un prisma chiuso e massivo, rivestito interamente in legno.

>>> Scopri anche CheckMate Winery, una cantina vitivinicola nella British Columbia

 

Il legno dentro e fuori

Leon Lebeniste Facility, Hemsworth Architecture ©Ema Peter, courtesy of Hemsworth Architecture

Entrando nell’edificio, si è completamente circondati dal legno: la struttura del telaio portante è realizzata in Glulam, fatto di tavole di legno incollate, mentre i solai e il tetto sono in legno lamellare incrociato CLT. L’utilizzo di tale materiale è stato scelto in ottica di sostenibilità e per la capacità di creare un ambiente intimo e accogliente, richiamando così anche il core business dell’azienda.

L’interno dello stabilimento ospita il negozio, gli uffici e l’impianto di produzione industriale. Gli spazi sono stati studiati in ottica di continuità visiva e di collaborazione tra le persone. Dall’ingresso, che avviene dal negozio, è infatti possibile intravedere la grande scala che conduce agli altri livelli, dove sono collocati la fabbrica, che occupa tutto il piano principale, e gli uffici e gli spazi di progettazione al piano superiore, che godono di un affaccio sulla produzione. Un espediente, questo, che trasmette un senso di coinvolgimento di tutti i lavoratori come parte di un unico processo.

L'ultimo piano ospita ulteriori spazi industriali e uffici, progettati con l'obiettivo di condividere l'edificio con altri maker e creatori di Squamish.

Infine, per rafforzare il rapporto tra il Leon Lebeniste e la comunità locale, è previsto un caffè sul rooftop e un tetto verde, che aumenta la sostenibilità dell’edificio e confonde i contorni dell’architettura nel paesaggio naturale.

 

Iscriviti alla newsletter

 

Credits

Location: Squamish Valley, British Columbia, Canada
Completion: 2021
Client: Leon Lebeniste
Architect: Hemsworth Architecture

Consultants
Structures: Equilibrium Consulting Inc.
Mechanical: MCW Consultants Ltd.
Electrical: MCL Engineering Ltd.
Landscape Architect: Considered Design Inc.
Main Contractor: Kindred Construction

Photography by Ema Peter, courtesy of Hemsworth Architecture

Resta aggiornato sulle novità del mondo dell'architettura e del design

© Maggioli SpA • THE PLAN • Via del Pratello 8 • 40122 Bologna, Italy • T +39 051 227634 • P. IVA 02066400405 • ISSN 2499-6602 • E-ISSN 2385-2054
ITC Avant Garde Gothic® is a trademark of Monotype ITC Inc. registered in the U.S. Patent and Trademark Office and which may be registered in certain other jurisdictions.